[Guest post] L’Incantevole Creamy incontra Tomino, di Denis

Riaprono i negozi (dove possibile) e si ritorna anche a bloggherie più naturali, per gli standard della voliera. Succede grazie a questo post di Denis – almeno per quanto riguarda il blog – che ci racconta di un progetto che io non conoscevo affatto, offrendoci anche alcune immagini!
Robottoni e maghette, da una prospettiva a cui, da bambino, non avrei mai pensato… °O°

L’Incantevole Creamy incontra Tomino, di Denis

Tra il 1985 e 1988, venne prodotta una parodia manga, fan made, che fondeva due serie animate: una è Jūsenki L-Gaim di Tomino (nota in inglese come Heavy Metal L-Gaim) del 1984, 54 episodi, ad opera della Sunrise; l’altra è L’incantevole Creamy (Creamy Mami, 52 episodi) del 1983, prodotta dallo Studio Pierrot.

I fan di entrambe le serie apprezzarono sia il manga che i modellini del crossover, intitolato Pony Metal U-GAIM.
La Sunrise rilasciò un OAV (corrispondente giapponese per l’espressione direct to video) di 3 minuti, per promuovere un videogioco per il computer MSX2 (di diffusione modesta al di fuori del Giappone; sugli home computer MSX vide i natali la serie di Metal Gear).

Immagini delle serie animata Heavy Metal L-Gaim

Tornando alla storia, la Yuu Morisawa di Creamy muore (!!) in un incidente d’auto – parim-pampum – e viene ricostruita come androide nel mondo di Heavy Metal L-Gaim, accompagnata dai due micini Posi e Nega.
Il videogioco, ad opera della defunta Ascii (a cui dobbiamo Galerians per Ps1 e Sword of Berserk per Dreamcast) alla fine non venne mai rilasciato.

Yuu riconvertita da streghetta a robottina

Chissà: se il crossover avesse avuto seguito, magari sarebbe nato un nuovo genere le maghette robotiche, il mecha majokko.

Immagini del videogioco mai rilasciato e pagina di una rivista che pubblicizza l’oav

 

26 pensieri su “[Guest post] L’Incantevole Creamy incontra Tomino, di Denis

    1. Uno dei vari, diciamo. Mi chiedo come mai proprio Creamy, a parte la popolarità. Certo, il medaglione da cui tirava fuori la bacchetta sembrava un po’ tecnologico…

    2. Ora che mi ci fai pensare, in effetti… Però forse ce ne sono troppo pochi di storie (generico) che intersecano magia e tecnologia: è un genere che mi affasciana di certo deve poggiare su solide basi, altrimenti sembra un’accozzaglia di robe rubate qua e là

    3. Se si costruisce un mondo appositamente, può funzionare. Così come puoi mischiare fantasy e giallo, per dire.
      Non dico che sia facile, serve un certo impegno nel progettare il mondo e un buon sistema magico che fissi dei limiti, sennò ti ritrovi con la magia che risolve ogni situazione.
      Ci vuole equilibrio, bisogna farsi domande e darsi risposte ineccepibili :P

      Se invece ti limiti a incollare le fonti si ispirazione le une sulle altre, sembrerà un brutto collage.
      Fatto con Paint XD

    1. Mah, dipende dalle storie… col fatto della stella piumata, patria delle fate del cartone, l’aspetto di Pinopino (che ricordava un po’ l’extraterrestre antennuto classico di un tempo) e, come ho pensato poco fa, il medaglione col pulsante che trasmette e riceve messaggi, il potenziale per una virata fantascientifica c’era.
      Inoltre, in Giappone hanno il vezzo di mescolare i generi: un episodio di Minky Momo (Il magico mondo di Gigi) vedeva la protagonista pilotare un robottone magico componibile. ^^

  1. Una bella chicca questa.
    Peccato che L-Gaim non sia mai giunto in Italia (ma perché non doppiano queste serie rimaste “scoperte”?), interessante questo crossover. Chissà come sarebbe stato!

    Moz-

    1. Denis

      Pensa che in episodio di Creamy è citato L-Gaim mi sembra che sia scritto sullo shampoo mentre Yu fa la doccia.
      Dovrebbero fare un canale in chiaro con le serie storiche e quelle d’annata non viste doppiate.

    2. Ma ormai pace è fatta, con Tomino… no?
      Abbiamo dal 2001 riaperto il canale Gundam grazie a Mediaset e Dynit.
      Io lo sfrutterei^^

      Moz-

    3. Già, ma l’interesse generale per i robottoni potrebbe non essere quello di un tempo (non a caso, il più grande successo “recente” è Evangelion, che manco ha veri robottoni).
      Non dico che non possa avere successo, ma chissà se ne potrà avere abbastanza da spingere le vendite di giocattoli a tema.

    4. Denis

      MikiMoz : ha ragione il Conte Gracula Evangelion è uscito a metà degli anni ’90.
      Il crossover di Yuu che nasce come opera fan made e l’oav serviva a presentare il videogioco mai uscito, almeno potevano farci un film animato del crossover.

    1. Il bello sarebbe proprio una maghetta vecchio stile (non una da super sentai come Sailor Moon) con elementi mecha. Il difficile potrebbe essere tarare tutto come si deve, per non snaturare l’ispirazione iniziale.

      Mo’ ci voglio fare una storia per GDR, uffa! XD

    2. Denis

      Si ma i jap hanno poi fatto degli sparatutto con le maghette, ne ho uno che si chiama Death Smiles, l’ho trovato per caso questo crossover, chissà cosa vale l’oav di presentazione.

    3. Si trova facilmente su Youtube, immagino un rip da VHS (e infatti la qualità del video è bassa, ma mostra qualche scena d’azione anni ’80 godibile).
      Quanto potrà valere il video originale? Mah, dipenderà anche da quanto sia raro, penso.

  2. fperale

    Ci sono ancora appassionati di MSX in Italia, ne conosco qualcuno :) Ricordo che l’MSX fu uno dei primi tentativi di creare uno standard comune fra diverse aziende quando prima ognuna tendeva a fare il proprio home computer: c’erano MSX Philips, Panasonic, Toshiba, Sony, Casio… comunque questo fan made era veramente geniale!

    1. Denis

      Si leggevo spesso sulle riviste di videogiochi del MSX ma non era spiegato che era uno standard fra diverse aziende, infatti da noi non è mai uscito, l’altro caso simile è il 3DO.
      Si in effetti un colpo di genio.

    2. Io ho scoperto l’esistenza del MSX con questo post di Denis, non ne avevo mai sentito parlare.

      Riguardo a questo bizzarro connubio, è uno spunto divertente ^^

  3. Anche io ignoravo totalmente ‘sto crossover ma, a dire il vero, non ho la più palladia idea di chi sia Tomino (Tonino in giapponese? 😅).
    Conoscevo il computer MSX ma proprio perché avevo studiato un po’ di storia della saga di Kojima.
    Post molto interessante ma soprattutto breve, come piacciono a me! 😍

    1. Denis

      Il cross over non è conosciuto perchè era un’opera fatta dai fan mai fuoriuscita dal Giappone, tra l’altro i due Metal Gear usciti per MSX si trovano in Metal Gear 3 Substence per Ps2 o nella collection per Ps3 e Xbox 360 in cui c’è il 2 il 3 è il Peace Walker episodio esclusivo per Psp.
      Tomino è il creatore di Gundam anche io non ho mai visto la serie ma ricordo di aver visto Robotech (Macross)

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.