[Guest post] La serie animata di Aliens mai realizzata, di Denis

Il post che il tuo face hugger non ti farebbe mai leggere!
Ellen Ripley

Non sono esattamente un esperto di xenomorfi e compagnia, ho visto solo alcuni dei film: il primo l’ho adorato, era terrificante; il secondo mi è piaciuto, ma non era più uno horror spaziale; il terzo mi ha fatto quasi addormentare e, da quel momento in poi, non ne ho più saputo nulla, preferendo tenermi stretti i bei ricordi di strizza.

Con queste premesse, non dovrebbe stupire la mia ignoranza del progetto di una serie animata dedicata ad Aliens.
Scopriamo insieme qualcosa di più a riguardo, grazie a Denis, che ha anche fornito le immagini.

La serie animata di Aliens mai realizzata, di Denis

Nel 1992, la famosa ditta di giocattoli Kenner voleva realizzare una nuova linea di action figure, ispirata agli xenomorfi di gigeriana memoria. Affidò il pilot della serie animata, dal nome Operation Aliens, all’esperto animatore Will Meugniot, che ha realizzato tra l’altro The Real Ghostbusters, X-Men e Spider-Man Unlimited.
Meugniot ha realizzato gli storyboard della serie, che doveva essere sviluppata da uno studio coreano, ma l’insuccesso di Aliens 3 e gli elementi horror non adatti ai bambini hanno cassato il progetto di rivedere Ellen Ripley, insieme ai Colonial Marines, alle prese con i linguacciuti Alien su una stazione spaziale.
Rimangono le scene usate per la pubblicità dei giocattoli e un gioco da tavolo, uscito nel 1994.

Cliccando qui, potrete trovare una vecchia inserzione ebay, in cui si mettevano in vendita alcuni storyboard della serie mai realizzata.

Nelle immagini dello spot si vedono: Ellen Ripley, il Power Loader, un alien rosso, un altro con quattro braccia, i Marines che danno botte a mani nude agli Alien e anche Hicks.

It’s Grumpy-Gracula time! Ovvero: la mia opinione non richiesta, ma altamente spontanea

Sospettavo che il problema avrebbe potuto essere una questione di target: una tipica serie animata statunitense sarebbe rivolta, probabilmente, a un pubblico infantile o adolescenziale, ma il livello di violenza previsto nell’universo xenomorfo, per quanto alleggerito in una serie del genere, sarebbe stato troppo alto, per la tendenza media delle produzioni dagli anni ’90 in poi.
Per esempio, oggi è facile che qualcuno strilli e strepiti per il presunto paganesimo nella serie Gargoyles (oh, aspetta, succedeva già tempo fa). :(
Che poi, se anche fosse, non vedrei il problema: non sarebbe certo un paganesimo da sacrifici umani… non riesco proprio a capire quelli che hanno paura della fantasia, personalmente temo di più certi orrori della realtà!
Per ciò che mi riguarda, i ragazzini assumono troppo poco horror nella loro dieta mediatica quotidiana – e Piccoli brividi, con tutto il rispetto per la sua carineria, non è una fonte sufficiente di horror-tamine A (Aiuto) C (Che-paura!) e H (Horror).
Mi sa che nel giro di dieci anni, complice la mancanza di coraggio e idee, questo progetto verrà riesumato e snaturato in tutti i modi.
Oppure, ci faranno una serie animata su Netflix. :P

Annunci

24 pensieri su “[Guest post] La serie animata di Aliens mai realizzata, di Denis

    1. Denis

      No, perchè la Fox l’acquisita la Disney.
      Avrebbero potuto fare un film animato horror-splatter da accampagnare all’uscita di un videogioco su licenza della serie Alien come fatto con Dead Space e Dante inferno.

    2. Allora mi sa che non lo vedremo mai :P a meno che la Disney non decida di far andare avanti la Fox come faceva prima dell’acquisizione, per mantenere un’offerta più variegata.

  1. Denis

    Non so, per me la saga e finita nel 1986 dove Cameron fa nuclealizzare alla fine il pianeta degli Alien, è un’icona difficile da maneggiare, sicuramente fanno finire la saga odierna di Ridley Scott, poi tireranno le somme, ma passando poco e niente i film in chiaro le nuove generazioni non lo conoscono e giustamente hanno altri “miti” odierni.

  2. Sarebbe stata una cosa veramente figa ma se doveva promuovere i giocattoli della Kenner… che poi serie per un pubblico maturo non mancano negli USA, ma qui non aveva proprio senso.
    I giocattoli di Alien li ricordo però, e appunto mi chiedevo il senso di questo per film palesemente vietati ai minori…

    1. Denis

      Tra l’altro la Kenner a memoria non faceva le action figure dei Real Ghostbusters ognuno con il suo fantasmino personale, ho ricordo male?
      Forse se Alien 3 avrebbe avuto successo, l’avrebbero fatto.

