Geek League, numero 2: La musica delle sfere geek

Mini-CD! Copertina!
Clicca per ingrandire!
(Creato con: Yugioh Card Maker)

Ieri, 21 marzo, è iniziata ufficialmente la primavera: il mondo si rinnova, perciò perché non festeggiare degnamente con un nuovo post della Geek League?
La “missione” di oggi, dopo dopo aver scartato il salvataggio di una tigre dai denti a sciabola che non riusciva a scendere da una sequoia, è risultata essere la Geek Compilation: siamo ancora nella fase “conosciamo i personaggi” del progetto Geek League, perciò oggi citerò una manciata di brani musicali che mi piacciono per qualche motivo – non necessariamente i miei preferiti, ma comunque si tratterà di musica che apprezzo, foss’anche per i bei ricordi.
Perché persino uno come me, che annovera la musica tra i propri punti deboli, ama le canzoni!
Pur avendo, io, dei gusti un po’ ristretti – spesso, di un artista o gruppo mi piace solo qualche brano – ho dovuto pensare un po’ a quali opere inserire nella mia compilation personale, tanto più che abbiamo deciso tutti di vincolarci ad alcuni temi precisi: infatti, le scelte rientreranno in queste categorie

  • Sigla cartoon
  • Sigla telefilm
  • Sigla programma TV
  • Colonna sonora cinema
  • Colonna sonora videogame

Riuscirò a rispettare i temi e a proporre qualcosa per ogni campo? C’è un solo modo per scoprirlo…

Continua a leggere “Geek League, numero 2: La musica delle sfere geek”

The Un-power, la tag del superpotere inutile

È da un po’ di tempo, che pensavo di creare una tag spiritosa – spero di aver raggiunto lo scopo!
Perché è bello rispondere alle tag, tempo permettendo, ma io mi lascio ispirare dalle prodezze altrui e preso dall’entusiasmo – ma non dalle buone idee – ogni tanto provo a cercare nuove, inutili strade. Come questa, con un testimonial d’eccezione, ovvero il pischello mangia-materia!

Fonte dell’immagine iniziale: Scoop Whoop

Ma ogni volta che veniva inventato un personaggio bizzarro, qualcuno regalava un dollaro alla DC Comics? X°D
A ogni modo, ecco le regole della tag The Un-power (cioè Il non-potere)

  • Pensa a una tua abilità sviluppatissima, ma per lo più inutile nella vita di tutti i giorni. Scegli uno solo dei tuoi superpoteri inutili, quello più stupido, inaffidabile o divertente
Questo non vale, a meno che tu non sia in grado di far cadere anche le braccia degli altri!
(Fonte: Amino, forse. Non sono sicuro, ho girato molto per trovarla)
  • Dai alla tua abilità un nome altisonante e una descrizione degna di un fumetto di supereroi – meglio se con spiegone pseudo-scientifico incorporato. Nel dubbio, mettici i quanti: rendono tutto più scientifico, con chi non sa cosa siano
  • Ora ridescrivi il tuo superpotere in parole semplici, perché spiegandola come una cosa da fumetto, potrebbe sembrare una figata, ma in realtà è un potere inutile
  • Nomina altri tre blogger che vedresti bene nella formazione iniziale della tua Blog-stice League (o qualunque nome tu preferisca) e linka uno dei loro blog a tua scelta, quindi chiedi loro se vogliono partecipare a questa tag. Tre persone in tutto possono bastare, come fondatori di un supergruppo dai poteri inutili. O no?
    Se ti fa piacere, butta giù due righe sul perché. Se ti dovesse mancare il tempo, nomination e link basteranno
  • OPZIONE: formazione allargata per taggatori non pigri! Vuoi un supergruppo più nutrito sin da subito? Nomina più persone, ma lascia qualche blogger anche agli altri, mi raccomando!

Per dare il cattivo esempio, ecco il mio un-power.

