Cthulhu Realms, videogioco per Android

“Your mind appears to be more resistant to the effects of the artifacts.
Langham teorizes that, since you memorized the US Tax Code, you have some immunity to the madness of fear that grips most men.”
“La tua mente sembra essere più resistente agli effetti degli artefatti.
Langham ipotizza che, sin dal momento in cui hai memorizzato le leggi fiscali degli Stati Uniti, tu possegga qualche immunità verso la follia della paura che attanaglia la maggior parte degli uomini.”
Il narratore nella fase di debriefing in Cthulhu Realms

Leggendo questo articolo di Mastro birraio, ho scoperto l’esistenza di un gioco di carte del genere deckbuilding chiamato Star Realms; nell’articolo di Mastro birraio, ho scoperto anche che esiste in versione free to play per Android, così mi son detto: mi piacciono i giochi deckbuilding, diamo un’occhiata!
L’ho trovato subito, ma al suo fianco ho visto qualcosa che mi interessava di più, opera della stessa casa: Cthulhu Realms, praticamente lo stesso gioco ricolorato in salsa lovecraftiana!
Il risultato è che Star Realms non l’ho ancora provato, Cthulhu Realms sì. :P

Cthulhu Realms 101

Nella modalità Campaign (Campagna) il giocatore interpreta l’agente di un ente governativo di recente formazione, chiamato Internal Revenue Service – una specie di Agenzia delle Entrate – incaricato di indagare su un caso palese di frode ai danni del fisco: il magnate Jacob Blessington, nell’ultimo anno, ha dichiarato solo 14 dollari di tasse pur essendo più ricco di Creso! XD
Inutile dire che sin dal primo istante, sarà tutto un fiorire di mostri, libri proibiti e luoghi dalle geometrie non euclidee…

La scheda

Concetto originale: Darwin Kastle
Illustrazioni delle carte: Rob Lundy
Narrazione: TK Kellman, Nicole Valencia
Musiche: Sebastian Anus (en passant, che cognome crudele!)
Pubblicato da: White Wizard Games
Piattaforme: Android, Apple Store, Windows (su Steam dal 1 luglio 2016)

Come funziona

Una partita a Cthulhu Realms è un duello di carte tra due persone: si hanno come risorse iniziali delle carte Follower e Goon, che garantiscono rispettivamente dei punti per evocare e per attaccare. I punti per evocare servono ad acquisire nuove carte dal “tabellone centrale”, mentre i punti per attaccare servono per danneggiare la salute mentale del nemico o distruggere i suoi Santuari e Nessi (carte che rappresentano luoghi importanti e con effetti speciali).
Al proprio turno, ciascuno può spendere punti di evocazione per acquisire dal centro dell’area di gioco delle nuove carte, che rappresentano

  • mostri e personaggi classici di Lovecraft (come i Mi-Go, oppure il Vecchio Terribile) e dei suoi continuatori
  • luoghi inquietanti (come la biblioteca della Miskatonic University) e libri proibiti (come i Manoscritti Pnakotici)
  • manufatti blasfemi (come i cilindri porta-cervelli dei Mi-Go)
  • scienziati pazzi

e insomma, tutto ciò che può essere abbinato a un aggettivo negativo! :P
Giocando le carte, alla fine del proprio turno le si manda tra gli scarti per pescarne di nuove, pronte per il turno successivo: quando finisce il proprio mazzo, se si devono pescare nuove carte, si rimescolano gli scarti e si pesca da lì.

Ma ciò che davvero spicca, sono i disegni: molto ironici, da cartone animato, sono meravigliose parodie dei concetti tipici di una buona storia lovecraftiana.

La carta dell’iniziato
(Fonte: Il sito ufficiale del gioco
Direttamente dal Re in giallo…
(Fonte: Sempre il sito ufficiale)

Il gioco ha anche delle belle musiche, d’atmosfera ma non pesanti, adatte per una parodia horror. Anche le voci sono gradevoli: il narratore maschile dei briefing prima di ogni scontro della Campagna è bravo e la narratrice del tutorial è davvero divertente! XD
Il gioco può avere una carenza importante, per qualcuno: è solo in inglese! Ma una volta che si riesce a identificare la funzione di ogni simbolo – il tutorial aiuta mostrando gli effetti di ogni carta (recuperare sanità, distruggere luoghi, pescare carte, scartare carte, far scartare carte… molti di questi effetti si attivano quando succedono certe cose nel corso della partita) con un po’ di pratica, anche chi non conosce l’inglese quasi basilare usato nel gioco, dovrebbe riuscire a capire come funzioni.
 Cthulhu Realms è free to play, ma non tutte le funzioni sono disponibili per chi non fa l’upgrade alla versione completa. Dato che ci sto giocando da poco, non so quanti siano gli elementi mancanti.
Oltre alla modalità Campagna, esiste lo scontro online con altri giocatori (richiede una registrazione con username o email e una password) e lo scontro estemporaneo contro l’intelligenza artificiale.

Concludendo

Bel gioco e relativamente gratis, belle musiche, disegni strepitosi e divertenti… Correte a provarlo!

Link

Il sito ufficiale del videogioco
Su Amazon è possibile acquistare il gioco in scatola di Cthulhu Realms.

Annunci

11 pensieri su “Cthulhu Realms, videogioco per Android

  1. Ovviamente li ho provati entrambi e sono contento di averti suggerito qualche gioco. In generale piacciano anche a i Deckbuilding anche se comincia ad annoiarmi Dominion.
    Trovo che sia Cthulhu che Star Realms davvero sostituibili, differiscono per l’ambientazione dove scelgo sempre il tentacolo se posso.
    L’altro vantaggio a favore del Verde amico è che la scatola a 20 prevede già il gioco in quattro mentre per SR è necessario l’acquisto o di una seconda scatola o di Colony Wars portando la spesa a 30 euro dollari!

    1. Dominion mi piace se non c’è la strega :P
      In generale, i deckbuilding mi piacciono perché gli scarti vengono riciclati anziché andare perduti.
      Star Realms (e Cthulhu Realms di carta) li devo ancora provare, ma almeno il primo lo ha un amico e magari, un giorno… Certo che 30 paperdollari per giocare in quattro…

      A study in emerald lo hai provato? Anche lì c’è il tentacolo :)

    2. Dominion mi sta sulle balle perchè se compri argento argento oro vinci facile. Se i giocatori non si autolimitano diventa monotono. Il gioco di Neil Gaiman non ho ancora avuto modo di provarlo. In realtà non me ne hanno parlato benissimo.

    3. Con l’ovvia premessa dei gusti, a me è piaciuto abbastanza: è veloce, anche perché il turno di ogni giocatore non dura quanto in Dominion – le occasioni di pesca e scarta non sono né tanto frequenti, né tanto potenti. È comunque un “gioco dell’amicizia” come lo chiamano i miei amici: bastardate a nastro!

    1. Io sono immune alla lusinga delle sfide e alla losanga dei trofei (quasi sempre) e anche alla lasagna della gloria, perciò queste cose non mi fanno infuriare :P
      Cthulhu Realms ora c’è anche su Steam, ma non so se ci sia anche per Linux: tra vedere e non vedere, puoi riprovare col furbofono, lo hai anche cambiato mesi fa, mi pare.
      Forse le stelle saranno propizie!

    2. Sei immune alla lasagna della gloria?!
      Avevo provato a scaricarlo con questo telefono un mesetto fa, però mi dava un problema il PlayStore.
      Su Linux mi pare non ci sia, i fessi che sono.

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...