Sette giorni

Buondìsera a tutti!
Chi passa per i trespoli di questa voliera ha sicuramente notato che tendo a scrivere non più di uno, massimo due post ogni settimana – in rari casi, sono arrivato a pubblicare dopo dieci o dodici giorni.
La settimana sta scadendo…
Il problema è che ho da gestire alcune piccole seccature della vita reale: nulla di grave, né di pericoloso o particolarmente costoso, ma si tratta di una situazione mangia-tempo e appena ho qualche momento di pace, non ho molta voglia di concentrarmi sullo scrivere qualcosa di vagamente sensato e preferisco dedicarmi ad attività più divertenti nel brevissimo periodo (le bloggherie mi piacciono, ma richiedono un impegno di tempo ed energie che lo rendono un interesse meno immediato).
Si sa, sono un po’ pigro e mi aspetto da me stesso degli standard minimi di decenza – non sono altissimi, ma ci sono: queste due caratteristiche non mi aiutano a pubblicare rapidamente. :P
Qual è il punto?
Il punto è questo: nella settimana che va dal 15 al 21 marzo non riuscirò a trovare il tempo per produrre un nuovo post, nemmeno con l’aiuto del solerte amico e ospite Denis (che già la settimana scorsa mi ha offerto un gustoso articolo da impaginare).
Troverò certamente il tempo, ogni giorno, di fare un salto qui e rispondere a eventuali commenti, nei ritagli di tempo, e magari riuscirò a leggere anche gli articoli di qualcuno di voi, visto che mi richiede minore sforzo rispetto a scrivere.

Creato grazie a questo sito

Spero che le piccole rotture non si protraggano oltre – il post di Denis scalpita per essere impaginato e io ho finito un videogioco che mi darà materiale per almeno uno o due post – e chi lo sa, se la situazione dovesse migliorare, magari pubblicherò qualcosa di nuovo prima della prossima settimana.
Intanto divertitevi, ok? ;)

La Gazzetta della Gracula, su Telegram

Come annunciato nel post di complehalloween, e in coda alle ultime gracchiate qui sulla voliera, ho aperto di recente un canale Telegram.
Molto in breve, vi spiegherò i miei nefasti piani per quel piccolo spazio, ma prima…

Cos’è Telegram?

Molti di voi sapranno già che programma sia Telegram, probabilmente meglio di me, ma a beneficio di chi non lo conosca, spenderò poche parole a riguardo.
Telegram è un programma – in furbofonese stretto, un’app – di messaggistica istantanea: avete presente Whatsapp? Ecco qualcosa di simile, ma più efficiente.
Telegram è disponibile, gratuitamente, sul Google Play per i furbofoni Android (e immagino anche sugli store degli altri sistemi operativi) ma è anche possibile usarlo direttamente da browser cliccando qui oppure scaricarlo per diversi sistemi operativi, Linux compreso, cliccando qui.
In tutti i casi, per usare Telegram sarà necessario dargli in pasto il proprio numero di furbofono, ma chiunque voglia scambiare messaggi con qualcuno senza dare il proprio numero, può scegliere un nome utente (username) dalle impostazioni del proprio account e fornire quello ai suoi nuovi contatti.

Continua a leggere “La Gazzetta della Gracula, su Telegram”

Lovecraft 130

Lasciandomi distrarre da un sacco di menate collaterali (Lucius mi ha suggerito di tirare in ballo le locuste, come in The Blues Brothers, perciò sì, è stata colpa delle locuste. Delle locuste da Yuggoth) ho finito per rimandare il mio contributo a questo “giro di blog”, dedicato al 130° anniversario della nascita di Howard Phillips Lovecraft – uno scrittore noto per un sacco di cose

  • nato sul finire del 1800
  • vissuto soprattutto nel 1900
  • desiderava essere nato nel 1700
  • babbo di quel gioioso abominio di Cthulhu e di un sacco di altre mostruose “divinità” aliene
  • e sì, negli ultimi anni – non che prima non si sapesse – si discute sul fatto che fosse pure un razzistone col turbo

A casa ho una bella selezione di saggi dedicati a Lovecraft, nel primo dei quali emerge un lato troll dello scrittore: avrei voluto parlare di quello, ma dovrò rimandare ad altra data. :P

La raccolta di saggi in questione.
I “graffi” sulla copertina sono dovuti al danneggiamento della plastificazione della copertina.

Non partecipare a questo blog tour non mi impedirà, però, di presentarvi i link degli amici bloggherecci che, a differenza di me, hanno diligenza e capacità di organizzazione: si parlerà di film, videogiochi, fumetti e altro ancora, purché con un riferimento all’opera di Lovecraft, perciò date loro un’occhiata
Per quanto mi riguarda, al momento,

Disonore! Disonore su tutta la tua famiglia! (…) disonore su di te, disonore sulla tua mucca

Mushu

Vedrò di rifarmi in futuro. Per ora, dovrete limitarvi a FHTAGN e a leggere.

I partecipanti seri al blog tour

The Obsidian Mirror → Lovecraft e il Giappone: Insumasu o ouu Kage
La Bara Volante → recensione film: Omicidi e incantesimi
Il Zinefilo → recensione film: Necronomicon
30 anni di Aliens → un’analisi di quanto Lovecraft ci sia in Alien
CitaScacchi → copertina scaccosa del fumetto “Cthulhu Tales”
Fumetti Etruschi → viaggio tra i mostruosi fumetti lovecraftiani di “Dampyr”
NonQuelMarlowe → storia del Necronomicon, il più famoso dei libri che non esistono
Gli Archivi di Uruk → post multiplo con le schede delle più recenti pubblicazioni di HPL in italiano
IPMP → post multiplo con più locandine d’annata possibili di film ispirati ad HPL distribuiti in Italia.
Pietro Saba World → recensione film: Color Out of Space
Non c’è paragone → recensione film: Re-animator
Directors’ Cult → recensione film: Re-animator
In Central Perk → recensione film: Il seme della follia
Solaris → recensione film: L’isola degli uomini pesce
Storie da birreria → I videogiochi lovecraftiani
Duecento Pagine → La casa delle  streghe. H. P. Lovecraft e l’architettura del male
Sicilianamente → The Call of Cthulhu