Selezione dalla Gracugazzetta, gennaio-febbraio 2021

Ed eccoci con l’inconsueto momento in cui riporto qui alcune delle cose che ho già scritto sul mio canale Telegram, La Gazzetta della Gracula.
Si può notare come il mio canale abbia la stessa impronta del blog: lo aggiorno di rado! XD
Ma vabbé, qualcosa ogni tanto lo scrivo…

18 gennaio: Act-Age

Kei Yonagi è una studentessa carina e atletica, ma particolarmente scombinata a livello emotivo, che cerca di diventare un’attrice per poter mantenere i due fratellini; il suo talento più grande consiste nell’entrare nel ruolo in modo assoluto, grazie alla forza delle proprie esperienze passate.
Attirando l’attenzione di un regista di talento, che vede in Kei un diamante grezzo, la futura interprete perfetta per un suo film ambizioso, la ragazza riesce a entrare nel mondo dello spettacolo “dalla porta di servizio”, ovvero la pubblicità, portando scompiglio a causa della sua strana personalità.
Lavoro dopo lavoro, persino grazie a un film che più commerciale non si può, Kei crescerà non solo come attrice, ma anche come persona, imparando a rapportarsi con la gente e soprattutto con i colleghi attori, che pur essendo spesso più stabili di Kei, possono comunque presentare difficoltà caratteriali a causa del peso del loro vissuto e della professione.
Tutto bello, vero? In pratica, a causa del carattere della protagonista, Act-Age fa pensare un po’ alla lontana a Il grande sogno di Maya in versione un po’ più comica, a causa del bizzarro carattere della protagonista (che è talvolta al centro di buffe situazioni).
Eppure è tutto saltato per aria!

Nell’estate del 2020, lo sceneggiatore dell’opera (Tatsuya Matsuki) è stato accusato di molestie sessuali su due distinte studentesse adolescenti, aggredite nella stessa giornata. Inchiodato dalle telecamere e identificato dalla polizia, lo sceneggiatore ha confessato la propria colpevolezza.
Come risultato (a livello editoriale) il suo fumetto è stato prima sospeso e poi interrotto: dodici volumi in Giappone, tre qui in Italia – il quarto è stato stampato dall’editore JPOP, ma non distribuito.
Fa uno strano effetto quando un’opera costruita con un minimo di gusto e sensibilità, dei personaggi interessanti (a cominciare dalla protagonista, ben caratterizzata e, nonostante i propri limiti caratteriali, mai vittima degli eventi) aspetti di commedia ben bilanciati con qualche significato più profondo, un’opera che stava avendo giustamente dei buoni risultati… sia creata da una persona tanto sgradevole e sventata.
Un grande potenziale narrativo buttato nel cesso: uno scrittore promettente che dubito lavorerà più in quell’ambito, una disegnatrice (Shiro Usazaki) che si è ritrovata senza lavoro (chissà quanti progetti di vita saranno saltati, non per colpa sua) e un buon numero di lettori in vari paesi del mondo – tra cui la Gracula qui presente! – rimasti orfani di una storia che avrebbe potuto sfondare alla grande, probabilmente anche sulla soglia della trasformazione in cartone animato.
E, non va dimenticato, almeno due ragazzine importunate da un uomo, quasi trentenne al tempo dei fatti, che si dà alla fuga in bicicletta, come se fosse lui stesso il protagonista di un manga banale…

26 gennaio: Ms. Marvel

Questo volume racconta il primo arco narrativo delle avventure di Ms. Marvel, dal momento in cui ha ottenuto i suoi poteri a quello in cui ha (forse) scongiurato i nefasti piani del suo primo arcinemico giurato.
Kamala Khan ha 16 anni e proviene da una iperprotettiva (ma amorevole) famiglia pakistana, trasferitasi negli USA in cerca di una vita più serena. Ha degli amici gentili e in gamba, ma si sente in conflitto tra il desiderio di essere come gli altri suoi coetanei e la volontà di rispettare i dettami della propria fede (un tipo di Islam moderato).
Una strana nebbia dota Kamala di poteri che la allontanano ancora di più dai suoi coetanei e la mettono nei guai con la famiglia: la ragazza decide di seguire la strada dei supereroi che ammira senza metterne a parte i suoi genitori.
Dotata di capacità da mutaforma che le permettono di alterare il proprio corpo in molti modi, e di un sempre pratico potere di autoguarigione, Kamala si appropria del nome di Ms. Marvel e si impegna a far luce sul mistero dei propri poteri e sulle sparizioni di numerosi adolescenti, cercando di non far scoprire la propria identità alle persone a lei più vicine e ai nemici che finisce per farsi.

