Numeri 1: Leoni, tigri e orsi, di Mike Bullock e Jack Lawrence

La scorsa settimana, Orso Chiacchierone ha salvato la mia traballante salute mentale dall’ennesimo fastidio, chiacchierando (come previsto dal suo pseudonimo) di un accesso ancora disponibile al vecchio editor di WordPress (già, questa piaga di nuova interfaccia editor del blog si ripresenta a intervalli irregolari, in modo sempre più fastidioso e invadente).
Perciò, come minacciato promesso a Orso, gli dedicherò questo post; inizialmente pensavo a una storia Disney, ma poi mi sono detto “Cavoli, questo fumetto ha gli orsi nel titolo, devo per forza dedicargli la non-recensione di Leoni, tigri e orsi che, a quanto pare, vale anche come citazione a Il Mago di Oz (grazie Google, non lo ricordavo)” e perciò eccoci qui, a parlare di mostri nascosti nella notte e di coraggiosi peluche!

Leoni, tigri e orsi 101

Joey è un bambino normale, ricco di immaginazione e leggermente pauroso, ma felice: fa piani per divertirsi con gli amici allo Halloween Park, dove finalmente troverà il coraggio di entrare nella terribile casa stregata, e ha una nonna amorevole e mezza matta, che gli racconta (credendoci di brutto) storie di animali coraggiosi che lo proteggono dai Besti, ovvero i mostri che fanno rumore durante la notte.
Ogni piano salta per aria, però: sua madre deve cambiare lavoro e città, perciò Joey si ritroverà a perdere i suoi amici e la vicinanza della nonna, tutti in un colpo solo.
Prima del trasloco, la nonna fa un regalo a Joey: una scatola contenente quattro animali di peluche che potranno fare la guardia al suo letto. Sono The Night Pride, in italiano reso come Branco notturno: un leone, una tigre “tradizionale”, una tigre bianca e una pantera.
Il piccolo Joey scoprirà presto che, per un bambino con la sua immaginazione, la notte nasconde veramente delle minacce misteriose, proprio a un passo dalla porta della sua cameretta…

La scheda

Titolo originale:
Storia: Mike Bullock
Disegni: Jack Lawrence
Traduzione: Paolo Accolti Gil
Editore originale: Image Comics (2005)
Edizione italiana: Italycomics (2005)
Prezzo: 9 €

Disegni

Leoni, tigri e orsi ha un tratto molto fumettoso, non realistico, con personaggi espressivi e belli carichi – la caratterizzazione degli animali di pezza (i personaggi più numerosi) e dei mostri rende tutti questi persino disneyani.
I colori sono molto netti, con poche sfumature e ombre. Il risultato finale oscilla tra una resa un po’ piatta e una gradevole: sono carini gli effetti “elettrici” e si distinguono bene gli elementi immateriali da quelli fisici.
In una manciata di occasioni, ho trovato che la transizione tra diverse scene fosse un po’ affrettata, dal punto di vista dell’azione, lasciandomi il dubbio che mancassero una o due vignette.

Ambientazione

L’ambientazione è semplice quanto basta: nella notte si annidano i Besti (in originale, Beasties) mostri nati chissà quando e che si annidano nell’oscurità.
I Besti – dominati da un “babau” chiamato Valthraaz – e i pupazzi, governati da re Orso, si affrontano da tempo immemore: i primi catturano e mangiano i bambini, gli altri – organizzati in un tenero e feroce esercito – li difendono.
Infine, una volta ogni generazione nasce una persona dotata di un potere importante: la capacità di infondere la vita negli animali di pezza che cuce, così che possano difendere i bambini durante il sonno!

La trama

Joey si è appena trasferito, è solo con sua madre e i suoi giocattoli, tra i quali spiccano i quattro grandi felini regalati dalla nonna: il Leone Pallo, la tigre bianca Ares, la pantera Minerva e la tigre “classica” Venus (dati gli altri nomi, immagino che Pallo sia un riferimento a Pallas, uno degli attributi di Atena).
Finito in un mondo alternativo, condiviso dai Besti e dai pupazzi, Joey vorrebbe ritornare a casa sua, ma si ritrova coinvolto dai suoi animali di peluche nella missione per salvare dai Besti il futuro creatore dei pupazzi.
Il viaggio sarà breve ma vivace e Joey giocherà un ruolo importante nella missione…

Il resto della storia

La serie si articola in tre volumi, ciascuno dei quali racconta un arco di trama completo, ma che non impedisce l’espansione della storia. L’editore italiano ha portato soltanto i primi due, purtroppo, e dopo tanti anni, dubito che Italycomics sia interessata a riprendere questo discorso. :(
Magari, se un domani dovesse uscire finalmente il film previsto, qualcuno rispolvererà la storia originale per l’occasione, anche qui in Italia!

