Psichedelia, portami via: Asura’s Wrath, per Playstation 3

Ormai è da molti anni, che penso che certi elementi della religione indiana siano perfetti per la fantascienza psichedelica – meglio ancora, per la science fantasy: Asura’s Wrath è una di queste opere, un videogioco d’azione con un’ambientazione “fantascientifica” e un livello di grandiosità dei conflitti che segna un 8 pieno su 10, nella scala di valutazione Gurren Lagann!

Ma purtroppo, ha anche con alcuni difetti, frutto di scelte che trovo discutibili…

Asura’s Wrath 101

Scansione

Il pianeta Gaea è abitato dagli esseri umani, ma anche da una nazione di semidei avanzatissima, chiamata Shinkoku. E per finire, è piagata da una razza di mostri bestiali chiamata gohma, il cui più pericoloso rappresentante è Vlitra: un essere invincibile, che può essere sottomesso per lunghi periodi di tempo, nel migliore dei casi.
Shinkoku fa affidamento su otto potenti generali, per sconfiggere i gohma, e tra questi c’è il furioso Asura, padre di Mithra – l’attuale sacerdotessa che ispira e conduce alla vittoria le truppe, grazie al potere del mantra.
È proprio la dimostrazione del potere di Mithra che spinge Deus, il comandante degli otto generali, ad attuare il suo ambizioso piano: uccidere Strada, imperatore di Shinkoku, e sfruttare i poteri della sacerdotessa per eliminare Vlitra, una volta per tutte.
Ma prima, è necessario liberarsi di Asura, così da poter controllare liberamente la ragazza e il suo potere: a seguito della macchinazione, Asura finisce in Naraka (l’Inferno) e deve farsi strada fino a Gaea con tutta la forza della sua furia, per sconfiggere i suoi ex colleghi e salvare la figlia dalle grinfie di Deus.

Continua a leggere “Psichedelia, portami via: Asura’s Wrath, per Playstation 3”

Final Fantasy XIII, per Playstation 3. Seconda parte: combattimento, sviluppo del personaggio e considerazioni finali

Dopo la prima parte di questa non-recensione, dedicata soprattutto alla storia e ai personaggi di Final Fantasy XIII, vediamo come funzioni il gioco in termini più “meccanici”.

Esplorazione

Un elemento assai criticato di questo gioco è l’approccio all’esplorazione: si va avanti sui “binari”, con rare biforcazioni che danno su vicoli ciechi, la cui sola funzione è, di solito, far trovare uno scrigno con un tesoro.
Nelle fasi avanzate della storia, sarà possibile visitare un luogo che offrirà una libertà di esplorazione un po’ maggiore, e il “dungeon finale” offrirà una vaga illusione di non-linearità.
Anche la formazione del gruppo in battaglia, per buona parte della storia, è decisa dal gioco, che obbligherà il giocatore a usare da uno a tre personaggi specifici.

Continua a leggere “Final Fantasy XIII, per Playstation 3. Seconda parte: combattimento, sviluppo del personaggio e considerazioni finali”

My Hero Academia, di Kohei Horikoshi

I più grandi heroes sono entrati nelle cronache sin da quando erano studenti…
… e la maggior parte di loro conclude così il racconto…
“Entravo in azione prima di pensare!”
Allmight, in My Hero Academia

Lo scorso anno l’ho trascorso a parlare di un sacco di fumetti di supereroi, grazie alla DC Comics, ma oggi si cambia registro… non è vero, torniamo a parlare di supereroi: questa non-recensione ce l’ho in canna da quando era solo un post sui “Numeri 1”! ^_^°
Oggi tocca a un fumetto sui supereroi in salsa giapponese: è il turno di My Hero Academia!
Ecco la mia opinione, dopo dodici volumi italiani. ;)

My Hero Academia 101

Fonte: scansione

In un mondo invaso da heroes e villains, ciascuno con un potere straordinario chiamato quirk, sono sempre più rare le persone che non nascono con questo dono: tra loro c’è Izuku Midoriya, un ragazzo timido che vuole diventare uno hero come il suo idolo, Allmight, capace di salvare tutti mantenendo sempre il sorriso.
Per questo motivo, Izuku è il bersaglio prediletto dello scherno di un suo compagno di classe, Katsuki Bakugo, nato con tutte le fortune e aspirante al titolo di eroe numero uno del Giappone.
Esistono tante scuole con programmi di addestramento volti a sfornare professionisti competenti, ma una di queste è al top: è il liceo Yuei, la stessa scuola frequentata da Allmight in passato. Per Izuku, seguire questa strada potrebbe rivelarsi impossibile, ma un evento – fuori dal comune persino in un mondo pieno di quirk – gli offrirà una possibilità…

Continua a leggere “My Hero Academia, di Kohei Horikoshi”