Il secondo non-compleanno della voliera (2017): quest’anno mi sono dato all’ittica!

Fino all’inizio di marzo, non sapevo se e come avrei festeggiato il secondo non-compleanno di questa cupa voliera, ma poi mi è venuta l’idea: avrei scritto la non-recensione di qualcosa che non esiste!
Ok, il fumetto di Teen Titans Go! esiste, ma non all’interno del progetto Rinascita dell’universo DC. Almeno credo…

Teen Titans Go! Rinascita: il “dietro le quinte”

Non sono bravo con gli scherzi, ma spero che sia piaciuto a chi l’ha letto: nei limiti delle mie capacità, ho cercato di curare il più possibile i diversi dettagli

  • ho creato la copertina assemblando varie immagini ad hoc (ma stupidamente non ho segnato gli indirizzi in cui ho trovato i diversi pezzi). È stata una gran fatica, non riesco proprio a capire la logica dei programmi di fotoritocco: un’altra lacuna da colmare ^_^’
    Oh, almeno sembra una mia brutta scansione. O no?
Il risultato è quello che è, ma vabbé!
Ho aggiunto la banda grigia a lato per dare l’idea della copertina curva dello spillato.
  • ho buttato giù i soggetti delle storie che avrei non-recensito, così da parlarne il più possibile come se esistessero davvero. Il che mi fa sospettare che se avessi saputo disegnare, probabilmente avrei fatto almeno uno schizzo delle tavole, aumentando sensibilmente il tempo speso per questa scemenza XD
    (colgo l’occasione per ringraziare l’amica che mi presta i fumetti, che mi ha suggerito delle idee per l’episodio della festa alla bat-caverna: il risultato finale sembra davvero un episodio di Teen Titans Go!)
  • ho inventato i nomi degli autori, storpiandone alcuni più o meno conosciuti nel mondo del fumetto:
    Glenn Garrison è la parodia di Grant Morrison
    Anton April (per richiamare il pesce d’aprile) è la parodia di Guillem March
    The Original Writer si sa già, è Alan Moore. Non l’ho nemmeno inventato io, mi sono limitato a farlo collaborare con il nostro Glenn Garrison Grant Morrison, perché so che nella realtà hanno qualche ruggine e l’idea mi divertiva, perché a volte sono un po’ troll :^P
    Carl Calcutta è Mike Kaluta
    Bob Belthazor è Art Balthazar, col cognome di uno degli arcineamici del trio nel telefilm Streghe (Belthazor, non Balthazar)
    infine, Peter Popples è Paul Pope, geneticamente ibridato con una stra-adorabile razza di pupazzi pucciosi degli anni ’80
Ha una tasca sulla schiena, se ricordo bene, e ci si può infilare per trasformarsi in una palla. Da bambino mi sembrava carino, ora ha qualcosa di inquietante… sarà il colore acido?
(Fonte: Confessioni di un erbivoro)

Non sarebbe stato male, abbinare gli stili di tutti i disegnatori reali con le loro parodie di questo pesce…

Infine, ho attaccato il meme trollface su un pesce fatto male con Krita. Disegnare non è mai stato il mio forte, ma col mouse è tutta un’altra storia (dell’orrore).

Non dormirò la notte, pensando a esso!

Tutte queste scemenze, compresa la stesura del post e la sua impaginazione, più un tot di revisioni, mi sono costate circa dieci ore della mia vita: alla fine, probabilmente mi sono divertito più io a preparare questo pesce d’aprile, che le sventurate sei persone che l’hanno visualizzato o persino letto!
Bon! Il non-compleanno passerà tra meno di mezz’ora (basandomi sull’ora visualizzata mentre scrivo).
Chissà cosa ci porterà il prossimo 1° aprile… :^P

It’s Grumpy-Gracula Time! DC Night, che ora dovrà chiamarsi “DC Evening, then Night”…

Al mondo ci sono un sacco di cose che non vanno: problemi gravi, decisamente ben peggiori di un palinsesto televisivo capriccioso. Ma questo è un blog leggero, dunque ci si lamenta in leggerezza per questioni leggere, quando qualcosa non va. Le cose serie, per ora, le lascio a gente con le spalle più larghe delle mie.

