[TAG] Very Pop Blog – Le mie estati del passato

Si avvicina l’estate e Moz ha deciso di accoglierla così, con una tag in cui ci racconta le sue estati da bambino. E io che c’entro?
Beh, è una tag, facciamo 2+2… sono stato nominato per continuare questa catena, uno dei cinque “prescelti” da un programma che pesca a caso tra i commentatori di Moz :P
Così, ora vi racconto una spaghettata di fatti miei, proprio nel momento in cui entriamo ufficialmente nell’estate del 2018, secondo Google.

Fonte: Freaking News

Ma prima, le regole della tag, come presentate dal malvagio Mozer il Mozeriano in persona! :D

1- Elencare tutto ciò che è stato un simbolo delle nostre estati da bambini, in base ai vari macroargomenti forniti;
2- Avvisare Moz dell’eventuale post realizzato, contattandolo in privato o lasciando un commento a https://mikimoz.blogspot.com/2018/06/le-mie-estati-da-bambino.html
3- taggare altri cinque bloggers, avvisandoli.

Le mie estati del passato

Gioco in cortile

Quand’ero bambino, il gioco da cortile era uno di questi: giocare a palla, ma non a calcio, rigorosamente col Super Tele; sfrecciare in bicicletta per il cortile; rifare le puntate dei cartoni animati coi malvagi cugini, correndo da tutte le parti e saltando i gradini delle scale a tre o quattro alla volta.
Come me la sia cavata senza nulla di più grave delle ginocchia sbucciate, è un mistero! °O°

Gioco in spiaggia

Non amavo molto giocare in spiaggia, comunque… essendo negato per la costruzione di castelli anche banali, mi limitavo ad ammucchiare un botto di sabbia in montagnole, per poi provare a farci delle gallerie. A volte decoravo queste montagnole grazie alle classiche formine, comunque succedeva di rado: al mare, bisogna stare in acqua e tutto il tempo trascorso sulla spiaggia è buttato, per me!

Fumetto

I fumetti dell’estate erano gli stessi di tutto l’anno, ovvero Topolino e Il Giornalino. Soprattutto il secondo, per molti anni non è quasi mai mancato, in casa mia. A volte, mi finivano tra le mani anche altri fumetti, come Tiramolla, Geppo, Nonna Abelarda e altri meno noti. I fumetti giapponesi e americani li ho scoperti molto tardi.

Cibo

Il Twister!
(Fonte: Dissapore)

Gelato, possibilmente con cioccolata. Il mio preferito era il Twister – non so perché, ma non era un gelato popolare e alcuni bambini mi hanno preso in giro, per questa mia scelta.
Non mancavano nemmeno altri gelati, come il Cucciolone con le freddure terrificanti, oppure quello con la gomma da masticare, di cui non ricordo il nome. Oppure Cremini e Croccanti, che erano abbastanza economici, mentre oggi costano quanto un biglietto dell’autobus!

Canzone

Da bambino ascoltavo solo sigle dei cartoni animati, non ho ricordo di canzoni  preferite o che non ascoltassi il resto dell’anno. Allargandomi all’adolescenza, direi The Rhythm is Magic, quella mi piaceva: non mi sembrava fotocopiata come tanta altra musica per gggiovani.

Libro

Da bambino leggevo poco – non per mia scelta – ma da adolescente, la scoperta che con due spicci ci si poteva portare a casa i libri economici della Newton Compton (come i Millelire) mi ha aperto la strada prima verso i gialli, poi verso horror e fantasy molto classici: soprattutto, se parliamo di horror, parliamo più che altro di romanzi e racconti gotici del 1800 che sono stati infilati nella categoria in seguito. :P

Film

Estate, per me, significava soprattutto una cosa: Notte Horror su Italia 1! La attendevo con ansia, da adolescente, e persino quando il film di turno era una porcheria vergognosa, non mi dispiaceva: era la cosa più frizzante del palinsesto estivo, assieme a Giochi senza frontiere e alla sua copia in carta carbone – di cui non ricordo il nome – della Mediaset.
Comunque, quanti bidoni mi ha rifilato, Notte Horror

