[Guest Post] Wrestler ispiratisi a personaggi di fiction. Parte 1, di Denis

Del fatto che per un periodo io sia stato interessato al wrestling, ho già accennato in passato, ma non ho ancora rivelato – non qui – che sono un appassionato di cosplay (ma non ne faccio): quelli belli mi piacciono, ma quelli fatti male mi conquistano! Devono essere fatti male davvero, però: voglio costumi arrabattati dai cassonetti dei vestiti usati, indossati da gente che assomiglierebbe al personaggio voluto solo dopo una robusta reincarnazione…

Soprannominato Sailor Bubba, costui è l’archetipo dei cosplayer tragici, ma per lo meno, è una cosa voluta. Che io sappia, non è un wrestler.
(Fonte: Crunchyroll)

Meglio questo, che godere degli incidenti stradali altrui. O augurarli ai cosplayer scarsi – sì, accadono pure queste cose, quando il fandom si prende troppo sul serio, ma non divaghiamo e prepariamoci per una serie di guest post di Denis. Il tema è: wrestler che si ispirano a cinema, star della musica, fumetti etc., per dare vita a personaggi memorabili. In un verso o nell’altro.

A partire da questo momento, le immagini (e le loro fonti) sono state cercate da Denis, e anche i commenti sono tutti suoi. ;)

WRESTLER ISPIRATISI A PERSONAGGI DI FICTION. PARTE 1

Elvis Presley: Roy Wayne Ferris debutta nel 1986 con una gimmick ispirata agli imitatori di Elvis Presley, The Honky Tonk Man; la sua valletta Peggy Sue era in realtà Sherry Martel (r.i.p) che indossava una parrucca bionda.
Faceva la parte del cattivo (heel) rompendo chitarre in testa a fine match ed è suo il record di regno della cintura intercontinentale più lungo, ben 454 giorni, interrotto da Ultimate Warrior in un match di 31 secondi, a Summerslam 1988.
Suo cugino è Jerry “the king” Lawler, con cui non è in buoni rapporti.

Always in my mind
(Fonte: prowrestlingradio.com)

Tartarughe Ninja: la promotion messicana Alianza Universal de Lucha Libre crea una stable vestendo 4 luchador come le Tartarughe Ninja e chiamandola Los Tortuguillos Karatekas composta da Tortuguillo Karateka I, II, III, IV, mentre nella promotion International Wrestling Revolution Group creano un’altra stable, sempre di 4 elementi, chiamata Tortugas Ninja. Ecco i nomi: Donatello, Leonardo, Miguel Angel, Rafael e si affronteranno pure in un match 4 contro 4.
Anche questi erano gli anni ’90.

Los Tortuguillos Karatekas
(Fonte: http://www.luchawiki.com)

Continua a leggere “[Guest Post] Wrestler ispiratisi a personaggi di fiction. Parte 1, di Denis”

Annunci

TheLegend of Heroes: Trails of Cold Steel, per Playstation 3. Sistema di gioco, questioni “tecniche” e conclusioni

Bentornati per questa seconda tornata dedicata al videogioco Trails of Cold Steel, che, in maniera lapalissiana, viene dopo la prima, dedicata ad ambientazione, storia e personaggi: oggi si gracchia di grafica, sonoro e sistema di gioco. Questioni più tecniche – nei limiti concessi dalle mie modeste capacità – a cui seguiranno le mie considerazioni finali.

Continua a leggere “TheLegend of Heroes: Trails of Cold Steel, per Playstation 3. Sistema di gioco, questioni “tecniche” e conclusioni”

The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel, per Playstation 3. Ambientazione, storia e personaggi

“Arise, O youth, and become the foundation of the world”
“Sorgi, o gioventù, e diventa le fondamenta del mondo”
Motto della Thors Academy, in Trails of Cold Steel

Dopo anni trascorsi a mangiare più o meno le stesse cose, è possibile essere sorpresi da un piatto fatto con i soliti ingredienti?
Sì, se il piatto viene preparato nel modo giusto.
Trails of Cold Steel è una delle ultime serie prodotte da Nihon Falcom, che ho scoperto solo di recente di aver già incontrato lungo la mia strada, anni fa, grazie a un grazioso tattico chiamato Vantage Master.
In termini di originalità, Trails of Cold Steel non ha tanto: sotto vari punti di vista, riecheggia di elementi già visti in altri videogiochi e di certi cliché “usato garantito” tipici di tanti anime, eppure conquista grazie ad altri elementi che, tristemente, non sempre vengono curati a dovere, persino nei jrpg più blasonati.
Per scoprire di cosa parlo, continua a leggere. ;)

Trails of Cold Steel 101

Scansione

Tra le scuole presenti nell’impero ereboniano, la Thors Academy è una delle più apprezzate: è un’accademia militare che esiste da 150 anni, fondata dall’imperatore dopo una guerra civile, con lo scopo di fornire istruzione e prospettive di crescita personale tanto ai nobili quanto alla gente comune.
La più recente innovazione della Thors Academy è la fondazione della Classe VII, sottoposta a un programma di studio speciale e composta da studenti altamente selezionati, tanto tra i nobili quanto tra la plebe.
Il particolare curriculum di studi della Classe VII include brevi viaggi di istruzione mensili, in diversi luoghi dell’impero, così che gli studenti possano sperimentare in prima persona situazioni e stili di vita diversi da quelli a cui sono abituati, soprattutto ora che la nazione sta vivendo un cambiamento sociale epocale, dovuto a una rivoluzione tecnologica massiccia e a un conflitto filosofico tra due fazioni: le casate nobiliari, soddisfatte dello status quo che le vede al comando, e la fazione dei riformatori, desiderosa di parificare le opportunità di crescita e potere delle persone, al di là della loro nascita.

Continua a leggere “The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel, per Playstation 3. Ambientazione, storia e personaggi”