True Blog – Il diario della voliera, 5

true blog

Eccomi alla fine del quinto mese di bloggherie della cupa voliera. Come stiamo andando?
Piano: le solite cose da vita reale – e una certa dose di pigrizia – mi hanno impedito di star dietro al blog nel modo migliore. Una cosetta son riuscito a farla… ma andiamo con ordine!

Buona Pasqua a tutti!

E se non festeggiate la Pasqua…

Trascorrete una buona domenica!

Fatti gli auguri, passiamo al succo di True Blog: dei miei obiettivi a breve termine, ne ho finalmente completato uno. Non uno dei più succosi, ma comunque l’ho fatto: Le leggi della voliera sono finalmente al loro posto! Un chiodo in meno sulla mia bara da blogger.
Ora mi rimane una bella fetta del solito, cioè

  • racconto a puntate (questo mese non sono riuscito a revisionarlo nemmeno una volta: di questo passo, l’autrice di Glass no Kamen finirà il suo fumetto, iniziato almeno negli anni ’80, e io non avrò nemmeno pubblicato la prima puntata di Immersione)
  • satira ai danni di certi bimbiminkia (continuo ad accumulare materiale, ma non so se strutturarlo come un mockumentary o come un racconto)
  • cosette divulgative terra-terra (meno male che non punto al capolavoro, o mi servirebbero altre due reincarnazioni prima di iniziare)
  • gdr scaricabile (anche questa sarà lunga…)

Una cosetta divulgativa – non quello che avevo in mente, ma sarebbe già qualcosa – la sto preparando, ma devo prima capire come diavolo voglio sistemarla. Vedremo se aprile sarà un mese più fortunato per la produzione di contenuti. :-)
A ogni modo, nella voliera sono accadute altri fatti sorprendenti: sono stati qui un ospite tedesco e uno inglese! Non so da dove di preciso, né per quanto tempo.
Immagino che l’ospite tedesco sia capitato qui cercando qualcosa su Meyrink (l’articolo sulla sua vita è stato visualizzato più o meno in contemporanea) mentre quello inglese ha fatto coincidere la sua visita con un’occhiata all’articolo sul libro del Castello errante di Howl. Una coincidenza?
Chiederò ad Adam Kadmon.
Intanto, mi chiedo se ci siano arrivati dopo quattrocento pagine di risultati di ricerca di Google, se abbiano letto qualcosa – magari con un traduttore online – o se abbiano chiuso la pagina…

Infine, ho ricevuto il mio primo commento di spam: è stato molto garbato, niente pubblicità di prodotti pseudo-farmaceutici, mi ha dato consigli per migliorare il blog dal lato SEO e poi mi ha lanciato l’idea di acquisto di un plugin per WordPress.
Solo che non posso installare plugin, qui sul .com !

^_^ ;

Va be’, quel che c’era da scrivere l’ho scritto e per questo mese è tutto!
Buona giornata a chiunque legga – e anche a chi non legge, solo che non lo saprà mai :P

True Blog – Il diario della voliera, 4

true blog
Ed ecco il logo della categoria!
(Fonte: Wikipedia, segue un leggero ritocco)

Che dire? Febbraio è stato un mese fiacco, sul versante delle bloggherie: dunque, questo giro di True Blog sarà breve, quasi come se fosse uno stato di Fakeboobs…
Piccole noie non trascurabili mi hanno levato la voglia di fare cose più impegnative del fare un cavolo di niente, perciò non ho toccato un solo punto del mio elenco di obiettivi a breve termine per il blog, che sono

  • racconto a puntate
  • le Leggi della voliera
  • satira ai danni di certi bimbiminkia
  • cosette divulgative terra-terra
  • gdr scaricabile

In realtà, un passo avanti sul versante gdr l’ho fatto: ho creato un prototipo del mio gioco di supereroi (l’investigativo horror attende il suo turno) e l’ho testato con due storielle brevi – una nel mondo di Hellboy e una nel mondo dei supereroi DC Comics (con un occhio di riguardo nei confronti delle storie Vertigo, tipo Sandman).
Entrambi i playtest mi hanno dato idee a bizzeffe su come rendere il gioco più funzionale (si spera) ma vedremo nei prossimi tempi come ne uscirò.
E basta, non c’è altro da dire, su questi argomenti.
Ah già, questo True Blog presenta il primo esperimento di nota fuorviante che non usa in modo improprio le ancore: per la gioia di Ysingrinus, ci saranno meno incidenti di lettura!

True Blog – Il diario della voliera, 3

Ed eccoci al terzo True Blog. Già tre mesi di Voliera, e non sentirsene nemmeno due addosso :P

A gennaio, sembra che mi sia adagiato un po’: non l’ho mai dichiarato (credo: son vecchio e la memoria va a ramengo) ma mi sono posto come obiettivo personale di scrivere da uno a due post ogni settimana – dall’inizio di questa piccola avventura fino ai primi dieci giorni del mese ne ho scritto due, di solito.
In realtà non ho poltrito: dopo vari mesi in cui ho dedicato poco tempo ai miei prototipi di gioco di ruolo, sono stato investito da un’inaspettata illuminazione per risolvere i problemi di due miei piccoli mostri! O◊O
Uno dei due, in particolare, mi sta facendo sudare sangue di comprovata virtù taumaturgica sin dal 2011: un gioco sui supereroi coi superproblemi!
Così, ho dedicato molto tempo a buttare giù il prototipo, che se tutto va bene testerò con amici, prima di azzardarmi a dargli uno spazietto sul blog.
E se invece farà schifo oltre ogni possibile forma di redenzione, nessuno lo vedrà mai… :P

Il resto del tempo libero l’ho dedicato a sistemare il mio wannabe racconto a puntate: dal basso delle mie capacità, mi sembra che stia migliorando. Spero di riuscire a schiaffarlo qui prima del non-compleanno del blog (il primo aprile) :D
A causa di tutto ciò, il listone di progetti che ho aggiornato nel dicembre 2015 è rimasto invariato. Per scrupolo, riporto qui tutto ciò che non ho ancora completato

  • racconto a puntate (sperando che non diventi un racconto a puttanate, la storia è un po’ strana)
  • le Leggi della voliera
  • satira di costume sugli scostumati bimbiminkia (mi basta prendere l’autobus o fare un salto in uno dei parchi di Cagliari, per trovare l’ispirazione. Non devo nemmeno rielaborare i contributi offerti dall’universo!)
  • cosette divulgative terra-terra (ho un progettino per una serie di articoli e alcune idee per qualcosa che con tale serie non c’entra)
  • gdr scaricabile (spazio conteso tra due progetti, allo stato attuale. Verrà escluso solo ciò che non funziona)

E perché no, un ripassino di CSS non ci sta male, mi sono un po’ arrugginito e non ho trovato altro per creare dei box, qui su WordPress.com. Se poi riuscissi a scoprire un modo per simulare un plugin spoiler senza colorare il testo di bianco e scrivere “evidenziate/copiaincollate per leggere” sarei un merlo indiano in pace con il mondo :P

Comunque sono riuscito a iniziare la serie di ciance dedicata al Castello errante, ci tenevo a farlo.
Ora vedremo cosa ci porterà febbraio…