Luogo

Mare, sempre e solo mare. Infanzia e adolescenza le trascorrevo quasi sempre al mare, mattina e sera, a farmi raggrinzire la pelle in acqua: Cagliari è una città di mare e in quel tempo aveva una spiaggia che sembrava fatta d’oro e zucchero, per quanto era splendente, finché qualche furbone decise di rimediare all’erosione della costa andando a pescare sabbia da chissà dove e trasformandola in una distesa grigia, come neanche a Pompei dopo l’eruzione.
“Fidatevi, si sbiancherà” dissero. #credici
Non so come sia adesso la spiaggia di Cagliari, saranno decenni che mi son rotto le scatole di andare al mare. :P

Videogame

Grandi sconosciuti nell’infanzia, presenza costante dall’adolescenza in poi, quando al mare scoprii Street Fighters 2BombermanFinal Fight, e il rullacartoni a scorrimento The Simpson (quello in cui Smithers rapisce Maggie) e da allora iniziai a sperperare qualche soldo in giro per le sale giochi della città, conoscendo così la mia saga preferita di sempre, (almeno se parliamo di picchiaduro) ovvero The King of Fighters.

Gioco da tavolo

Altri grandi sconosciuti, non ricordo di aver mai giocato a qualcosa in estate, da bambino o adolescente. Capita più spesso oggi! :P

Giocattolo

In estate? Il mio giocattolo era il mare!

Televisione

Tour de force di otto ore, grazie al fatto che negli anni ’80 c’erano cartoni animati su tutte le reti. Finiva uno, cambiavo canale in cerca di altro e qualcosa lo trovavo. Ecco, provo effettivamente un po’ di nostalgia, per quel periodo: trovare cartoni animati interessanti, in televisione, oggi è molto difficile!
Comunque, questo solo da bambino e nei rari giorni in cui non ero al mare: da adolescente, credo di aver trascorso pochi giorni estivi non consecutivi, senza finire in spiaggia tutto il giorno, perciò ben poca TV, nel bene e nel male.

Life

Categoria un po’ vaga, Mozzie, non trovi? :P
Io la tratterò con questa sciocchezzuola: ogni estate, ho sempre passato una singola notte in bianco, senza alcun motivo! Parlo dell’estate di un tempo, calda, ma non bollente come quella di oggi. Allora riuscivo a dormire, in estate, tranne per quella singola notte a caso.
Purtroppo, a quei tempi avevo molti meno hobby di oggi e meno possibilità di dedicarmici, così finivo per cercare qualcosa di interessante in TV, ma in estate e dopo mezzanotte, era più facile scoprire il metodo della fusione a freddo con uno scolapasta e un asciugacapelli, piuttosto che trovare qualcosa di decente in televisione.

Foto di un’estate passata

Nemmeno mezza, non ero molto propenso a farmi fotografare.

Però, eccovi una bella Gracula religiosa!
(Fonte: Animali volanti)

I miei nominati

Ecco la parte che mi da sempre qualche problema, con le tag. :P
Finirò per nominare qualcuno che è già stato nominato? Può darsi.

Ho detto la mia, voi dite la vostra!

Annunci

37 pensieri su “[TAG] Very Pop Blog – Le mie estati del passato

    1. È una fortuna per tanti motivi ;) ma quando ti prende a noia e gli anticicloni estivi cacciano via il maestrale, hai una città calda, e umida quasi quanto Atlantide!

    2. Uuu bella Atlantide!
      Da qualche parte ho letto che potrebbe essere la Sardegna la mitica Atlantide… Ok, col clima c’entra e non c’entra.

    3. I sardi, non so perché, sembra che debbano sempre dimostrare qualcosa :P forse per stupide associazioni tra pastorizia e ignoranza – come se tutti i sardi fossero pastori, in altre regioni non esistesse la pastorizia e infine, come se il lavoro del pastore fosse uno sbocco di carriera per chi non ha studiato.
      Che idiozie vergognose! XD

      Anni fa, uno studioso ha avanzato l’ipotesi di Sardegna = Atlantide, ridistribuendo certi punti di riferimento storici o mitologici in un modo che riteneva più coerente per l’epoca antica: per esempio, se ricordo bene, le colonne d’Ercole coinciderebbero con lo stretto di Messina e non con quello di Gibilterra.