Memoria precognitiva “Pride Crusher Factor”

Il mio spaventoso superpotere è generato da naniti organici stanziati nel mio cervello, ma in uno spazio differente – seppure coincidente col nostro – perché in un diverso stato vibrazionale, come previsto dalla teoria New 52 del professor Revampus Continuity. Questi corpuscoli semi-senzienti sono dotati di memoria olografica a flusso cronotonico multidirezionale.
Quando qualcuno pronuncia una frase innocua, una frazione della mia coscienza si proietta nel futuro, spinta da un effetto tipo rail gun provocato dai naniti, fino a un momento in cui quella frase si trasformerà in una conoscenza pericolosa per chi l’ha pronunciata.
Quindi, quella porzione di coscienza ritorna e registra nel mio subconscio la frase compromettente; quando arriva il momento giusto, l’informazione riemerge a livello cosciente… in tempo perché io possa decidere se utilizzare questa conoscenza per spingere via una persona arrogante dal suo piedistallo!
Grazie a questo un-power, faccio cadere sia il gigante dai piedi d’argilla che il vitello dai piedi di balsa. :P

In soldoni

Non so perché, ma quando qualcuno pronuncia frasi assolutamente banali, mi si ficcano in testa e settimane, mesi o anni dopo, si verificherà una situazione in cui la frase può far fare una figura veramente pessima a chi l’ha pronunciata!
Una qualità inutile, salvo per zittire qualche smargiasso. :P

Dedicato a chi ritiene che Aquaman serva solo come pesce pulitore dentro un acquario!
(Fonte: Schmoes know)

Blog-stice League, la mia formazione iniziale

In ordine sparso, dopo una rapida selezione, scelgo

  1. Lucius. Ha un talento formidabile per attirare gente con uno stomaco di ferro invincibile, capace di digerire i peggiori filmacci.  Lui stesso sembra impervio ai peggiori esempi di sciatteria narrativa, senza per questo perdere il proprio buon gusto e la fiducia nel futuro. Ma è questa, la sua reale capacità?
  2. Johnny. Uno spirito libero, le cui dita non si fanno legare dalle pastoie di un’ortografia dittatoriale, eppure gli permettono di farsi capire quando scrive. Ma sento che potrebbe avere un potere ancora più grande!
  3. MikiMoz. L’uomo che trascende il tempo e lo spazio in modi preclusi anche alle entità lovecraftiane: egli vive all’interno di diversi decenni contemporaneamente, nel passato e nel presente, senza perdere mai un colpo. Chissà se è questo, il suo vero potere…

Se avete tempo e vi fa piacere, partecipate, con la benedizione di San Tag Tonio. La lotta contro il male e per il bene, l’esportazione della democrazia all’estero etc. richiede che un supergruppo si allarghi a dismisura, così da attirare nuovi lettori, perciò impegnatevi per reclutare nuovi portatori di un-power, non aspettate la comparsa di terribili nemesi dai poteri inutili e imbarazzanti quanto i nostri!

Memorie di un Conte pulcino, ovvero: tag dei 5 oggetti dell’infanzia

Il mio collega di nobiltà virtuale, redbavon, mi ha citato da poco in una tag: bisogna presentare cinque oggetti o giochi dell’infanzia, quindi passare il contagio (TUO! Senza ritorno!) ad altri blogger.
La prima la faccio di sicuro – noblesse oblige, anzi, noblesse oblesse, come fa notare il nostro Barone Rosso (è una cosa di chi si sente i quarti di nobiltà nel nickname) mentre per il secondo punto… forse non lo farò! L’alta temperatura mi impigrisce assai e controllare i 666 blogger che seguo, per decidere chi tirare in ballo, mi richiede un certo sforzo per distinguere quelli attivi da quelli in pausa etc.
Sì, sono pigro, ma proprio per questo, cerchiamo di venire al sodo!

Continua a leggere “Memorie di un Conte pulcino, ovvero: tag dei 5 oggetti dell’infanzia”