Lovecraft 130

Lasciandomi distrarre da un sacco di menate collaterali (Lucius mi ha suggerito di tirare in ballo le locuste, come in The Blues Brothers, perciò sì, è stata colpa delle locuste. Delle locuste da Yuggoth) ho finito per rimandare il mio contributo a questo “giro di blog”, dedicato al 130° anniversario della nascita di Howard Phillips Lovecraft – uno scrittore noto per un sacco di cose

  • nato sul finire del 1800
  • vissuto soprattutto nel 1900
  • desiderava essere nato nel 1700
  • babbo di quel gioioso abominio di Cthulhu e di un sacco di altre mostruose “divinità” aliene
  • e sì, negli ultimi anni – non che prima non si sapesse – si discute sul fatto che fosse pure un razzistone col turbo

A casa ho una bella selezione di saggi dedicati a Lovecraft, nel primo dei quali emerge un lato troll dello scrittore: avrei voluto parlare di quello, ma dovrò rimandare ad altra data. :P

La raccolta di saggi in questione.
I “graffi” sulla copertina sono dovuti al danneggiamento della plastificazione della copertina.

Non partecipare a questo blog tour non mi impedirà, però, di presentarvi i link degli amici bloggherecci che, a differenza di me, hanno diligenza e capacità di organizzazione: si parlerà di film, videogiochi, fumetti e altro ancora, purché con un riferimento all’opera di Lovecraft, perciò date loro un’occhiata
Per quanto mi riguarda, al momento,

Disonore! Disonore su tutta la tua famiglia! (…) disonore su di te, disonore sulla tua mucca

Mushu

Vedrò di rifarmi in futuro. Per ora, dovrete limitarvi a FHTAGN e a leggere.

I partecipanti seri al blog tour

The Obsidian Mirror → Lovecraft e il Giappone: Insumasu o ouu Kage
La Bara Volante → recensione film: Omicidi e incantesimi
Il Zinefilo → recensione film: Necronomicon
30 anni di Aliens → un’analisi di quanto Lovecraft ci sia in Alien
CitaScacchi → copertina scaccosa del fumetto “Cthulhu Tales”
Fumetti Etruschi → viaggio tra i mostruosi fumetti lovecraftiani di “Dampyr”
NonQuelMarlowe → storia del Necronomicon, il più famoso dei libri che non esistono
Gli Archivi di Uruk → post multiplo con le schede delle più recenti pubblicazioni di HPL in italiano
IPMP → post multiplo con più locandine d’annata possibili di film ispirati ad HPL distribuiti in Italia.
Pietro Saba World → recensione film: Color Out of Space
Non c’è paragone → recensione film: Re-animator
Directors’ Cult → recensione film: Re-animator
In Central Perk → recensione film: Il seme della follia
Solaris → recensione film: L’isola degli uomini pesce
Storie da birreria → I videogiochi lovecraftiani
Duecento Pagine → La casa delle  streghe. H. P. Lovecraft e l’architettura del male
Sicilianamente → The Call of Cthulhu

Vampiri – i giochi di ruolo targati White Wolf

Negli ultimi mesi, ho fatto una scorpacciata di giochi vampireschi targati White Wolf

  • mi sono dedicato al ripasso delle regole di Vampiri: La Masquerade (3a edizione) per preparare una Cronaca (ovvero, una storia “lunga”) da proporre agli amici
  • ho letto buona parte della 5a edizione italiana di Vampiri: La Masquerade (il solo manuale base) uscita in occasione dell’ultima Modena Play
  • sto leggendo lo scenario introduttivo Mostri, sempre per la quinta edizione di Vampiri
  • ho rigiocato Vampire: The Masquerade – Redemption, il vecchio RPG per PC in stile Diablo (e ho giocato pure Bloodlines, la collezione di bug che il mio vecchio PC non avrebbe potuto gestire nemmeno con un intervento divino!)

Così mi sono detto: potrei buttare giù una serie di post sul verismo di Verga!
No, scherzo :P intendevo una serie di post a tema “Vampiri della White Wolf”. Magari non uno dopo l’altro, ma chi lo sa…

Continua a leggere “Vampiri – i giochi di ruolo targati White Wolf”

Geek League, numero 0

Poco tempo fa, MikiMoz del blog Moz O’Clock ha annunciato un suo nuovo progetto: dare vita a un collettivo di blogger che siano soliti trattare argomenti nerd/geek/pop/quel che vi pare – comunque vogliate definire l’area, è quella.
Lo scopo? Creare una rete informale per creare articoli su argomenti comuni – ma dal punto di vista di diversi blogger – proporre guest post e così via.
Se scrivo questo post, è perché ho deciso di far parte della Geek League: la prima missione consiste nel presentarmi come membro di questa allegra combriccola di “supereroi”, mentre la seconda verrà tra qualche giorno, quando potrete leggere il primo post a tema della League sui cosiddetti “oggetti geek” che hanno un significato per i membri della Geek League.

Plot Tyrant: le origini

Iniziamo con l’avatar che mi rappresenterà come membro della Geek League: ho scelto un’immagine de Il giovane Lovecraft, fumetto spagnolo a strisce pubblicato su un blog dal 2006 e, in Italia, da Diabolo Edizioni. Divertimento non euclideo per (quasi) tutte le età!
E questo mi ricorda che dovrei gracchiare del primo numero da più anni di quanti ne abbia compiuto questo blog! Gracula pasticciona che non sono altro… :?
L’immagine è stata rielaborata grazie a un programma gratuito, XnSketch, proposto da Kiral di Gameocracy.

L’avatar Golden Age della mia identità da supererrore! Se mai imparerò a disegnare, ne creerò uno diverso per la Silver Age. Fonte: qui

Finalmente, ecco la scheda del mio alter ego nella Geek League, come composta dal malvagio redattore capo della testata.
Nota: non c’è nessun redattore capo e nessuna testata! :^P

Nome: Plot Tyrant (il Tiranno della Trama)
Alter ego: Conte Gracula
Spazio web: La cupa voliera del Conte Gracula
Numero di matricola Codice: H0016
Chi è: quello che non sa mai dove mettersi per non disturbare :P
Superpoteri:

  1. lagnarsi per i buchi di trama analisi delle storie – coerenza, sottotesti
  2. italiano decente
  3. pignoleria nella formattazione del testo

Punti deboli:

  1. musica – la apprezza, ma non la capisce :P
  2. moderata pigrizia
  3. forma mentis aliena alla natura umana

Perché ha scelto la Geek League:

  1. per potersi confrontare con altri appassionati su argomenti comuni
  2. per l’Onore, la Famiglia, la Tradizione e le Ciambelle

Nel prossimo episodio della Geek League, nelle migliori bloggherie a partire dal 5 febbraio…

Il “totem pop” del Plot Tyrant!
Ogni appassionato ha un oggetto con cui sente una certa affinità; il Plot Tyrant ne ha addirittura tre, ma le regole sono regole: dovrà sceglierne uno solo. Quale sarà?