Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Seconda parte: lato tecnico, sistema di gioco e conclusioni

Ed eccoci alla conclusione della mia gracchiata su Tokyo Xanadu eX+: oggi si parla del funzionamento del gioco!

Grafica

Dal punto di vista visivo, il gioco paga il fatto di essere una riedizione dalla PS Vita: come aspetto non si discosta molto dal livello grafico di Trails of Cold Steel su PS3. L’effetto del cel-shading è gradevole, ma non è un risultato di altissimo profilo.

Esempio di grafica di gioco fuori dalla battaglia.
Ryouta fa commenti su quanto sia fortunato il protagonista ad avere una cugina carina (che è anche l’insegnante).
Le uscite del ragazzo su come il protagonista sia sempre circondato da ragazze stupende si sprecheranno per tutto il gioco. Una volta, gli chiederà se nasconda da qualche parte anche una giovane zia sexy

Musiche e doppiaggio

Le musiche fanno il loro lavoro e sono adatte al genere; alcuni brani contribuiscono a ricordarmi la serie Persona e non stonerebbero nemmeno in quei videogiochi.
Il doppiaggio è presente soltanto in giapponese, ma ogni battuta è sottotitolata in inglese.

Continua a leggere “Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Seconda parte: lato tecnico, sistema di gioco e conclusioni”

Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Prima parte: genere, ambientazione e personaggi

Nihon Falcom è una realtà che si è scavata un posticino comodo tra i miei interessi videoludici, grazie alla saga Trails of Cold Steel (tra l’altro, dovrei mettere i soldi da parte per il quarto capitolo, così da vedere come si chiuderà la storia).
Con Tokyo Xanadu, nato per PS Vita e adattato in questa versione eX+ per Playstation 4, il teatro della vicenda è il Giappone moderno… con qualche elemento un po’ diverso dal solito!
Per esempio, anche se come giocatori li vedremo solo da lontano (la storia si focalizza su elementi urban fantasy) i robottoni sono parte dell’assetto militare di ogni paese moderno!

Un doveroso annuncio!
(Traduzione: Questo gioco è un’opera di finzione.
Eccettuati casi specifici, tutti i luoghi, persone, situazioni,
etc. non sono reali e sono prodotti dell’immaginazione dell’autore.
Perché davvero, studenti delle superiori che impugnano armi psichiche?)

Tokyo Xanadu eX+ 101

Fonte: Moby Games

2015, dieci anni dopo un terremoto che ha squassato Tokyo e le sue vicinanze.
Nella periferia della capitale, nel distretto fittizio di Morimiya, alcune persone spariscono nel nulla e si verificano altri fatti inspiegabili.
Kou Tokisaka viene coinvolto per caso nell’ordalia della compagna di classe, Asuka Hiiragi, un’esperta cacciatrice di mostri appartenente a un’organizzazione segreta, Nemesis.
Nonostante le remore della ragazza a coinvolgere un profano, Kou – dotato anche lui del talento psichico necessario per affrontare i mostri – decide di fare la sua parte nell’affrontare la minaccia posta da alcuni mondi misteriosi, le Eclipse (eclissi) luoghi di origine e dimora dei mostruosi Greed (in inglese, avidità).
I due ragazzi non saranno i soli ad affrontare la minaccia: altri coetanei verranno coinvolti dal “filtrare” delle Eclipse all’interno del mondo normale e tutti insieme dovranno crescere e cambiare per capire quali forze, umane e ultraterrene, operino nella città di Morimiya.

Continua a leggere “Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Prima parte: genere, ambientazione e personaggi”