Darkness Within 2: La stirpe oscura

Non è morto ciò che può attendere in eterno,
e con il volgere di strani eoni, anche la morte può morire.
Abdul Alhazred Howard Phillips Lovecraft, Darkness Within 2: La stirpe oscura”

Seconda e ultima puntata con la breve serie di videogiochi di Darkness Within: nel primo capitolo, abbiamo conosciuto un videogioco di impostazione tradizionale, un’avventura grafica del tipo “punta e clicca” a schermate statiche.
Molta atmosfera, poca innovazione, storia discreta di stampo lovecraftiano con un unico protagonista, il detective della polizia Howard Loreid e i suoi segreti.
Questo secondo capitolo come sarà? Migliore o peggiore del predecessore? La storia verrà chiusa, o ci toccherà assistere a un pigrissimo finale aperto?
Scopriamolo!

Darkness Within 2: La stirpe oscura 101

Darkness_Within_2_The_Dark_Lineage
Copertina
(Fonte: Wikipedia)

Il nostro protagonista, Howard Loreid, è incaricato di ritrovare un investigatore privato scomparso e sospettato di omicidio, Loath Nolder. Nel corso della ricerca, Howard scopre di essere coinvolto nelle ultime indagini del fuggitivo Loath Nolder per via della sua famiglia, che nasconde un segreto che Howard non è ancora riuscito a svelare.
In questo capitolo, il segreto di famiglia verrà progressivamente scoperto, facendo affondare sempre più Howard Loreid nella storia passata della regione: stregoneria, cospirazioni, morti e orrori dal passato attendono Howard, che ce la metterà tutta per evitare di perdere il controllo di se stesso e scoprire una volta per tutte cosa diavolo centri lui con Loath Nolder e, soprattutto, cosa lo leghi al paesino di Arkhamend e ai suoi dintorni…

Continua a leggere “Darkness Within 2: La stirpe oscura”

Darkness Within: Sulle tracce di Loath Nolder

“Gli uomini di più alto intelletto
sanno che non c’è alcuna distinzione
tra reale e irreale”
Howard Phillips Lovecraft, Darkness Within: Sulle tracce di Loath Nolder

darkness within copertina
La copertina del gioco
(Fonte: Wikipedia)

Non credo che serva un pistolotto introduttivo sulla miriade di videogiochi ispirati alle opere di Lovecraft – né come tra questi, i più legati alla sua mitologia siano spesso appartenenti al genere delle avventure grafiche.
L’opera prima della software house turca Zoetrope Interactive, intitolata Darkness Within: Sulle tracce di Loath Nolder è esattamente questo: un’avventura grafica punta e clicca di tipo piuttosto tradizionale, con spostamento a schermate, enigmi, esplorazione, pixelhunting, tanta roba da leggere e una forte atmosfera lovecraftiana!

Darkness Within: Sulle tracce di Loath Nolder 101

In questa avventura, il giocatore vestirà i panni di Howard E. Loreid, detective della polizia nella città fittizia di Wellsmoth: il nostro alter ego è incaricato, nel 2011, di indagare sulla scomparsa dell’investigatore privato, e sospettato di omicidio, Loath Nolder.
Nel corso della storia, il nostro Loreid si imbatterà in fatti inquietanti e in un gran numero di documenti da leggere ed esaminare, iniziando a svelare un mistero ben più grande della scomparsa di Loath Nolder e scoprendo di essere implicato personalmente nel caso per via della sua famiglia.
Il gioco può essere giocato come “a sé stante” se si accetta la prospettiva di un finale un po’ aperto, diversamente bisogna mettere in conto di giocare anche a Darkness Within 2: La stirpe oscura.

Continua a leggere “Darkness Within: Sulle tracce di Loath Nolder”