[Tag] La mia estate ideale

Ah, adoro il profumo delle tag al mattino!
Sono stato nominato per questa tag dal malefico Ema, ma il paziente zero del contagio è il solito noto Moz, che con la scusa delle tag continua a profilarci per vendere i nostri dati alle malvagie multinazionali e al gruppo Bilderberg (spoiler: non è vero :P spero °o° ).
Il tema di oggi è l’estate. L’estate ideale, un meraviglioso mostro di Frankenstein stagionale fatto di ciò che vorremmo avere, e vivere, nella cosiddetta bella stagione.
Come di consueto con queste tag stagionali di Moz, è articolata in diverse categorie.

Scattata con le mie zampe l’anno scorso, durante la notte della luna rossa, in una spiaggia distante da Cagliari.
Lo so, sono un fotografo scarso, ma questo è quello che passa il furbofono!

Partiamo, con la benedizione di San Tag Tonio. :D

Continua a leggere “[Tag] La mia estate ideale”

Hanno aperto le gabbie!

Eccomi qui, con il primo post della Cupa voliera del Conte Gracula:P

Sono nuovo nell’ambiente dei blog – fino a ora, mi sono limitato a importunare il mio prossimo commentare in quelli degli altri – spero di non fare danni.

Questo blog nasce con l’idea di parlare di storie e dei diversi mezzi narrativi con cui possono essere espresse, il tutto entro i limiti delle mie capacità e conoscenze – libri, fumetti, videogiochi, giochi di ruolo, film, animazione, ologrammi sparati dritti dentro il cranio
Come è possibile intuire, parlerò (in modo non troppo serioso) di alcune cose che spesso hanno il dubbio privilegio di diventare, a seconda delle stagioni, il capro espiatorio e la causa di qualche problema della società. E per di più, in modo totalmente immeritato XD
Per essere uno che non ha mai nemmeno provato a fumare, sono davvero un cattivo soggetto!

Qua e là, quando riterrò di disporre di informazioni non scontate, proverò a spiegarle – specialmente quando si tratterà di parole in inglese o acronimi incomprensibili (molto comuni nei videogame e nei giochi di ruolo): quando ero più… niubbo, avere certi brandelli di informazione mi avrebbe fatto comodo, e visto che non so se mi leggerà qualcuno più esperto di me (o anche solo qualcuno) ho deciso di portarmi avanti col lavoro.

Sperando che il tempo trascorso nella mia voliera sia di vostro gradimento, gentili lettori ipotetici, vi do appuntamento al primo articolo di questo blog.
E/o nei commenti, se preferite.
Scegliete pure un trespolo e accomodatevi :D

PS: se trovate un grassetto, piazzateci sopra il cursore, se vi va (ma senza cliccare, o vi sparerà all’inizio della pagina facendovi perdere il segno). Potrebbe comparire una nota – a volte utile, a volte no.