Il potere dei nomi (e quello dei nickname)

No, non si parlerà di Qabbalah – non ancora. Un giorno, forse…
Ma che ospite sgradevole, prima le buone maniere: accomodatevi pure nel mio salotto, e vogliate gradire un calice colmo di granaglie!
Facezie a parte, voglio usare questo spazio della voliera per fare chiacchiere “da salotto”: niente mini-recensioni da 2000 parole o altro, solo inutili ciance, volevo dire, inutili ciance.

La scelta dei nickname mi da sempre delle difficoltà, perciò le inutili ciance di oggi sono dedicate ai nickname.
Ammesso che a qualcuno possa interessare la cosa, ecco la storia dei miei pochi nickname.

Kagura

Ho scelto questo nome quando mi sono iscritto al forum che poi assunse il nome Valm Neira, dedicato principalmente al gioco di ruolo fantasy intorno ai drow (e relativi romanzi) e in seconda battuta al gioco di ruolo Vampiri: la Masquerade, soprattutto dal vivo.

chizuru-pose
Chizuru Kagura, da The King of Fighters
(Fonte: The Fighters Generation)

Degli elfi scuri non mi fregava granché: esteticamente stilosi, avevano però una cultura aberrante in cui delle matrone imbecilli rendevano schiavi gli inutili maschi della loro specie e, invidiose dei cattivi da operetta più biechi, si dedicavano a nequizie gratuite e adoravano una schifosa dea-ragno chiamata Lolth. Io sono aracnofobico e superato un certo limite di stereotipo, smetto pure di ridere per la comicità involontaria.
Ma Valm Neira mi interessava perché ai tempi andavo pazzo per il gioco di ruolo di Vampiri e così mi sono iscritto per avere informazioni. Tralasciando le fesserie che ho fatto in quel forum nel tempo e lo spasso di interagire con parecchie persone simpatiche, per iscrivermi avevo bisogno di un nickname e ho scelto Kagura.

L’ispirazione non era Kagura di Inuyasha, ma Chizuru Kagura della serie di videogame The King of Fighters: una sacerdotessa scintoista che aveva uno strano gusto per i vestiti. Mi divertivo molto a usarla in sala giochi – dicesi “personaggio preferito”.
Sebbene mi sia fatto qualche risata, a vedere che alcuni mi prendevano per donna a causa dell’avatar scelto (sono un po’ trickster!) c’era un problema: presso gli appassionati di manga, il nickname Kagura era un po’ comune (probabilmente per via del personaggio di Inuyasha) e così, quando ho iniziato a leggere i blog e a commentare gli articoli, mi sono posto il problema: quale nickname, per non generare equivoci?

Daniele

Non riuscendo a decidermi, per il mio primo commento su un blog – Gamberi Fantasy – ho scelto il mio nome anagrafico, ovvero Daniele.
Una gran bella furbata, dato che è un nome (ergo anche un “nickname”, per chi sceglie di firmarsi col suo vero nome) lievemente più comune di Kagura, ma ai tempi mi sono rotto le scatole di rimuginare sul nom-de-guerre migliore e banalmente, non ci ho proprio pensato. >.<
Così, è andata a finire che ancora oggi mi firmo Daniele, quando rompo le balle su molti dei blog altrui. Con un’unica serie di importanti eccezioni…

Gemellone solare

Ai tempi di Valm Neira, mi è capitato di conoscere un ragazzo molto simpatico e col quale condivido molti interessi e punti di vista, al punto che abbiamo iniziato a definirci i “gemelli diversi” o “gemelloni solari” (se la mia memoria non fa cilecca, la cosa dei gemelloni solari l’ha inventata lui).
Il suo nickname è Ysingrinus e di recente l’ho ritrovato come proprietario di un blog, Discussioni concentriche.
A volte vengo colto da una strana voglia di teatralità, così quando ho iniziato a commentare da lui, per non firmarmi Daniele e poi dire “ti ricordi di me? Sono Kagura di Valm” ho optato per Gemellone solare.
E così, sul suo blog e su quelli di alcuni suoi commentatori fissi, mi firmo Gemellone solare.

Conte Gracula

E veniamo all’ultimo nickname!
Anni fa, giocando con amici a un’avventura grafica intitolata Dracula 3: il Sentiero del Drago, mi sono imbattuto in un indovinello in cui sette sezioni di un oggetto potevano assumere tutte il valore di una lettera dell’alfabeto: mi sono ritrovato con l’oggetto che riportava il nome di Dracula, bisognava però modificare la scritta per ottenere una data in numeri romani.
Per puro cazzeggio, ho usato l’oggetto per scrivere Gracula (per chi non lo sapesse, la gracula religiosa è il merlo indiano. Circa) e da lì è nato il nickname che uso su questo blog, e di conseguenza anche il tema dell’oscura voliera abbarbicata sui Carpazi.

