Vampire: The Masquerade – Bloodlines (il primo). Prima parte: cenni tecnici, storia e ambientazione

Nell’autunno del 2004, il mio amico Tatsumaki mi disse, a proposito di Bloodlines

Alle 4 del pomeriggio mi son detto: ma sì, facciamoci una mezzoretta a Bloodlines.
Mezzora dopo, erano già le otto di sera…

Tatsumaki Shinryu

Per molti anni, non ho avuto la possibilità di giocare a questo gioco, a causa di un computer che non faceva girare le giuste Direct X e altre amenità, e quando quel computer l’ho avuto, beh, ho completamente scordato di possedere questo gioco!
Almeno fino a questa estate…

Vampire: The Masquerade – Bloodlines 101

Fonte: MobyGames

Autunno del 2004, Los Angeles. Uno squallido motel, madre di tutti gli squallidi motel, diventa teatro della storia di una notte, che diventerà una storia di tante notti.
Infatti, uno dei due è un vampiro e l’umano sta per unirsi ai suoi ranghi, inconsapevole del destino incombente…
Per di più, questa trasformazione non era autorizzata e le leggi dei vampiri parlano chiaro: sire (chi vampirizza) e progenie sono alla mercé del Principe della città, in questo caso il Ventrue Sebastian Lacroix.
Grazie alle proteste del capo carismatico degli Anarchici della città, Nines Rodriguez, almeno il nuovo vampiro ottiene la possibilità di salvarsi, ma qui iniziano i suoi guai, dato che il pivello dovrà scavarsi la propria nicchia nella società degli immortali con le unghie e con i denti, oltre che con la forza di tutti i suoi nuovi poteri.
E non sarà facile, destreggiarsi tra i pericoli rappresentati dai membri di tutte le fazioni presenti in città…

Continua a leggere “Vampire: The Masquerade – Bloodlines (il primo). Prima parte: cenni tecnici, storia e ambientazione”

Vampire: The Masquerade – Redemption, il primo videogioco tratto dal famoso GDR da tavolo. Parte 2: sistema di gioco e conclusioni

La volta scorsa, abbiamo iniziato a gracchiare della storia e dell’ambientazione di Redemption: oggi mi dedicherò a spiegare come funzioni il gioco nel dettaglio, quindi butterò giù due conclusioni in merito.

La scheda

Studio di sviluppo: Nihilistic Software
Editore: Activision (2000)
Direttore del progetto: Ray Gresko
Musiche: Kevin Manthei, Chris Collins, Greg Forsberg, Rob Ross
Lingue: inglese, ma esistono patch di traduzione dei sottotitoli (link in fondo al post)

  • Requisiti minimi (evidenziati da Steam)
    Sistema operativo: Windows XP / Vista / 7 / 8
    Processore: 1.0 GHz
    Memoria: 256 MB di RAM
    Scheda video: DirectX 7 Compatible 3D Card
    DirectX: Versione 7.0
    Memoria: 800 MB di spazio disponibile
    Scheda audio: Direct X Compatible
  • Requisiti consigliati
    Processore: 1.4 GHz
    Memoria: 512 MB di RAM
    Scheda video: DirectX 9 Compatible 3D Card
    DirectX: Versione 9.0

Continua a leggere “Vampire: The Masquerade – Redemption, il primo videogioco tratto dal famoso GDR da tavolo. Parte 2: sistema di gioco e conclusioni”

Vampire: The Masquerade – Redemption, il primo videogioco tratto dal famoso GDR da tavolo. Parte 1: storia e ambientazione

Fonte: MobyGames

Se avete letto i miei precedenti post dedicati a Vampiri: La Masquerade, anche senza averci giocato, dovreste avere almeno un’infarinatura dell’ambientazione e del sistema di gioco.
Vampire: The Masquerade – Redemption è un gioco di ruolo “alla Diablo 2” pubblicato da Activision quasi vent’anni fa: non brillava per fedeltà alla fonte, almeno riguardo al sistema di gioco, ma aveva una buona storia che racchiudeva in sé gli elementi essenziali di Vampiri: La Masquerade.
Una breve citazione del protagonista, nel clanbook dedicato ai Brujah, rivela che almeno una parte del gioco – presumibilmente il suo “finale buono” – faccia parte del canone di Vampiri.

Vampire: The Masquerade – Redemption 101

Siamo a metà del 1100 d.C. Il crociato Christof Romuald, ferito gravemente durante un combattimento, trova ricovero a Praga, dove viene accudito da una devota suora di nome Anezka: tra i due, è amore a prima vista.

Christof e Anezka, impegnati in un’intensa sessione di chiacchiere

Per il bene di lei, Christof accetta di debellare la piaga di una vampira che ha preso dimora nelle vicine miniere d’argento: nonostante le sue ferite non siano ancora guarite, Christof riesce ad avere la meglio sul mostro e sui suoi servi, e a ritornare vivo a Praga, così da poter cullare il sogno del suo amore proibito.

Queste prodezze lo fanno brillare agli occhi dei cainiti praghesi, per i quali un mortale che sia in grado di eliminare un vampiro è certamente un buon acquisto: l’Anziana dei Brujah di Praga, Ecaterina la Saggia, riesce ad avere la meglio su di lui e a trasformarlo, portandolo tra i suoi ranghi.

Un cambio di look sul finire del Medioevo

Rassegnato all’idea di dover abbandonare l’amata Anezka, Christof, senza volerlo, finisce per spingerla a cercare un modo per annullare la maledizione del vampirismo.
Questo sarà solo l’inizio di una lunga saga che porterà Christof dal Medioevo ai giorni nostri, affrontando gli orrori, e scoprendo i misteri, che si celano nel Mondo di Tenebra.

Quizzone! Medioevo o epoca moderna?

Continua a leggere “Vampire: The Masquerade – Redemption, il primo videogioco tratto dal famoso GDR da tavolo. Parte 1: storia e ambientazione”