Chronicle of Innsmouth, avventura grafica per PC

Mi piace l’odore dei pixel al mattino. Certo, spesso devo accontentarmi di goderne la sera, ma non mi formalizzo, l’importante è divertirsi!
Dopo tanto tempo, torno a parlare di

  1. videogiochi per PC
  2. derivati lovecraftiani

e lo faccio con un unico post, dedicato a un’avventura grafica italiana, intitolata Chronicle of Innsmouth.
Chiunque abbia letto un racconto di Lovecraft, L’ombra su Innsmouth, non avrà problemi a intuire la direzione della storia, dato il titolo del gioco e il pistolone di Cechov che viene estratto all’inizio dell’avventura, ma questo non impedirà di divertirsi con questo titolo, che potremmo considerare come la media matematica tra il New England da incubo del “solitario di Providence” e le avventure grafiche buffe di un tempo.

Chronicle of Innsmouth 101

Scansione della copertina. Mi è venuta sfocata sul fondo…

Siamo nel pieno del periodo del proibizionismo. Un giovane studente, appena raggiunta la maggiore età, decide di festeggiare con un viaggio nella regione in cui sua madre ha vissuto la propria infanzia. Il viaggio si rivela però più costoso del previsto, dato che il ragazzo si ritrova quasi senza soldi, prima di poter arrivare ad Arkham.
L’unica soluzione è quella di prendere un catorcio-bus che fa servizio giornaliero di navetta, ma con scalo obbligatorio a Innsmouth, cittadina costiera dalla pessima reputazione e i cui abitanti soffrono di una misteriosa sindrome genetica: il posto è un tale schifo che non è nemmeno segnato sulle mappe!
Arrivare a Innsmouth sarà già una bizzarra avventura, ma il difficile sarà uscirne tutti d’un pezzo…

Continua a leggere “Chronicle of Innsmouth, avventura grafica per PC”

[Tag] Il mio primo computer: Atari Xe Video Game System

“01011011 01010100 01000001 01000111 01011101 00100000 01001001 01101100 00100000 01101101 01101001 01101111 00100000 01110000 01110010 01101001 01101101 01101111 00100000 01100011 01101111 01101101 01110000 01110101 01110100 01100101 01110010 00111010 00100000 01000001 01110100 01100001 01110010 01101001 00100000 01011000 01100101 00100000 01010110 01101001 01100100 01100101 01101111 00100000 01000111 01100001 01101101 01100101 00100000 01010011 01111001 01110011 01110100 01100101 01101101”
Il titolo del post, secondo il Convertitore da Binario ad ASCII e viceversa

Sono passati tanti mesi, dall’unzione collettiva della Geek League da parte di redbavon per questa tag; vorrei dire che la colpa è stata di qualche casino inenarrabile, ma quelli ci sono sempre e molte cose riesco a farle comunque… la verità è che, per stare in tema, io ho solo 8 kb di memoria, così la chiamata di san Tag Tonio ha finito per essere scordata! :P
Ma ormai ci siamo,

In hoc QWERTY vinces!

San Tag Antonio a redbavon

perciò, come il mio compagno di nobiltà virtuale ha richiesto, soddisferò la sua curiosità sui miei primi pasticci informatici.

Chi è nato prima, l’Atari XEGS o la macchina differenziale di Babbage?
(Fonte: ArtStation)

Continua a leggere “[Tag] Il mio primo computer: Atari Xe Video Game System”

The Last Door – Collector’s Edition. Season Two

” For a moment, the sky was dark.
We heard the calls of a thousands birds.
But another sound rose above them.
A sound I cannot describe.”

“Per un momento, il cielo divenne scuro.
Sentimmo il richiamo di migliaia di uccelli.
Ma un altro suono li sovrastò.
Un suono che non posso descrivere.”
John Wakefield, in The Last Door Season Two

E con questo post, concludiamo il viaggio retrò di The Last Door: altri quattro episodi – e un mini-episodio – per completare la storia iniziata con Jeremiah Devitt.
Le ultime tappe avranno un protagonista diverso, lo psichiatra John Wakefield: il medico curante di Devitt è intenzionato a capire che fine abbia fatto il suo paziente e verrà accompagnato dalla guida esperta, ma all’atto pratico non determinante, dell’occultista e psichiatra Johan Kaufmann.
Siete pronti a scoprire i segreti al di là del Velo?

The Last Door Season Two 101

Screenshot del menu

La prima stagione si è chiusa con Wakefield e Kaufmann impegnati nella ricerca di Devitt: i due studiosi hanno degli indizi da seguire per scoprire che fine abbia fatto il giovane.
Partendo da un manicomio e passando per la dimora di un luminare dell’occulto, Wakefield giungerà fino a un villaggio su un’isola remota: lì, si praticano antiche tradizioni che potrebbero avere un legame con il Velo, la nebbia metaforica che cela le verità dell’universo agli abitanti del mondo materiale.

Traduzione: Sono i pannelli del primo re di Èìlis Mòr. Nei giorni dei druidi, adoravamo il grande dio Lugh, e i nostri re si comportavano in accordo con quelle convinzioni.
(Nota: questa mia traduzione non mi convince molto, prendetela con le molle!)

È possibile salvare Jeremiah Devitt? E quanti misteri ancora dovrà svelare il giocatore?

Continua a leggere “The Last Door – Collector’s Edition. Season Two”