Il personaggio è simpatico e spiritoso, positivo ma non perfetto, complice la giovane età e la scarsa esperienza coi superpoteri.
Il volume è piuttosto cicciottello ed economico, sono poco più di 250 pagine per 9,90 € e racchiude, come accade spesso, anche le copertine degli albi originali, un po’ di altre illustrazioni e dei bozzetti preparatori.

17 febbraio: Sophie Schwimm

Qualche settimana fa ho parlato di un fumetto giapponese, Magus of the Library, dichiarato come tratto dal romanzo Kafna del vento, di Sophie Schwimm.
Bene.
Col quarto numero, ecco che la presunta autrice della presunta opera originale appare tra i personaggi! XD

L’ho già detto e lo ripeto: non dovrei fare fotografie alle pagine, mi vengono da cani!

22 febbraio: la potenziale eminenza grigia di Wandavision (senza spoiler)

Ok, è ufficiale, passerò i prossimi giorni con una canzone in testa: è il brano che accompagna la rivelazione della presunta eminenza grigia in Wandavision.
Porca miseria, è troppo divertente e orecchiabile, sia in inglese che in italiano, e l’interprete è veramente abile: ha un viso molto espressivo, normale e al tempo stesso perfetto per un personaggio “cattivo da operetta”. XD

XXX’s insidious (Ha, ha!)
So perfidious
That you haven’t even noticed
And the pity is (The pity is)
Pity, pity, pity, pity

Una strofa della canzone

Ho eliminato il pronome per non offrire indizi a chi debba vedere l’episodio e non giri su Youtube. :P
E vabbé, spero di avere l’opportunità di vedere la serie per intero prima possibile! :D

PS: chi volesse sentire la canzone e non avesse problemi con le anticipazioni la può trovare qui.

Concludendo

Questo secondo bimestre di Gracugazzetta si chiude qui. Spero di riuscire a essere più attivo nel periodo marzo-aprile… in attesa di vedere cosa avrò la forza di combinare, passate una buona giornata! ;)

13 pensieri su “Selezione dalla Gracugazzetta, gennaio-febbraio 2021

    1. Il personaggio è costruito bene, divertente, non smaccatamente potente né scarso.
      Non ci hanno fatto nemmeno il “girl empowerment” farlocco, quello in cui l’eroina affronta e sconfigge maschi imbranati.
      Mi è piaciuta molto, penso che darò la caccia ad altre storie su di lei ;)

    1. Io ne ho visto solo due episodi, perciò non ho un’idea precisa. La parte delle sitcom mi ha divertito molto, per il poco che ho visto.
      Riguardo alla storia di fondo, spero sia carina – la minaccia mi è piaciuta molto, si è visto da ciò che ho scritto, e la canzone è strepitosa, mi ha ricordato la vecchia sigla dei Munsters, come musica.
      Spero che le motivazioni siano valide :)

    1. Bravo! Otterrai aggiornamenti saltuari su cose :D
      Ogni tanto imbastisco un discorso molto introduttivo su qualcosa, in attesa di trovare il tempo per parlarne davvero sul blog.

  1. Non sai quanto ti capisco per quanto riguarda Act-Age. Avevo iniziato a leggerlo con grande interesse ed ero arrivato al terzo volume con J-pop. Aveva una storia interessante e come hai ben scritto, dei personaggi scritti con grande sensibilità. E poi lo sceneggiatore fa quel che fa. Fortunatamente è stato condannato per quel crimine, ma per colpa sua un numero importante di persone ci hanno rimesso.
    Invece vorrei tanto iniziare MS Marvel. Avevo sempre apprezzato il suo design e i suoi poteri e sono sicuro che la sua storia potrebbe piacermi molto.

    1. Una preghiera per Act-Age, sventurata storia dal padre talentuoso ma… problematico, per tenerci leggeri.

      Per Ms Marvel, ti consiglio il volume che ho preso io, dovrebbe essere facilmente reperibile ed è sostanzioso ;)

  2. Denis

    Avevo letto dell’autore di Act Age e anche del cambio di etnia di Mrs Marvel sa di mossa politica più che di ispirazione.
    Guarda la meil che ho fatto fatica? con il post^_^

    1. Poi controllo la mail, grazie ;)
      Riguardo a Ms Marvel non c’è stato un cambio etnico, il vecchio personaggio esiste ancora: questa è una sua fan che ha deciso di usare il suo nome e ha poteri totalmente diversi ;)

    1. Più che altro, visto che i lettori hanno origini variegate, vorranno fornire personaggi interessanti (si spera) di varie provenienze.
      Con Kamala hanno fatto un buon lavoro, poi si vedrà di storia in storia.

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.