Final Fantasy XIII-2, per Playstation 3

Due gracchiate su Final Fantasy XIII me le sono già fatte, perciò è venuto il tempo di passare al suo seguito, Final Fantasy XIII-2.

Final Fantasy XIII-2 101

Scansione

Sono passati tre anni, dalla conclusione della precedente avventura di Lightning e soci, eppure proprio Lightning, il personaggio simbolo di questo capitolo di Final Fantasy, è la grande assente: dopo aver conquistato la vittoria contro i Fal’Cie (le “divinità” che abitano i due mondi di Cocoon e Pulse) Serah si è miracolosamente liberata dal suo sonno di cristallo, e ha ricevuto la benedizione della sorella Lightning per il matrimonio con Snow,
Eppure, nessuno ricorda che l’audace Lightning si sia salvata dal suo destino di L’Cie (i campioni dei Fal’Cie) eccetto Serah, che la notte fa strani sogni su sua sorella: la donna è l’unica persona viva in una città ciclopica e sconosciuta, ed è impegnata in una battaglia epica contro un uomo dotato di poteri formidabili.
Le nebbie inizieranno a venir dissipate dall’arrivo in città di Noel Kreiss: il ragazzo sostiene di esser nato 700 anni dopo e di essere giunto dal Valhalla, un luogo al di fuori del tempo in cui Lightning sta combattendo, ha combattuto o combatterà una battaglia per la salvezza del futuro. Qualcuno sta pasticciando con la coerenza della storia e va fermato!
Ad aiutare i due c’è il moguri Mog, inviato da Lightning a Serah come “portafortuna”.

Continua a leggere “Final Fantasy XIII-2, per Playstation 3”

Annunci

Missione su Minerva, di James P. Hogan: qui finisce il ciclo dei Giganti, per cause di forza maggiore

“Credo di aver superato anche io la capacità di sorprendermi. L’ultima volta che ti ho spedito da qualche parte, sei tornato portandoti dietro un universo al completo. Stavolta lo farai con l’intero Multiverso. Ma è il limite massimo. Per forza. Non c’è niente di più grande. O no?”
Gregg Caldwell, in Missione su Minerva

Si conclude il ciclo dei Giganti di Hogan – finalmente, ma non perché ne avessi abbastanza, solo perché ero curioso di vedere i botti! Tanto più che, secondo me, se l’autore fosse ancora vivo, ci regalerebbe un altro giro di giostra: qualcosa nel finale – perfettamente concluso, sia chiaro – mi fa pensare che avrebbero potuto esserci ulteriori sviluppi…

Missione su Minerva 101

Scansione della copertina

Sarebbe stata una giornata tranquilla per Victor Hunt, il fisico che ha contribuito a rivoluzionare le prospettive storiche e scientifiche dell’umanità con la scoperta delle sue origini, il primo contatto con una specie aliena, l’alleanza con la suddetta specie e la rivelazione di un bizzarro universo, “fantasy, ma col trucco”.
Solo che Victor riceve una telefonata impossibile: una chiamata da un se stesso futuro, che gli dà… si dà… (ci siamo capiti) anche delle convenienti dritte sull’investimento in borsa di un’azienda promettente e ancora non quotata – la forma più estrema di insider trading, senza dubbio: dal futuro al passato!
Al di là delle questioni prettamente finanziarie e penali, quest’unico evento permette agli scienziati terrestri e thurieni (i Giganti) di iniziare a imbastire una “fisica del Multiverso”, che potrebbe permettere di viaggiare in altre realtà.
Tra un bizzarro incidente e un inconveniente, questa nuova branca scientifica apre un orizzonte a cui i thurieni tengono moltissimo: viaggiare indietro nel tempo fino alla loro antica patria, lo scomparso pianeta Minerva, per dare vita a una linea temporale in cui la guerra tra le due superpotenze minerviane non avrebbe posto fine al mondo…

Continua a leggere “Missione su Minerva, di James P. Hogan: qui finisce il ciclo dei Giganti, per cause di forza maggiore”