[Guest post] Jet Li Rise to Honour, di Denis

Ed eccoci, dopo la mia pausa rigenerativa, a presentare l’ultimo pezzo proposto in leggerezza da Denis, che questa volta si dedica a un videogioco con un protagonista “interpretato” da Jet Li e ci offre anche qualche immagine a corredo.
Non è un fatto troppo strano, questo di avere un attore che ci mette la faccia: ricordo che uno dei protagonisti del terzo Onimusha fu interpretato da Jean Reno!
In tempi più recenti, complice il costante miglioramento grafico offerto dalle macchine, capita un po’ più spesso – vedi ad esempio Until Dawn, con una vera e propria parata di volti noti del cinema e della televisione.

Continua a leggere “[Guest post] Jet Li Rise to Honour, di Denis”

Odin Sphere: con o senza “Leifthrasir”, resta sempre bellissimo!

Dal 2008 dell’edizione per Playstation 2 al 2016 per questa edizione, Odin Sphere rimane un gioco dannatamente bello per tantissimi motivi.
Otto anni – in entrambe le edizioni, ho finito per giocarci un po’ più tardi, rispetto al resto del mondo – eppure è stata ogni volta un’esperienza davvero avvincente, tra reminiscenze di mitologia norrena o di liriche wagneriane, amori ostacolati da un destino avverso, intrighi di ogni genere e profezie che sembrano non lasciare scampo al mondo.

Odin Sphere 101

Scansione

Su Erion, mondo dal sapore fantasy alla europea, incombe la profezia dell’Armageddon.
Cinque persone – una giovane valchiria, un principe maledetto, la principessa delle fate, un cavaliere braccato dai morti e la principessa di un regno perduto – ricopriranno il ruolo di eroi, grazie alle loro psypher: armi magiche in grado di assorbire la forza vitale dei nemici sconfitti per diventare più forti.
Tra maghi ambiziosi ed egoisti, draghi, potenze immortali e mostri di ogni genere, i cinque eroi vedranno le loro drammatiche storie intrecciarsi in diversi momenti, creando un arazzo che condurrà le loro storie fino all’Armageddon e al nuovo ordine che ne conseguirà.

Continua a leggere “Odin Sphere: con o senza “Leifthrasir”, resta sempre bellissimo!”

The Lego Movie

“- Niente potrà fermarmi!
– Aspetta, c’è una profezia…
– Oh, ora c’è una profezia!”
Lord Business e Vitruvius, in The Lego Movie

I mattoncini Lego sono l’ottava meraviglia del mondo e perciò vincono sempre, specialmente quando vengono trasformati in un film da persone che non solo hanno un istinto impeccabile per i tempi comici, ma anche un notevole rispetto per il materiale di partenza…
Perché in questa piccola meraviglia di film, una delle cose più belle è che tutti si comportano coerentemente col fatto che sono omini Lego in un mondo fatto di mattoncini! ^_^

The Lego Movie 101

the-lego-movie-locandina
Scansione ricavata con uno scanner fatto di mattoncini!

Lord Business, un temibile Overlord da manuale, si è impadronito del Kragle, un manufatto dal potere spaventoso. Il Kragle è custodito da Vitruvius, uno dei più grandi Mastri Costruttori ancora in libertà.
Con il Kragle, Lord Business potrà fare cose terribili al mondo: il giorno del giudizio, anche noto come martedì dei tacos, si avvicina…
Per l’universo esiste una sola speranza: una profezia parla di un manufatto chiamato pezzo forte, l’unica cosa capace di ostacolare il potere del Kragle.
Quando il Mastro Costruttore prescelto metterà le mani sul pezzo forte, il mondo vedrà la propria salvezza: perché solo la persona migliore, la più intelligente, la più interessante, solo lei potrà impadronirsi del pezzo forte e liberarne il potere!
O forse no…

Continua a leggere “The Lego Movie”