Lo scheletro impossibile, di James P. Hogan

Scansione della malconcia copertina della mia copia, acquistata in un’edicola che deve aver fatto la guerra.

Come sarà il mondo nel 2027? L’immagine che ho nella testa non coincide con quella del fu signor Hogan, che negli anni ’70 ha dato vita al primo libro del “ciclo dei giganti”…
D’altro canto, la mia testa è sempre piena di pensieri erratici, perciò le mie previsioni potrebbero essere poco affidabili: per esempio, non ho previsto di prendere nota di una qualsiasi citazione, interessante o divertente, con cui aprire il post. :P
Mancano poco meno di dieci anni, al periodo storico in cui si svolgono le vicende del libro, e spesso il confronto tra le “profezie” degli scrittori e la realtà è impietoso: la realtà ne esce fuori quasi sempre piuttosto pallida o sgradevole. Fortunatamente, il centro del libro non è tanto la società del futuro, quanto le origini della specie umana, che verranno riviste in seguito a una clamorosa scoperta sulla Luna.
E tutto senza nemmeno scomodare Mauro Biglino, l’uomo che ha l’involontario potere di trasformare gli atei in ufologi! ;)

Lo scheletro impossibile 101

Victor Hunt, scienziato dall’intelligenza vivace e co-inventore di numerosi strumenti da laboratorio, viene convocato all’UNSA (l’esercito extraterrestre) per eseguire l’analisi di alcuni reperti grazie al suo trimagniscopio: si tratta di esaminare il contenuto di alcuni libri – troppo fragili per essere aperti – di una tuta da astronauta e, soprattutto, di uno scheletro umano.
Tutti questi reperti, ritrovati sulla Luna, risalgono a più di cinquantamila anni fa!

Continua a leggere “Lo scheletro impossibile, di James P. Hogan”