Veloci aggiornamenti dall’ozio

Buondì a tutti e quatto, cari gattini!
😸😽😼🙀
Scrivere con l’app è pratico quanto vuotare il mare con un secchio bucato, ma è da un po’ che non butto giù quattro righe sul blog e mi son detto “battiamo un colpo, perché non mi diano per morto!” e dunque, eccomi qui.

Andamento dell’otium

Che dire, procede bene, ma non benissimo.
Cerco di ricaricare le pile e un po’ ci riesco, ma la vita è quella cosa che si mette in mezzo ai piani meglio orchestrati, perciò…
In compenso, le idee galoppano e magari, con altre tre vite e più vivacità, potrei tirar fuori un po’ di progetti interessanti. 😅
Quel che non va bene è la scrittura per il blog: ho buttato giù qualche bozza e a giorni, un post vero spezzerà il silozio (silenzio + ozio; mpi raccomando, bambini, non scrivetelo nei compiti per le vacanze!) ma un mesetto e qualcosa trascorso senza scrivere “seriamente” mi ha un po’ messo fuori forma.
Dovrò lavorarci su.

Il mio GDR

Sta procedendo a rilento: sono un po’ incartato col sistema magico. Sistema vitale per il mio Storiaverso, dato che andrà a influenzare molti aspetti del regolamento e io, senza un pizzico di magia, nemmeno mi alzo dal letto, figuriamoci se spreco le forze a creare mondi!
Le idee sembrano chiare nella testa, ma dare loro una forma su carta schermo è più dura.
Vabbè, ho giostrato contro mulini a vento meno divertenti, qualcosa di buono uscirà fuori.

Conte Gracula: Cantami o Musa, del modo di dominare il nuovo editor tramite l’app…
Luderella: Babbeo, sono solo la Musa dei GDR. Chiedimi qualcosa di più facile, come darti la vita eterna!

E per adesso è tutto. Spero che il caldo esagerato si moderi prima di settembre, mi aiuterebbe a rigenerarmi, ma si va avanti comunque.
Spero che vi stiate divertendo in questa bizzarra estate. Riguardatevi, che quando tornerò con un regime migliore, voglio trovarvi tutti pimpanti e in buona salute!


(Il prossimo aggiornamento lo voglio scrivere sul PC, ottenere un’impaginazione rudimentale come questa è stata cosa lunga e noiosa!:P)

Priorità

No, non è un discorso serio sulla situazione contingente, chiudi e apri, apri e chiudi – l’Italia o la bocca?
Le menate che sto per scrivere nascono dal fatto che le idee più interessanti – almeno dal mio punto di vista – mi vengono in mente mentre sto per addormentarmi, costringendomi a rialzarmi dal letto per prendere appunti, quindi tornare a letto, per poi avere un’altra idea e rialzarmi → ripetere il ciclo per un numero indefinito di volte, in barba all’ora.
Anche in periodi più sereni di questo, ciò mi ha sempre predisposto verso l’insonnia.
E cosa mi sarà mai venuto in mente? Una soluzione ai problemi del mondo?
Col cavolo!

Continua a leggere “Priorità”

Final Fantasy XV – Deluxe Edition, per Playstation 4. Seconda parte: dettagli tecnici, sistema di gioco e conclusioni

Ed eccoci alla fine della mia quest principale, ovvero la non-recensione del primo gioco completato su PS4!
Trofeo ottenuto: giocare in casa mia a un gioco dell’attuale generazione di console.
Sono soddisfazioni. ;)

Genere

Final Fantasy XV è un action RPG (GDR d’azione, per gli amici) in cui si controlla un solo personaggio, il principe Noctis (con certi potenziamenti, si può usare uno dei suoi compagni) accompagnato da altri tre personaggi, più rari ospiti gestiti dal gioco sia nell’esplorazione, sia durante i combattimenti in tempo reale.
Il gioco presenta alcune suggestioni dal genere open world, che però non sono state completamente sviluppate: da un lato, i personaggi possono girovagare in relativa libertà per la regione, ma dall’altro, ci si può imbattere in blocchi che vengono rimossi solo avanzando nella storia. Oltre a ciò, i personaggi hanno anche dei limiti nelle loro possibilità di scalata delle montagne e non possono spingersi molto avanti negli specchi d’acqua, per via dei classici “muri” invisibili.

In compenso, possono fare pose alla Jojo durante i servizi fotografici, coi mostroni alle spalle!

Continua a leggere “Final Fantasy XV – Deluxe Edition, per Playstation 4. Seconda parte: dettagli tecnici, sistema di gioco e conclusioni”