Specie immortale, di Colin Wilson

Dopo tanti mesi, torniamo in zona Urania con uno dei romanzi fantascientifici (e anche un po’ psichedelici) di Colin Wilson, che ho deciso di rileggere, con tutto comodo, in queste settimane.
Sì, ci ho messo un paio di settimane.
Sì, sto diventando pigro.
Più pigro. :P

Specie immortale 101

Howard Lester, un giovane con un certo talento per la matematica, sembra destinato dal padre a una vita da ingegnere, ma un incontro fortuito con un intellettuale e aristocratico inglese, col quale condivide un’innato interesse per la scienza e l’arte, cambia la sua vita.
Quando l’amico muore, Howard rafforza una sua ossessione circa la caducità della vita umana e, intenzionato a scoprire i segreti della longevità, compie studi durante i quali stringe la conoscenza di Henry Littleway, un altro studioso aristocratico con cui fa esperimenti sulla durata della vita umana.
Dopo alcuni vicoli ciechi, i due arrivano a scoprire un metodo per dare agli esseri umani il controllo sulla loro vita, aprendo all’umanità le porte verso l’eterna giovinezza.
Il nuovo dono all’umanità non è l’unico del pacchetto: l’esperimento porta allo sviluppo di capacità insolite e dalle ampie possibilità di impiego, superando non solo i limiti del corpo, ma soprattutto quelli della mente e della percezione, portando nuove opportunità e antichi nuovi pericoli.

Continua a leggere “Specie immortale, di Colin Wilson”

Due gracchiate in libertà: La Terra morente, di Jack Vance

Dopo tanto tempo, eccoci tornati su Urania, la rivista di fantascienza che, ogni tanto, presenta anche storie fantasy! :P
Oggi dirò due cosette sulla Terra morente di Jack Vance, grazie a un’antologia che riporta una selezione di racconti del ciclo. La traduzione è di Gianluigi Zuddas.
Sono storie molto importanti, per quella parte di me che si dedica al gioco di ruolo, dato che il sistema magico di Dungeons & Dragons è ispirato a quello presentato in questi racconti (non a caso, la magia di D&D viene definita da molti vancian magic, cioè magia vanciana, dal cognome dell’autore Jack Vance).
Non ho mai sopportato il sistema magico di D&D e vorrei creare una macchina del tempo, per suggerire all’autore di inventarne uno sui punti magia o qualsiasi altra cosa meno irritante… ma vabbé, questo non è un particolare interessante. :P

La Terra morente 101

Scansione

La Terra sta per incontrare la propria fine: ormai il Sole ha virato verso il rosso e non scalda più il mondo come una volta, le antiche tecnologie sono andate perdute e la magia è una forza onnipresente, capace di manifestarsi con gli incantesimi dei maghi, le apparizioni di divinità e demoni, e l’esistenza di mostri terribili come i morti viventi, intelligenti e affamati di carne umana.
In un mondo così bizzarro e ostile, diverse persone vivono le loro storie alla ricerca di qualcosa e i loro cammini spesso si intrecciano: maghi che vogliono padroneggiare la vita, ricchi signori alla ricerca di ricchezze e potere, avventurieri affascinanti, avidi e privi di scrupoli…
La Terra sta lentamente morendo, ma certo non finirà senza fare il botto!

Continua a leggere “Due gracchiate in libertà: La Terra morente, di Jack Vance”

Guerra al Grande Nulla, di James Blish

«A mio avviso, Egtverchi tenta di sollevare la folla. Ti ricordi di quei ragazzi in uniforme? Ora ha abbandonato quel sistema, perché è convinto che la sua nuova idea sia migliore. Ha un pubblico di circa sessantacinque milioni di spettatori, metà dei quali forse sono adulti. Di questi, un’altra buona metà è costituita da individui più o meno mentecatti, ed è proprio su questo che lui, ora, conta. Intende trasformare quei milioni di individui in vere e proprie squadre di linciaggio.»
Michelis, in Guerra al Grande Nulla

Fruttero e Lucentini, viene riportato nella quarta di copertina di questo libro, definirono Guerra al Grande Nulla un “thriller teologico”. Personalmente, trovo che ci sia sì un certo livello di teologia, ma davvero poco thriller; è più che altro una storia che appaia la scienza e la religione, operando su un doppio binario che, perfino nel finale, mantiene una certa ambiguità.
Esiste Dio? Esiste il Diavolo? Se sì, che peso hanno sulla vita nel nostro universo fatto di materia?
Spoiler: scordatevi una risposta netta! :P

Guerra al Grande Nulla 101

Una scarsa voglia di scansionare copertine mi ha portato a prendere quella dell’ebook sul Mondadori Store.
Sapevatelo!

Lo sviluppo di tecniche avanzate di viaggio spaziale ha permesso all’uomo di raggiungere, in tempi brevi, dei luoghi che distano dalla Terra parecchi anni luce.
Uno di questi luoghi, che i terrestri hanno chiamato Lithia, è abitato da enormi rettiloidi autocoscienti, delle specie di uomini-serpente alti quattro metri, che oltre ad avere un’intelligenza vivace e una scienza avanzatissima (in certi ambiti) vivono per istinto una vita ordinata e altamente morale – secondo gli standard occidentali e pure cristiani.
Una spedizione di quattro scienziati, comprendenti anche un gesuita – padre Ramon, esperto biologo – trascorre del tempo su Lithia per decidere se la Terra debba avere col pianeta alieno dei rapporti di qualche tipo.
Tra intrighi e improvvise rivelazioni, padre Ramon arriva a una conclusione: Lithia è in realtà una trappola del “Supremo Nemico” di Dio, ordita ai danni della specie umana, e dovrebbe essere tenuto in quarantena.

Quando gli scienziati si apprestano a tornare al loro mondo natale, un lithiano di nome Chtexa, che ha stretto amicizia col gesuita, porge ai quattro un dono, con la richiesta di portarlo sulla Terra: un’urna predisposta per fare da incubatrice, contenente un embrione che diverrà la progenie del lithiano.
I veri guai per la Terra partiranno proprio da lì.

Continua a leggere “Guerra al Grande Nulla, di James Blish”