Immersione, interludio

Riassunto della puntata precedente

Alistair lascia Eleonora da sola ad esplorare la sua demo, dopo averle spiegato i comandi vocali: una grande dimostrazione di fiducia, oppure…

Interludio

Lui dovrebbe essere qui a momenti, a meno che non ci sia qualche intoppo con la demo: spero che quella gallina non stia facendo dei pasticci, non ne posso più, di aspettare!
E se volesse per sé tutte le sue attenzioni? Lei non è all’altezza di Lui, nessuno può esserlo!

Ho scelto un angolo appartato, per il nostro briefing, ma non c’è nulla dietro cui nascondersi: l’albero più vicino sarà a trentacinque metri e ventuno, il corpo centrale della Cittadella a settantanove metri e quarantaquattro, nessun muretto prima di quarantanove metri e trentadue.
La roulotte del venditore di panini è a sessantasei metri e due.
Ma anche se fossimo in una stanza affollata, con persone e microfoni a un metro esatto da noi, dubito che Lui si farebbe bagnare il naso da chicchessia: è troppo oltre il resto del mondo!

Eccolo, finalmente: non ha con sé la valigia con la console, quindi hanno già iniziato.
Ha un’aria soddisfatta, il suo sorriso a metà è davvero eloquente: sembra un gatto che si lecca i baffi! Non devono esserci stati degli intoppi, non significativi, altrimenti… beh, altrimenti non vorrei essere qui!
Lui progetta tutto questo da troppo tempo e… perché si ferma, a soli sei metri e settantotto da me? Sembra pensieroso. Fruga nella tasca interna della giacca del completo e ne tira fuori una tastiera: la butta nel cestino della spazzatura.
Le ha spiegato i comandi vocali e non vuole che quella sciocca si metta a pasticciare col codice.

– Manca poco, Giovanni, – la sua voce è così ferma e sicura, che sembra stia declamando una legge della fisica o un copione ben studiato – credo che ci vorrà meno di un’ora.
– Se dici che è così, non ho alcun motivo di dubitarne – mi guardo intorno, per sicurezza, ma la persona più vicina è a trenta metri e sedici da noi.
– Vedrai, Giovanni, a quest’ora avrà già incontrato la sua guida. E a questo punto, ci vorrà davvero poco, per completare il programma: è intelligente e acuta, ma è anche curiosa e affascinata dal talento. Perciò, di fronte a una tecnologia che superi così tanto la sua esperienza quotidiana, non spegnerà la macchina fino a che vedrà la fine di Atlantis. E a quel punto, non la spegnerà proprio.

– Ma perché mi hai istruito così tanto? Se mi avessi detto di meno, avrei potuto farlo io, al posto di quell’ignorante!
Mi guarda con attenzione: è come se i suoi occhi fossero dei ferri da chirurgo, che mi fanno a pezzi per esplorare dentro di me. Vuol sapere se dubito. Ma capirà subito che la mia fede in Lui è incrollabile, non può essere diversamente!
Non sono niente, di fronte a Lui, come potrei opporre obiezioni alle sue scelte? Può commettere errori solo se lo desidera!
Ma una scelta può essere sbagliata, se poi raggiungi comunque i tuoi obiettivi in modo brillante e perfetto?

Lui mi sorride. Un sorriso pieno, non il suo sorriso da “tutto sta andando come previsto”. Questo è un sorriso vero.
– Vedi, mio buon Giovanni, – ecco, ho superato anche questa prova di fede – gli operatori come Eleonora tendono a usurarsi in fretta e tu, per me, sei una risorsa di tutt’altro livello, rispetto a lei. Ti ho destinato a un compito più grande. Ah, giovanotto, non chiedere – mi interrompe subito – se troppo saprai nulla farai, funziona così. Non faccio io le regole!

Restiamo in silenzio per pochi secondi, poi Lui si gira verso l’edificio principale della cittadella. Sono certo che riesca a vedere quella donna anche da qui, attraverso i muri, con gli occhi colmi di meraviglia e chimere olografiche, mentre esplora la città con una nuova guida al suo fianco.
– Manca davvero poco, Giovanni. Usciamo da questa conca.

Annunci

8 pensieri su “Immersione, interludio

  1. Hummm :-/ Mi sa che avrei dovuto leggere qui, prima di passare direttamente al capitolo 8 e toppare nel commento.
    Sto racconto si fa sempre più avvincente…
    Attendo il seguito e… ti lascio un CraCra

    1. Sono contento che ti stia piacendo – spero di non svaccare più avanti, specialmente nel finale :)

      Comunque, se mi dovesse ricapitare di scrivere un racconto a puntate, numererò anche eventuali interludi, per non provocare confusione ;)

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...