Un esperimento di traduzione: Birds of Prey, dalla serie animata Batman: The Brave and the Bold

Oggi torno a maltrattare l’inglese e l’italiano, e lo faccio con un brano che mi diverte molto, cantato in un episodio della serie Batman: The Brave and the Bold.
Nel corso dell’episodio, Catwoman, Black Canary e Huntress fanno irruzione in un club pieno di criminali e “improvvisano” un numero musicale, per non far partire un quarantotto, sotto lo sguardo impassibile di un Batman “in borghese”.
La canzone è orecchiabile e divertente, ma anche piena di doppi sensi, che pare abbiano fatto scattare il “salvavergine” di un po’ di guardiani morali, negli USA.

Fonte, risorse e metodo

Il testo viene da una pagina Fandom dedicata alla serie animata. Per chi volesse vedere la clip col numero musicale, può trovarla cliccando qui.
Il testo aveva alcuni errori: ho basato le correzioni sul testo riportato in questo video. Perché ho usato il testo sbagliato anziché ricopiare quello del video? Perché il copia e incolla è più veloce. E perché aveva un errore anche quello del video!
In mancanza di un testo ufficiale, cerco di prendere ciò che passa il convento. :P
Per alcune parole, ho consultato diversi traduttori online (Reverso, Cambridge, Collins e l’immancabile Google traduttore – che come vocabolario ha la sua utilità, finché ci si limita a singole parole ed espressioni semplici).
Ho lasciato in inglese i nomi dei personaggi e dei gruppi (come Birds of Prey, che significa “uccelli rapaci” ed è il nome di un gruppo di supertizie, di cui le tre protagoniste del numero hanno fatto parte o con cui hanno avuto rapporti).

Le tre cantanti “improvvisate”
(Fonte: spezzone su Youtube)

Continua a leggere “Un esperimento di traduzione: Birds of Prey, dalla serie animata Batman: The Brave and the Bold”

Catwoman, n°1 (di Judd Winick e Guillem March)

“Non credo sappia chi sono. Ma è vero che è il miglior detective del mondo. Quindi, forse. Io di certo non so chi è Batman. Né mi serve saperlo.”
Catwoman, in Catwoman

Non sono molto ferrato nel campo dei reboot, ma ne riconosco uno, quando me lo trovo davanti. Di solito. :P
Oggi, nella non-rubrica dedicata alle uscite numero uno (per la gioia della promoter non ufficiale di questo spazio, cioè Amelia ^_^ ) si gracchierà un po’ del primo numero della serie Catwoman, scritto da Judd Winick e disegnato da Guillem March.

amelia-promoter
Lo so, ce l’hai già detto!

È una storia su Selina Kyle come Catwoman, sul suo approccio alla vita – e ai casini che combina – e sulla sua trombamicizia relazione occasionale con Batman. Come si può intuire dalla citazione in cima all’articolo, lei non sa ancora chi ci sia sotto la maschera del pipistrello…

Nota: so che in questi mesi c’è stato un nuovo inizio della continuity DC Comics (è un fenomeno stagionale che colpisce un po’ tutte le serie di supereroi) ma dato che questo albo è stato stampato nel 2012, ho il vago sospetto che non faccia parte del progetto…

Catwoman 101

La vita di Catwoman è assai movimentata e un inizio in media res ce lo mostra con forza: la ladra è costretta a lasciare in fretta e furia il suo appartamento, a causa dell’intrusione di robusti ceffi con la maschera da teschio.
La serata si conclude velocemente con un appartamento esploso…
Questa è l’occasione per conoscere Lola MacIntire, una ricettatrice che ha aiutato Catwoman a raffinare le sue capacità. Ma ci offre anche la possibilità di vedere come sia Selina Kyle quando si arrabbia… (SPOILER: violenta e molto diretta!)

Continua a leggere “Catwoman, n°1 (di Judd Winick e Guillem March)”

Le Sirene di Gotham City, n° 1

Catwoman:- Ti prego, non dirmi che hai investito spedendo il denaro a qualche principe nigeriano.
Harley Quinn:- Anche tu hai ricevuto la sua email?!”

Le sirene di Gotham City

Eccoci a una nuova non-rubrica della voliera: Numeri 1!
Come mai? Perché a volte inizio a seguire una nuova serie che finirà tra seimila anni, o mi imbatto in una serie già conclusa ma di cui non ho letto ogni numero. Mi piacerebbe parlarne prima che cambi nuovamente il governo!

amelia-promoter
Immagine originale da Bonsai

Inaugurerò questo nuovo spazio gracchiando del primo numero della serie dedicata alle Sirene di Gotham City, ovvero un team-up tutto al femminile formato da Catwoman, Poison Ivy e Harley Quinn.

Le Sirene di Gotham City 101

le_sirene_di_gotham_city_1
Fonte: qui

Bruce Wayne è ritenuto morto e Hush ne ha rubato aspetto e identità, controllando al tempo stesso le sue risorse: a indossare il mantello del pipistrello è ora Dick Grayson, accompagnato da Damian Wayne nei panni di un impaziente Robin nuovo di zecca.
Catwoman nutre un profondo rancore per Hush, che in passato le ha asportato il cuore: salvata da abili chirurghi e dalla magia di Zatanna, la ladra risente ancora degli strascichi dell’evento. Con l’aiuto di Poison Ivy e Harley Quinn, ha già ottenuto una corposa vendetta su Hush ai danni del suo conto in banca, ma la questione non è ancora chiusa.
Harley Quinn sembrerebbe avere chiuso la sua storia col Joker (#credici)… sulla punta di una pallottola!
Catwoman, Poison Ivy e Harley Quinn ora vivono insieme alla ricerca di una nuova esistenza, provando a rigare dritto ed evitare i guai… peccato che i guai le adorino e le seguano ovunque!

Continua a leggere “Le Sirene di Gotham City, n° 1”