    4. Sulla pastorizia alzo le mani. Diciamo che a me basta il risultato :D :D Lana e cacio.
      Potrebbe avere un senso quello che dici, E comunque a me piace credere che sia così che Atlantide sia la Sardegna.

    5. È una bella città, esclusa una minoranza di cagliaritani :P
      Essendo vecchia, ha un sacco di belle cose da vedere, ma anche strade strette nelle zone storiche – e lì il vento te lo scordi, per lo più :(
      Essendo costruita su un colle, ha anche un bel po’ do salite… ma con la giusta prospettiva, diventano discese e si fa meno fatica :P

    6. Liza

      Si conosco… e trovo che abbia posti e viste spettacolari sono sarda anche io ma non di Cagliari 😆😆😆

    7. A Posada non ci sono mai stato, ma nella provincia sì, da pulcino di gracula qual ero. Poi mi sono impigrito e ho ridotto i viaggi, sia piccoli che grandi :P

  1. Oggi mi avete nominato persino in due, domani uscirà il mio articolo XD
    Comunque il Twister non me lo ricordo assolutamente, probabilmente era già sparito a fine anni ’90 ed i primi del 2000!

  2. Riccardo Giannini

    E’ vero. Uno dei giochi in cortile era rifare le avventure viste nei cartoni animati! Aggiungendovi al massimo dei cambiamenti o facendo nuove avventure :D.

    Croccante buonissimooooooooooooooooo, il Twister io non l’ho mai mangiato. Sono un tapino!

    Oggi leggevo da Pirkaf dei libri della Newton, adesso li vedo citati da te :)

    Ricordo benissimo il gioco dei Simpson, lo aveva uno dei miei più cari amici nell’Amiga ^_^

    1. Rifare i cartoni era un must, alla faccia di chi diceva che i bambini si lanciavano dalla finestra per imitare Jeeg :( arrestassero i genitori, che non hanno lanciato i componenti!
      Io, comunque, mai lanciato da un’altezza superiore ai quattro gradini, e mai per fare Jeeg :P

      Il Twister era buono, quando non te lo vendevano ghiacciato :P

      La Newton era un must, per un lettore squattrinato ;)

      Il gioco dei Simpson l’ho conosciuto a quattordici anni, ma l’ho finito solo a diciotto, perché ho visto un mucchio di pischelli giocarci al mare e ricordavo la posizione di tutte le energie e le armi segrete ^^

  3. Aaaaallora… quante allusioni stronzissime tipo che non ti fidi del mio sistema randomico! Al prossimo sorteggio faccio un video durante l’estrazione!
    Il gelato era il GUM e il programma BELLEZZE AL BAGNO :)
    Assurda la questione della spiaggia di Cagliari… :O

    Oh, grazie per aver continuato il gioco!

    Moz-

    1. L’estrazione sarà un problema solo quando abbinerai alla tag 5000 €, allora vedrai la fila per partecipare XD

      Il Gum può ben essere, sai? E anche Bellezze al bagno :)

      La spiaggia di Cagliari fece scalpore, qui, ai tempi :(

      E in chiusura, grazie a te per il giochino ;)

    1. Buoni anche il Cremino e il Cucciolone – se non leggevi le battute XP – mentre la difficoltà del mangiare il Twister… sta tutta nel trovarlo, adesso! :(

  4. Si vede che sei sardo… qui invece fa talmente schifo l’acqua che è più piacevole stare sulla spiaggia 😝 neanche le buche per trovare l’acqua facevi?
    Concordo su Notte Horror, amavo anche io pure le schifezze, tipo Nightmare 4 o 5…
    Sui cartoni dici il vero!
    Purtroppo è arrivato “qualcuno” prima di te ma grazie comunque per il pensiero e non aver pescato me tra i blogspotari!

    1. Lo so che non vuoi essere taggato ;)
      Riguardo il mare… da noi, la maggior parte delle volte, l’acqua sembra un cristallo! Sarebbe da bere, se non fosse salata :P

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.