La notte del presepe vivente

“Tzè… Le persone…
Le persone sono la cosa peggiore capitata a questo paese”
Abaco, La notte del presepe vivente

Oggi è il 21 dicembre, il giorno del solstizio d’inverno. È anche noto come Yule, la festa pagana del solstizio, che il cristianesimo incorporò nella festa di Natale assieme ai suoi simboli.
Dato che ho uno strano senso dell’umorismo, ho deciso di festeggiare questo “Natale in anticipo” con una piccola recensione di un fumetto italiano, che non è molto adatto alla notte del 24 dicembre nonostante la storia

  • si svolga durante la vigilia di Natale
  • parli di un presepe molto speciale (cosa può essere più natalizio del presepe?)

dato che

  • è una parodia dei film di zombie
  • ha un protagonista ateo
  • c’è qualche scena un po’… NO, TORQUEMADA, NON BRUCIARMI! AAARGH!

E insomma, pronti a salire sul carrozzone?

La notte del presepe vivente 101

Abaco studia astronomia all’università di Bologna, ma è tornato al suo paese natio, Laglio (in provincia di Como) per trascorrere le vacanze natalizie con i suoi: anche un ateo sarcastico come Abaco deve sottostare alla logica delle feste comandate, specie se il premio è il brasato della vigilia!
Diffondendo spirito non natalizio ovunque e deridendo il provincialismo di Laglio, Abaco dovrà affrontare le terribili conseguenze di un evento cosmologico che riempirà il paese di mostri.
Riuscirà Abaco a salvare gli abitanti di Laglio che tanto disprezza?

Continua a leggere “La notte del presepe vivente”