Comunque, cosa c’è che non va?
C’è che il martedì degli ultimi mesi, fino alla settimana scorsa, venivano trasmessi in prima serata alcuni telefilm dedicati ai supereroi DC: nulla di trascendentale – hanno qualche situazione o dialogo meh, qualche svolta di trama discutibile, ma nel complesso mi piacciono, anche quando vado giù duro a criticarne i difetti – però mi rilassavo a guardarne gli episodi, a commentarli con un’amica su WhatsApp in tempo reale, a leggere i reportage di Johnny Cornerhouse su Flash “the fastest pischello alive”, il giorno dopo o giù di lì.

Così, oggi mi preparo: furbofono carico per la “diretta”, frittatona di cipolle e rutto libero mi siedo e accendo la TV, che mi annuncia – via EPG – che sta per andare in onda Batman Begins.



Guida TV alla mano… sì,  trasmettono Batman Begins. A me il furbofono! Breve ricerca e zacchete, uno dei diversi risultati a riguardo

Il nuovo palinsesto, scrive il blog, vedrà Supergirl alle 19.25, seguita da The Flash alle 20.25 e, dopo la trasmissione del film in prima serata, riprendere con la programmazione di Arrow e Gotham dalle 22.55 in poi.

Dunque, a causa di scarsi ascolti, decidono di tamponare la falla trasmettendo… cosa, un film di più di dieci anni fa (2005) visto mille volte anche dagli imperatori romani? E facendo girare le scatole ai quattro gatti che seguivano le serie spostate… già, quando e a che ora?
Ah, sì, il SABATO  NELLA FASCIA PRESERALE e poi in seconda serata, dove è sicuro che ancora meno persone se li fileranno anche se sono per lo più prime visioni (assolute o in chiaro)!
Chissà che ascoltoni faranno oggi, grazie a Batman Begins, che molti conoscono a memoria! Se avessero scelto di trasmettere, non so, Suicide Squad, che bello o brutto che sia, almeno è nuovo

Fonte: We know memes

Spero che l’inventore della superstizione degli ascolti non se la stia passando molto bene, ammesso che sia ancora vivo. O viva.
Ora: non sono un esperto di palinsesti – chissà che pasticci farei, se le scelte “oculate” compiute dai professionisti col-know-how-in-tasca sono queste – ma dopo la… leggerezza di non trasmettere in chiaro il finale del crossover DC, qualche settimana fa, fare anche questa… sempre leggerezza, và, forse non è un grande sintomo di leggerezza saggezza.
È vero che il mondo non si inchina ai miei bisogni (purtroppo: se lo facesse, non accadrebbero queste cose e neppure altre ben più gravi e tutto sarebbe migliore) ma a me tornava comodo guardare i miei supereroi kitsch il martedì. Avevo il mio “palinsesto nerd”, con le partite di gdr spalmate nel corso della settimana e lo slot DC Night a coprire l’inizio della settimana.
Questo palinsesto nerd mi permetteva di sopportare con meno rabbia le rotture di queste giornate, un bel periodo interessante in stile maledizione cinese, e ora mi servirà un sostituto per l’inizio della settimana. E sabato non credo che riuscirò a vedere queste serie, ho altro da fare – e comunque, se il film che spezza la ex-DC Night non mi piacesse, credo che mi metterei a fare altro e salterei Arrow…
Dovrò confidare nelle repliche, per ora, o darmi allo screaming streaming.

Ora: non scriverò cosa penso di chiunque abbia preso questa bella decisione, perché certe parole non stanno bene sulla tastiera di una gracula ben educata quale io sono. E poi il regolamento che ho scelto per il blog vieta gli insulti alle persone reali, mannaggia a me!
Comunque, i signori e le signore responsabili sappiano che auguro loro i tempi interessanti di poco fa. Non molto interessanti, in fondo si parla solo di intrattenimento mancato, mica di farmaci salvavita negati, di gente che perde la casa o di chissà quali abusi.
Ma un po’ interessanti, questo sì. Come fare una fila di tre ore, le prossime tre volte che dovranno andare alla posta o dal medico.
Per sicurezza, li ricorderò nelle mie preghierine della sera a Hastur.

Un gran bel santino di Hastur, nulla da ridire!
(Fonte: l’utente Deviantart namesjames)

PS: e poi c’è chi piagnucola per lo streaming pirata… e poi, in Mediaset ti spacciano i programmi per gratis, quando spendi il tuo tempo a vedere vagonate di pubblicità… e poi la finisco qui, o questo post scriptum potrebbe diventare davvero molto lungo! Per dire, potrei lamentarmi perché WordPress.com ha fatto sparire il tasto per giustificare il testo e quello per le sottolineature… ops, l’ho appena fatto!