Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Seconda parte: lato tecnico, sistema di gioco e conclusioni

Ed eccoci alla conclusione della mia gracchiata su Tokyo Xanadu eX+: oggi si parla del funzionamento del gioco!

Grafica

Dal punto di vista visivo, il gioco paga il fatto di essere una riedizione dalla PS Vita: come aspetto non si discosta molto dal livello grafico di Trails of Cold Steel su PS3. L’effetto del cel-shading è gradevole, ma non è un risultato di altissimo profilo.

Esempio di grafica di gioco fuori dalla battaglia.
Ryouta fa commenti su quanto sia fortunato il protagonista ad avere una cugina carina (che è anche l’insegnante).
Le uscite del ragazzo su come il protagonista sia sempre circondato da ragazze stupende si sprecheranno per tutto il gioco. Una volta, gli chiederà se nasconda da qualche parte anche una giovane zia sexy

Musiche e doppiaggio

Le musiche fanno il loro lavoro e sono adatte al genere; alcuni brani contribuiscono a ricordarmi la serie Persona e non stonerebbero nemmeno in quei videogiochi.
Il doppiaggio è presente soltanto in giapponese, ma ogni battuta è sottotitolata in inglese.

Continua a leggere “Sembra Persona ma non è: Tokyo Xanadu eX+, per Playstation 4. Seconda parte: lato tecnico, sistema di gioco e conclusioni”

Kingdom Hearts Unchained χ (ché X pareva banale…) in inglese, per Android

Finalmente, con l’ultimo aggiornamento del gioco, qualche settimana fa, ho potuto scaricarlo e provarlo. Ebbene sì, lo ammetto, a me la serie di Kingdom Hearts piace molto, anche se è sparsa tra diversi tipi di dispositivi (Playstation 2, Gameboy Advance – credo – PSP, Nintendo DS e ora anche Android/iOS, più riedizioni per Playstation 3) e mi manca un quadro completo della storia di questo multiverso, sostanzialmente un collage di mondi Disney speziati con un tocco di Square Enix.
Ho sempre trovato un che di lovecraftiano, in questi orrori pucciosi e alieni che vanno in giro a mangiare i “cuori” della gente per trasformarli in mostri simili a loro.
A questo giro, farò una cosetta ancora più light delle mie non-recensioni, vuoi perché sono all’incirca a metà strada per finirlo – e i giochi per Android tendo a mollarli a causa della ripetitività, presto o tardi – vuoi perché non ho sotto zampa i credits del gioco con cui imbastire una scheda e non mi sono imbattuto in alcuna frase significativa da citare. :P

Kingdom Hearts Unchained χ 101

kingdom hearts unchained x titoli
La schermata del titolo mi permette di continuare la mia tradizione degli screenshot non all’altezza!

La città di Daybreak Town (in capitoli passati ebbe come traduzione Crepuscopoli) è piena zeppa di portatori di Keyblade, la potente arma magica con la forma di un’enorme chiave, capace di far scattare ogni serratura e liberare i cuori prigionieri degli Heartless. In questo gioco, i portatori si dividono in cinque fazioni chiamate Union

  • Anguis, il cui simbolo è il cobra
  • Leopardos, il cui simbolo è il leopardo
  • Unicornis, che per simbolo hanno l’unicorno
  • Ursus, con il simbolo dell’orso
  • Vulpes, il cui simbolo è la volpe

Lo scopo dei personaggi è quello di accumulare Lux, delle scintille di luce con cui far fronte all’oscurità ventura di cui gli Heartless sono una manifestazione: un domani, l’oscurità avvolgerà tutti i mondi come predetto dal Book of Prophecies, un libro misterioso che può evocare dal futuro dei poteri che ancora non esistono (il che mi fa pensare che questo Unchained χ sia un prequel).
Il tutto andando a zonzo da un mondo Disney all’altro, naturalmente! Continua a leggere “Kingdom Hearts Unchained χ (ché X pareva banale…) in inglese, per Android”