Forse il mondo gira intorno a me

Yavanna ai tempi di X Factor
Da sinistra: Virginia, Anita e Letizia.
(Fonte: La Provincia di Como)

Tanti anni fa, un amico mi chiese se guardassi X Factor (che per me, allora, era solo un fumetto Marvel sui mutanti :P ): perché avrei dovuto seguire quel programma?
Risposta semplice: c’era un gruppo di tre ragazze, che si esibivano in cosplay da elfo di Tolkien. Il gruppo si chiamava Yavanna, come una divinità della Terra di mezzo.
“Io queste nerd allo stadio terminale devo vederle!” mi dissi allora: e fu così che ho seguito un’edizione di X Factor fino all’ultima puntata, dato che le Yavanna arrivarono in finale, tra molte difficoltà, senza riuscire a vincere.
Ma oggi non gracchierò del mio rapporto coi talent musicali, piuttosto di Forse il mondo gira intorno a me, il documentario che racconta la nascita del gruppo delle Yavanna, i retroscena sulla loro partecipazione a X Factor e gli strascichi che il talent ebbe nell’esistenza del gruppo.

Continua a leggere “Forse il mondo gira intorno a me”

Annunci

Geek League, numero 3: Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…

Oggi, 23 maggio 2018, in una galassia lontana lontana chiamata Italia, dovrebbe uscire Solo, spin off di Star Wars sulla giovinezza di Han Solo. Per cavalcare l’onda, avendo perso lo Star Wars Day lo scorso mese a causa dello scontro con un malvagio tiranno galattico la Geek League ha deciso di andare in missione con una serie di post a tema Star Wars, nel nuovissimo formato P.O.P.!
P.O.P. sta per Parodia, Omaggio o Plagio… perciò ognuno dei partecipanti sceglierà “qualcosa” a tema Star Wars che ricadrà in una di queste tre categorie!

Ho scelto…

Continua a leggere “Geek League, numero 3: Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…”

Convertiti e Credi al Vangelo: il lato scemo del Jukebox della voliera!

“Tu sai senz’altro che ce la farai, quindi non devi mollare mai
Con la lealtà e la sincerità, farai pace con il tuo papà”
Giorgia Cosplay D’Avena, in Convertiti e Credi al Vangelo

Correva il lontano 2001: Giorgia Vecchini AKA Giorgia Cosplay

Al valoroso guerriero piace ricordarla così! (cit. Guru Guru)
(Fonte: Giorgiacosplay su DeviantArt)

Dicevo: Giorgia Cosplay, per accompagnare un’esibizione in cosplay alla fumetteria Fat’s Dream di Bologna (fonte) si lanciò nell’ardita impresa di creare una cover di Zankoku na tenshi no these, uno dei due brani della colonna sonora di Neon Genesis Evangelion – l’altro è Fly me to the Moon, arrangiato in 666 versioni diverse, manca solo quella di Fedez.
Ma torniamo a Giorgia Cosplay: l’idea fu quella di prendere la musica originale e abbinarle un testo in italiano. Certo, non un testo serio: piuttosto, la parodia di un tipico brano in stile Mediaset, nel pieno del periodo buonismo & censure™.
E cosa c’è di più rassicurante della religione, per una famiglia tradizionalista che non farebbe mai vedere un cartone giapponese brutto & cattivo™ alla propria tenera prole? Senza contare che Neon Gheon Evangelation – strafalcione da fumetteria, riportatomi dalla mia amica Confessora – fa dell’approccio liberale alla religione il proprio punto di forza…

Screenshot dal video

Ecco come è nato il brano Convertiti e Credi al Vangelo (Marchese Fonzie, dia un bello sganassone al Jukebox, ché qui siamo tutti nobili senza nichelini!): Giorgia Vecchini propone un’imitazione credibile (anche se non sempre costante) del timbro e dello stile canoro di Cristina D’Avena, con una parodia della tipica, agghiacciante sigla Mediaset di un tempo, in cui possiamo trovare

  • nomi cambiati (per dire, Shinji diventa Simone)
  • buonismo a briglie sciolte (con la lealtà e la sincerità, Shinji Simone farà pace con quel farabutto del papà)
Non scappare, Shinji Simone: facciamo pace!
  • lirismi inconsulti (la tua vita è magia, piena di fantasia/profuma di stelle e poesia)

e tutto ciò che ha fatto tristemente parte della vita di un appassionato italiano dell’animazione giapponese negli anni ’90, in a not so loving memory of Lady Alessandra Valeri Manera & Co, prima che l’uso di internet, più o meno legale, ci mostrasse le opere originali come sono state concepite dai loro autori.
O almeno, più vicine alla loro idea iniziale…

Altre grandi cover à la Mediaset di Giorgia Cosplay

Ne conosco solo un’altra: Un deserto di sfide ed avventure per Ken il Mattiniero, che usa come base la musica di Tough Boy!
Non mi risulta abbia cantato altre parodie…