Un esperimento di traduzione: Birds of Prey, dalla serie animata Batman: The Brave and the Bold

Oggi torno a maltrattare l’inglese e l’italiano, e lo faccio con un brano che mi diverte molto, cantato in un episodio della serie Batman: The Brave and the Bold.
Nel corso dell’episodio, Catwoman, Black Canary e Huntress fanno irruzione in un club pieno di criminali e “improvvisano” un numero musicale, per non far partire un quarantotto, sotto lo sguardo impassibile di un Batman “in borghese”.
La canzone è orecchiabile e divertente, ma anche piena di doppi sensi, che pare abbiano fatto scattare il “salvavergine” di un po’ di guardiani morali, negli USA.

Fonte, risorse e metodo

Il testo viene da una pagina Fandom dedicata alla serie animata. Per chi volesse vedere la clip col numero musicale, può trovarla cliccando qui.
Il testo aveva alcuni errori: ho basato le correzioni sul testo riportato in questo video. Perché ho usato il testo sbagliato anziché ricopiare quello del video? Perché il copia e incolla è più veloce. E perché aveva un errore anche quello del video!
In mancanza di un testo ufficiale, cerco di prendere ciò che passa il convento. :P
Per alcune parole, ho consultato diversi traduttori online (Reverso, Cambridge, Collins e l’immancabile Google traduttore – che come vocabolario ha la sua utilità, finché ci si limita a singole parole ed espressioni semplici).
Ho lasciato in inglese i nomi dei personaggi e dei gruppi (come Birds of Prey, che significa “uccelli rapaci” ed è il nome di un gruppo di supertizie, di cui le tre protagoniste del numero hanno fatto parte o con cui hanno avuto rapporti).

Le tre cantanti “improvvisate”
(Fonte: spezzone su Youtube)

Continua a leggere “Un esperimento di traduzione: Birds of Prey, dalla serie animata Batman: The Brave and the Bold”

Mary Poppins, il classico Disney

“Vento dell’est, la nebbia è là,
qualcosa di strano tra poco accadrà.
Troppo difficile capire cos’è,
ma penso che un’ospite arrivi per me.”
Bert, in Mary Poppins

Una cosa bella delle feste, è che la TV si concede di trasmettere qualche classico senza tempo.
Grazie a questo bizzarro fenomeno stagionale, ho potuto dedicarmi al ripasso di un film che adoro sin da quando lo vidi da pulcino: chi è capace di leggere i titoli dei post ha già capito che oggi gracchierò di Mary Poppins, un classico Disney ispirato a uno dei libri di P. L. Travers, al secolo Helen Lyndon Goff (o così mi suggerisce Wikipedia).
Sperando di poter leggere il prima possibile i libri dedicati alle avventure di questo personaggio, prendiamoci tutti per mano e saltiamo dentro il disegno di Bert il film!

Mary Poppins 101

mary-poppins-locandina
Fonte: Movieplayer

A Londra, la benestante famiglia Banks sta attraversando una piccola crisi: papà Banks è oberato di lavoro e mamma Banks è troppo impegnata con la sua crociata da suffragetta. Come risultato, i loro figli (Jane e Michael) sono venuti su un po’ troppo pestiferi, provocando la fuga a ripetizione di diverse bambinaie.
Ma il vento dell’est sta per soffiare: porterà in casa Banks la tata giusta, l’eccentrica – e al tempo stesso ricca di contegno vittoriano – Mary Poppins, che tra una canzone e un prodigio rimetterà a posto ciò che non va nella famiglia Banks.
Con l’aiuto di un allegro tuttofare di nome Bert.

Continua a leggere “Mary Poppins, il classico Disney”