Una storia di spade enormi e magie giganti: Knight’s & Magic

Da bambino, c’erano due tipi di cartoni animati giapponesi che adoravo in modo particolare: i robottoni e le maghette.
Avrei tanto voluto vedere maghette (e maghetti) intenti a guidare dei robottoni, ma a parte un episodio di Minky Momo, i miei desideri rimasero irrealizzati fino all’arrivo del fumetto di Rayearth. Da lì, a memoria, iniziarono a moltiplicarsi le serie di robottoni magici, o almeno mistico-filosofici: Escaflowne, i robottoni col nome che finisce per -on (Evangelion, Rahxephon, Aquarion) e così via.
Oggi ci faremo due chiacchiere su Knight’s & Magic, una serie di robot giganti magici in ambientazione fantasy, disponibile in lingua originale e sottotitoli in italiano sul canale di Yamato Animation.

Knight’s & Magic 101

(Fonte: Animeclick)

Nel regno di Fremevira (o Fremevilla, dipende dalla traslitterazione) esiste una tecnologia fondata sulla magia, che permette di creare dei robot chiamati Silhouette Knight: alimentati dal mana che permea il mondo, questi robot vengono usati da secoli per combattere degli esseri chiamati bestie demoniache, mostri di ogni possibile taglia e potere.
Ernesti Echevalier, un ragazzino appartenente alla nobiltà, si innamora a prima vista del concetto di robottone e decide di dedicare la propria vita al sogno di costruirne uno per sé: in poco tempo, impara a padroneggiare l’arte della scherma e della magia, indispensabili per utilizzare al meglio i Silhouette Knight in battaglia, e una volta iscritto all’Accademia per Cavalieri di Lahiala, inizia a farsi notare per la sua attitudine a innovare schemi vecchi di secoli, producendo nuove tecnologie e utilizzando le vecchie in modi creativi.
Col tempo, il vizio di Ernesti di inventare nuovi modi per combattere su colossi magi-meccanici diventerà fonte di guai – e di opportunità inedite – per il regno intero…

Continua a leggere “Una storia di spade enormi e magie giganti: Knight’s & Magic”

Pretty Guardian Sailor Moon, di Naoko Takeuchi

“Io… Sailor Moon…
… ti punirò in nome della Luna!”
Sailor Moon, in Pretty Guardian Sailor Moon

sailor-moon-gp-cover
La cover del primo volume GP
(Fonte: Wikipedia, non ho avuto il tempo di una scansione :P)

La prima volta che ho visto un episodio della serie animata di Sailor Moon, ho pensato di trovarmi davanti a una parodia: mostri che sembravano usciti da un episodio a caso dei Power Rangers, invettive accompagnate da nomi famosi (“La Navratilova ti caccerebbe dal campo” disse Sailor Moon, a un mostro dai… poteri tennistici) e un notevole numero di gag buffe o sceme accompagnate da un uso strategico della tecnica Super Deformed.
Superato l’equivoco, ho capito che la parodia non era lo spirito della serie, ma ho comunque continuato a seguirla, divertendomi molto. E di certo non sono stato l’unico al mondo, dato il successo planetario che ha reso la serie una leggenda, fondando un genere che unisce majokko, shojo e super sentai e che ha generato una pletora di cloni più o meno sfacciati.
Oggi non siamo qui per parlare della serie animata di Sailor Moon, ma del suo manga, in un’edizione riveduta e corretta da Naoko Takeuchi, la sua autrice.

Pretty Guardian Sailor Moon 101

Nella Tokyo del 199X, alcune studentesse delle medie scoprono di essere la reincarnazione di abitanti del regno della Luna e di possedere dei poteri speciali, grazie alla benedizione dei corpi celesti del sistema solare: una di loro, Usagi Tsukino, è addirittura la reincarnazione della principessa di quel regno, cancellato nel tempo del mito da un potere maligno. In quanto erede del regno, possiede una gemma magica chiamata Cristallo d’argento illusorio, dotata di un potere rigenerativo e distruttivo senza limiti e bramata da ogni forza del Male™ alla ricerca del potere assoluto.
Le belle protagoniste possono trasformarsi in guerriere vestite alla marinara che, grazie ai loro poteri, sono in grado di affrontare i pericolosi mostri inviati dal nemico di turno, sempre alla ricerca del Cristallo d’argento illusorio.

Continua a leggere “Pretty Guardian Sailor Moon, di Naoko Takeuchi”