JLA La Torre di Babele, di Mark Waid e Howard Porter

“Un giorno, ne sono certo, si arriverà al confronto tra me e lui. Per molti degli altri, potrei anche improvvisare se costretto… ma non con Clark. Se qualcuno richiede del metodo e una misura ponderata, questo è Superman.”
Batman, in La Torre di Babele

Nell’età moderna dei supereroi, i conflitti tra membri della stessa squadra sono sempre più frequenti e anche una grande famiglia come la Justice League of America non è esente dal rischio di litigi e contrasti. Se poi c’è un motivo – e non è trascurabile – come la paranoia di Batman, capace di mettere in pericolo il gruppo e il mondo…

JLA: La Torre di Babele 101

jla-torre-di-babele
Lo strano effetto sulla fascia turchese della copertina è uno degli errori della mia scansione… :P

R’as Al Ghul, storico nemico di Batman, è stanco di tollerare il caos che serpeggia nel mondo, messo a rischio dall’avidità e dall’incompetenza della maggioranza dell’umanità: decide così di dare una sfoltita alla popolazione mondiale grazie a un piano ambizioso e davvero perfido, così da avere un nuovo mondo più facile da controllare e trasformare in un paradiso…
Ma prima, bisogna mettere fuori gioco la JLA, per avere meno ostacoli: dopo aver colpito Batman negli affetti, restano da sistemare gli altri membri (Superman, Wonder Woman, Aquaman, Flash, Lanterna verde, Plastic Man, Martian Manhunter) e qualcuno ha fatto i compiti al posto di R’as.
Perché per ogni evenienza – controllo della mente, scambio di cervelli, pazzia o chissà che – Batman ha già pensato da tempo a come sistemare i suoi colleghi!

La scheda

Storia: Mark Waid (La Torre di Babele)
Disegni: Howard Porter (La Torre di Babele)
Traduzione: Dario Mattaliano, Stefano Formiconi, Michele Amadesi
Edizione originale: DC Comics (2000)
Edizione italiana: RW Edizioni (2016)
Prezzo: 6,95 €

La Torre di Babele

La Torre di Babele è la storia che copre la maggior parte dell’albo: racconta di una minaccia mondiale preparata con cura da R’as Al Ghul – per mano di sua figlia Talia, innamorata di Batman, ma devota a suo padre.
Batman, con in testa un nemico del passato – che ha permesso a una banda di criminali di accedere ai corpi e ai poteri dei membri della JLA – si è impegnato per studiare i punti deboli dei suoi colleghi, siano essi legati alla natura dei loro poteri o alla loro psicologia.
Ecco che questi piani sono stati rubati da Talia su richiesta del padre, un genio del male vecchio di secoli e sempre pronto ad approfittare di ogni vantaggio a propria disposizione.
Quando tutti i fatti verranno scoperti, come si risolverà la situazione? Pacche sulle spalle e attestati di comprensione per Batman, o la JLA avrà una reazione più credibile e appropriata?
Di sfondo, la minaccia ai danni del mondo, cioè la Torre di Babele creata dagli scienziati di R’as, per colpire l’umanità in ciò che la distingue maggiormente dagli altri animali: la capacità di comunicare concetti complessi…
Una buona storia, avventurosa ma non priva di introspezione, dato che la minaccia, questa volta, insidia i protagonisti non solo nel corpo, ma anche nella mente e nelle relazioni che li tengono assieme come gruppo, generando un effetto domino dalle conseguenze prevedibili perché sensate!

I disegni

Il disegno usato per La Torre di Babele da il suo meglio nei visi, che sono molto espressivi – anche se eccede nel rappresentare lo stupore: a osservare i personaggi, sembra che ci sia un colpo di scena ogni 3, 5 pagine!
Gli ambienti sono ben disegnati – anche se una prospettiva nella vignetta centrale della prima tavola mi sembra un po’ strana – ma le tavole sono strutturate per mettere in evidenza i personaggi nella maggior parte delle vignette.

Le altre storie

L’albo si chiude con due storie non collegate a La Torre di Babele: sono Il proiettile verde e Rivelazioni.
In Il proiettile verde, Batman indaga su un omicidio che, apparentemente, può essere stato commesso da Superman, riottoso a presentare il proprio alibi per quella notte: mentre La Torre di Babele ha come tema la fiducia della JLA nei confronti di Batman, qui abbiamo Batman costretto a indagare su Superman, tirato in due direzioni diverse dagli indizi più evidenti e dalla fiducia che nutre nei confronti di Superman e della sua integrità.

Rivelazioni vede Wonder Woman e Aquaman impegnati a salvare dei cercatori di tesori in fondo al mare; durante l’operazione, a causa del lazo della verità di Wonder Woman, Aquaman rivelerà alla principessa amazzone qualcosa di inaspettato e che potrebbe cambiare i loro rapporti…

Concludendo

La parte del leone spetta alla storia che da il titolo all’albo, cioè La Torre di Babele: una storia avventurosa in cui i protagonisti vengono tutti colpiti in modo diverso, ma patiscono la stessa ferita, ovvero il cambiamento dei loro rapporti con Batman, involontario complice di R’as Al Ghul nelle loro disgrazie.
Un buon disegno completa il quadro di una storia piacevole da leggere e dagli sviluppi non banali.
Seguono due storie brevi non collegate a La Torre di Babele, leggere ma non prive di interesse: Il proiettile verde mette alla prova la fiducia di Batman nei confronti di Superman, mentre Rivelazioni mostra un aspetto nascosto di Aquaman.

Link

Se qualcuno desiderasse acquistarlo, ecco la pagina dell’editore italiano

Annunci

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...