    1. Denis

      Si purtroppo non è andata ma chissà quanta roba nascosta c’è, ad esempio Oswald il coniglio fortunato è stato il primo personaggio Disney poi preso dall’ Universal e di fatto la Disney impiegò 76 anni per riprenderselo!
      Cheers

  3. La serie di giocattoli Kenner è mitica, malgrado i colori un po’ sballati – forse per renderli meno scuri rispetto al film – e nei pochi anni della sua vita ha tirato fuori ottimi modelli: mi piace pensare che alcune sue trovate – come il King Alien – siano poi confluite nel videogioco “Aliens: Colonial Marines” (2013), che si inventa parecchi xenomorfi a capocchia. In anni recenti la Neca ha creato degli splendidi modelli in omaggio a quelli Kenner.
    Per com’era disegnata, con gli alieni che sembrano mostriciattoli di “Real Ghostbusters”, non credo che avrebbe avuto problemi per il gusto dell’epoca, ma temo che più della censura televisiva sia stato fatale il terzo film, che peraltro rendeva “apocrifa” la serie. (E per i fan integralisti purtroppo questo è un grave difetto.)
    Sicuramente è stata sbagliata la scelta della data: il vero successo mondiale è stato il secondo film del 1986, era allora che andava lanciato un eventuale prodotto televisivo. Infatti due anni dopo Sigourney Weaver viene candidata all’Oscar per la sua Ripley… nel cartone animato per bambine “JEM”! ^_^

    1. Se non si fosse verificato un insieme di circostanze complesse, era il 1986 l’anno giusto per cavalcare l’onda e scatenare un merchandising a tappeto.
      Invece la Weaver odiava essere considerata una Ramba, infastidita poi dal fatto che Cameron avesse stravolto (non certo per colpa sua) il rapporto delle due “madri”, e non aveva capito (o non stimava) la titanica creazione del regista-sceneggiatore – dopo sette anni di prove e tentennamenti, finalmente su schermo c’era una donna forte protagonista che sparava più e meglio dei maschi! – e fece di tutto per ostacolare lo sfruttamento dell’immagine di Ripley, che a tutti gli effetti era vietato fino almeno al 1990 circa, quando l’attrice la smise di imputarsi e lascilò che Ripley vivesse libera. Visto che nel frattempo era diventata in pratica paladina del femminismo: di personaggi di donne forti che affrontano i mostri in film di grande richiamo non ce n’erano mica!
      Se la Kenner fosse uscita nei negozi nel 1986 o 1987 avrebbe fatto il botto vero e magari almeno una stagione della serie animata sarebbe uscita: nel 1992 ormai Ripley era il simbolo del fallimento di una saga e, dimenticata la paladina del femminismo, era solo simbolo di fanta-horror, non certo adatto ai bambini.

    2. Denis

      I colori messi cosi per le action figure sicuramente il reparto marketing l’avranno fatti cosi per essere subiti visibili subito sullo scaffale , l’ho fanno anche con le mele, gli Alien sembrano mostricciatoli di Real Ghostbusters perchè semplicemente e lo stesso disegnatore..

  4. Denis

    Come hai spiegato Lucius una parte della rovina della saga e pure la sua stessa eroina.
    La Kenner nel 1986 avrà puntato di più su Real Ghostbusters, per la spinta della serie animata uscita nello stesso anno e il potenziale dei diversi fantasmi e mezzi e per il target.dei ragazzini.

  5. Manco io sono un grande fan (preferisco il prequel Prometheus), quindi chi se ne frega se il progetto è naufragato 😝
    Certo, è un po’ triste il modo, tanti preparativi per nulla.
    Comunque a cartone animato preferisco il comedy horror all’horror puro.

    1. Lo stile di disegno scelto mi ricorda tanta roba… anche senza essere un fan accanito degli xenomorfi, una serie del genere l’avrei apprezzata. Se fatta bene, si intende ;)

    2. Denis

      Ma a me non dispiace Prometheus ma tutti c’è l’hanno con con quel film, per via di alcuni compartamenti stupidi dei personaggi, ma anche in Alien ricordi che nel finale, una donna era davanti all’ Alien e non spostandosi fa morire anche il nero con il lanciafiamme.

    3. Non guardo il film da quasi 30 anni… purtroppo non ricordo. Per Prometheus ricordo pareri spaccati a metà. Mentre per il sequel, che non ho ancora visto, mi pare siano stati molto più critici. Ce l’hanno tutti col povero J.J. Abrami 😆 che a me, tutto sommato, piace.

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.