Una cucina dell’altro mondo: Oh My Ghostess

Dopo tanto tempo, torniamo in Corea per gracchiare di un altro drama: ancora una volta, si parla di una commedia sentimentale di genere fantatico, ma questa volta speziata con un’ambientazione di tipo gastronomico e insaporita con un pizzico di thriller.
Siete pronti a vedere la gente morta?

Oh My Ghostess 101

Fonte: KDrama Fighting

Na Bong-Sun è una giovane donna timida e insicura, amante della cucina e terrorizzata dai fantasmi, che può vedere e sentire per aver ereditato le doti sciamaniche della nonna.
Lavora come lavapiatti nel ristorante di un giovane cuoco in ascesa, Kang Sun-Woo, di cui è fan e per cui ha una cotta.
La sua vita scorre pallida e insignificante, fino a quando la sua strada si incrocia con quella del fantasma Shin Soon-Ae, una giovane donna rimasta ancorata al mondo a causa di un forte rimpianto: è morta… vergine!
Per liberarsi da questa esistenza innaturale, Soon-Ae è alla ricerca di un uomo abbastanza forte da poter reggere un rapporto con una donna invasata da un fantasma, ma la maggior parte dei bellocci da lei scelti finisce in ospedale dopo qualche carezza… fino a quando trova un potenziale candidato, un uomo “con la forza del Sole nelle braccia” (o qualcosa del genere): il candidato è ovviamente lo chef Kang e la povera Bong-Sun è la donna ideale da possedere, dato che prova un forte sentimento per lo chef.
Se solo lo chef non fosse un uomo così serio e all’antica!

Continua a leggere “Una cucina dell’altro mondo: Oh My Ghostess”

Destino e divinità in Corea: Goblin

Rieccoci al nostro angolino saltuario dei drama coreani!
Oggi tocca a Goblin, una storia urban fantasy che, in patria, ha ottenuto un certo successo. Meritato o no?
Scopriamolo insieme!

Goblin 101

Da sinistra: il Cupo Mietitore, Sunny, Deok-Hwa, Kim Shin ed Eun-Tak
(Fonte: account Twitter)

Il generale Kim Shin, uccisore di un migliaio di uomini per amor di patria e caduto vittima di una congiura di palazzo, ha ricevuto da Dio un dono e una maledizione: è stato trasformato in un Goblin, un’entità dai grandi poteri, ma la cui immortalità lo condanna a veder morire tutti coloro che ama.
Solo una donna, la leggendaria sposa del Goblin, potrà estrarre dal petto dell’uomo la spada – altrimenti invisibile e intangibile – che simboleggia la colpa del generale, per liberarlo dalla sua vita eterna.
Novecento anni dopo, l’intromissione del Goblin nella vita di una donna, incinta e moribonda, decreta la comparsa della sposa: è Ji Eun-Tak, una ragazza che può vedere i fantasmi ed esercitare un certo controllo sul Goblin.
Tra fantasmi, parenti avidi e Cupi Mietitori che le danno la caccia, la vita di Eun-Tak resterà piuttosto movimentata, nonostante la protezione di Kim Shin…

Continua a leggere “Destino e divinità in Corea: Goblin”

Il Sole del Padrone splende per tutti i fantasmi coreani: Master’s Sun

Dopo Strong Woman Do Bong-Soon, torniamo a parlare di drama coreani, approfittando del fatto che sono fresco di visione di una serie e prima di lanciarmi su una nuova, suggerita dall’inossidabile amica-fanatica della Corea del Sud (prima o poi, dovrò chiedere a queste benedette amiche di scegliere un nom de guerre, per quando le devo citare qui sulla voliera).
Questa volta parliamo di Master’s Sun, una divertente commedia con risvolti sia sentimentali che lievemente horror: infatti, la sua protagonista vede la gente morta!

Master’s Sun 101

No, non è una serie sui vampiri!
(Fonte: Wikipedia)

Tae Gong-Shil era una giovane promettente, dalla carriera scolastica brillante e versata nel tennis, al punto da venire soprannominata “il Grande Sole” – con grande cordoglio della sua rivale negli studi, l’arcineAmica Tae Yi-Ryung, chiamata “il Piccolo Sole”.
Ma questo era il passato: dopo un incidente che l’ha costretta in ospedale per alcuni anni, Tae Gong-Shil ha ottenuto suo malgrado la capacità di vedere e sentire i fantasmi, i quali sembrano in grado di percepire la sua natura speciale e la ossessionano giorno e notte, terrorizzandola fino a renderla un’emarginata – immaginiamo di vedere una donna che piagnucola e parla all’aria…

Durante una serata di pioggia battente, Gong-Shil si imbatte in un uomo molto particolare: il giovane – e avido – Joo Joong-Won, proprietario di un centro commerciale e di una catena di alberghi di lusso. La particolarità di Joong-Won è che se lui e Gong-Shil si sfiorano, i fantasmi nei dintorni spariscono dalla vista della donna per un po’, lasciandole un attimo di respiro.
Tutto ciò rende Joong-Won molto interessante per Gong-Shil, che inizia a importunare l’uomo perché diventi il suo rifugio dai fantasmi. Fantasmi a cui Joong-Won, inizialmente, non crede…

Continua a leggere “Il Sole del Padrone splende per tutti i fantasmi coreani: Master’s Sun”