Concludendo

Leoni, tigri e orsi è una gradevole storia fiabesca, pensata per un pubblico di giovanissima età, ma che può piacere anche agli adulti, specie se come me, da bambini, fantasticavano sui giocattoli che prendono vita di notte.
Personaggi simpatici ed espressivi sono rappresentati con dei buoni disegni, ma la cui resa non è sempre costante, mentre la storia è leggera e avventurosa, oltre che priva di elementi realmente inquietanti.
Mi resta solo da sperare che un domani qualcuno riprenda o completi questa serie anche in Italia, e a quel punto potrei parlare anche degli altri volumi!

16 pensieri su “Numeri 1: Leoni, tigri e orsi, di Mike Bullock e Jack Lawrence

  1. Denis

    Trama da Wikipedia:Per il suo nono compleanno Omri riceve in regalo un armadietto magico e ci mette dentro un indiano di plastica che diventa Piccolo Orso, un coraggioso guerriero. All’inizio Piccolo Orso pensa che il bambino sia il Grande Spirito poi capendo che è solo un bambino, seppur gigantesco, i due diventano amici, scambiandosi confidenze e informazioni sui rispettivi mondi. La situazione si complica quando Patrick, amico di Omri, usa l’armadietto per portare in vita un cowboy. Dopo un inizio burrascoso il cowboy e l’indiano diventano amici.
    Il film è del 1995 gli effetti speciali sono della Industrial Light & Magic

  2. Beh, grazie per la dedica! 😁
    Sarei davvero curioso di leggerlo, è una di quelle storie che fanno proprio per me, mi ero anche messo alla ricerca dei volumi italiani ma sapere che non potrei leggerlo tutto mi ha frenato.
    Per la cronaca, non conoscevo l’esistenza della Italycomics! 😂

    1. Grazie a te per i trucchi!
      La Italycomics è una casa un po’ sfortunata: incappa spesso in titoli interessanti, ma non sempre riesce a portare a termine le serie che pubblica, complice una distribuzione un po’ debole e uno scarso interesse delle fumetterie.
      Di serie belle ne hanno portato tante, come Lullaby, Gli Immaginari, Hero2 o, di recente, Exlibrium (limitandomi solo a quelle che ho potuto leggere).
      Se davvero verrà prodotto il film, magari qualcuno sarà spinto a riprendere la pubblicazione del fumetto.

  3. Che soluzione usate per l’editor? Io ieri ho creato una bozza e modificata con l’editor classico, perché dal menu degli articoli non mi fa piú selezionare l’editor che voglio io.

    1. Grazie. Purtroppo la soluzione del blocco editor classico non funziona. Non fa esattamente quello che faceva l’editor classico.
      Userò il metodo manuale o salverò la bozza e la modificherò con editor classico.

  4. Ma infatti non devi usare il blocco. Senza infilare blocchi, sulla destra in alto, trovi tre puntini verticali. Da lì apre un menu e trovi l’editor html.
    Se ricordi almeno i tag più usati, puoi cavartela un minimo.
    Per ora puoi farne a meno, finché ci lasceranno quel menu che mi ha indicato Orso.

  5. Visto che ho usufruito anch’io degli ottimi consigli dell’Orso, vorrei ringraziarlo di cuore ^_^
    Speriamo che al prossimo odioso attacco dei pazzi sviluppatori di WP il nostro Orso Salvatore abbia nuovi trucchi da consigliarci ;-)

    Essendo un collezionista di figurini, action figures e pupazzetti vari, se dovessero prendere vita di notte sarebbe un bel guaio, visto che ho una vetrinetta strapiena di figurini proprio accanto al letto! Già mi vedi quei Playmobil in marcia, mentre i robot di Go-Nagai prendono il volo e i DC-Marvel cominciano a litigare fra buoni e cattivi: una caciara! Mi sa che devo chiudere la vetrinetta a chiave :-D

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.