È da un po’ che sto meditando sull’idea di usare solo Conte Gracula per commentare, magari accompagnato per qualche tempo dal vecchio nickname, così da scongiurare tutti i pericoli di ambiguità e soprattutto non dovermi scervellare per ricordare la combinazione di nickname + casella di posta che uso per ogni blog che seguo, ma fino a oggi non mi sono ancora deciso…

Bonus Track! Il nickname che mai fu e mai sarà

Ora che ho ucciso la magia e il mistero (e la voglia di vivere degli eventuali lettori) posso dire che ero indeciso se usare come nickname una creatura mitologica inventata (credo) da un amico: il Coniglio Vorpal! Fighissimo!

ultimate vorpal rabbit
Come vedo il Coniglio Vorpal!
Peccato che il mondo ci veda qualcosa di fallico (dannato Freud!).
Le sue orecchie vorrebbero essere dei kukri

Avevo pronto anche il motto (Entra nella tana del vorpido bianconiglio!) e un discutibile avatar fatto male a mano, passato male allo scanner e modificato male al PC… Poi ho cambiato idea perché ho superato il primo giorno di aprile senza aprire il blog e non ero certo che Coniglio Vorpal fosse il nome più scemo possibile da usare. Ma non è il momento di scantonare sull’argomento del non-compleanno della voliera, perciò concludo qui il mio primo delirio salottiero.

Chi vuole, può parlare del suo (o dei suoi) nickname qui nei commenti o sul suo blog: non è un argomento di vitale importanza, ma il processo che porta a scegliere uno pseudonimo mi incuriosisce molto giusto per sapere se sono l’unico svitato al mondo che spreca tempo in questioni triviali. :D

Annunci

11 pensieri su “Il potere dei nomi (e quello dei nickname)

  1. Non avevo mai letto un articolo sulla storia dei nickname, è interessante.

    Conoscevo il nickname Daniele! Siccome frequento molti blog che frequenti anche tu, mi è capitato molte volte di vederti. Avevi attirato la mia attenzione con i tuoi commenti ironici. Appena ho visto che avevi aperto un blog tutto tuo (sono giunto alla Cupa Voliera tramite un tuo commento sul blog di Zwei), mi sono precipitato a iscrivermi. Già, ti lurkavo da ancor prima che aprissi un blog! Il che fa di me un Master Lurker. XD

    Simpatica la storia di come è nato il nome Conte Gracula. Perdonami, ma all’inizio pensavo che fosse un errore di battitura! Ahahahah Poi ho cercato “gracula” su Google e ho capito il gioco ci parole.

    Uno dei miei nickname da battaglia è Yukimura (in onore di Yukimura Sanada). Però ho gli stessi problemi che hai avuto tu con Kagura, quindi a volte mi tocca metterci numeri in fondo o, più spesso, cambiare completamente nome.

    Ma il nickname che ho usato di più è stato senza dubbio Lopoiuy (un nome che è uscito fuori un po’ per caso facendo scorrere il dito sulla tastiera (no, sul serio, guarda come stanno messe le lettere sulla tastiera XD )). È dai tempi di Habbo che uso questo nome in giro su forum, giochi e chat, soprattutto per trollare (sì, ero una brutta persona).

    1. Son contento che ti sia piaciuto :) sarò un po’ maniacale, ma mi piace usare nomi di un certo spessore ^ ^
      Non pensavo che mi avessi notato da Zweilawyer, ha un sacco di commentatori assidui e credevo di passare relativamente inosservato :P e fa molto chic, essere lurkato prima del tempo: è come un preorder! XD

      Per il Conte Gracula, non ti preoccupare: quando ho fatto quella scemenza nel videogioco, avevo solo una vaga idea che esistessero degli uccelli chiamati gracule :) e riguardo a Yukimura, mi consola sapere di non essere il solo a scegliere nick molto diffusi :)
      Se un nome è figo c’è poco da fare, Conte Gracula, invece, è scemo e non dovrei avere molta competizione per usarlo ^ ^

      Anche affidarsi al potere del caos e far scorrere un dito sulla tastiera può essere una soluzione, per scegliere un nome inusuale (Lopoiuy suona bene come nome per una mascotte pucciosa da fumetto) io però non lo farei mai, perché l’universo mi manda spesso degli strani segnali: probabilmente mi uscirebbe “scannanime” e nessuno crederebbe che non sia voluto :P

    1. Non conoscevo questo libro, ma sei andato a stuzzicare uno dei miei interessi non troppo nascosti: l’induismo, forse la religione più psichedelica tra quelle che conosco!
      Se solo gli Adelphi non avessero prezzi così robusti… ma mo’lo metto in coda.

      Per quanto riguarda il vorpido bianconiglio, resterà sempre un mio piccolo rimpianto… forse un giorno ne farò una categoria per articoli del blog :)

    2. Ammetto di avere la favoleggiata memoria del pesce rosso, ma temo di non conoscere Malamoud. E una ricerca al volo non mi ha dato risultati su Valm – magari ne tenterò una più approfondita :)

    3. Nel 2009 hai postato un’immagine di Yama e Yami sulla parte social di Valm. In quel periodo avevo ben 1 ora di internet al dì, così mi limitavo ai post e ogni tanto commentavo le immagini che apparivano in cima al forum.
      Temo che quella di Yama non sia mai apparsa :(

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...