La porta sull’estate, di Robert A. Heinlein

Di Heinlein ho letto poco, meno di quanto avrei voluto, ma quasi tutto è stato praticamente impeccabile, sia dal punto di vista dell’intreccio che dello stile di scrittura (tenendo in mente la possibile “tara” della traduzione in italiano).
Oggi gracchierò un po’ de La porta sull’estate, un romanzo di fantascienza con un elemento che potrebbe farlo amare da molti, sui social: i gatti! :P
Sarà una chiacchierata leggera, ma non escludo di tornare sull’argomento in futuro.

La porta sull’estate 101

Daniel Boone Davis è un ingegnere ricco di inventiva e senso pratico, ma solo quando si muove dell’ambito dei macchinari – appena si parla di bellezza femminile o di gatti, perde subito ogni senso della prudenza.
Nella vita di Daniel ci sono poche esistenze importanti: il suo gatto (Petronio L’Arbitro, o semplicemente Pete) la sua stupenda fidanzata – e socia in affari – Belle, il suo socio Miles e la di lui figlia Frederica.
Due di queste figure si dimostrano tutt’altro che degne di fiducia e Daniel si ritrova non esattamente in brache di tela, ma comunque non più al controllo della propria società, un’azienda che ha raggiunto un buon successo commerciale grazie alle invenzioni di Daniel, i robot per la gestione della casa.
A causa di alcune scelte errate, di ulteriori colpi bassi e della nascente tecnologia criogenica, Daniel si ritrova proiettato nel futuro, nell’anno 2000, spaesato per via di alcuni cambiamenti sociali e in possesso di una laurea in ingegneria basata su concetti vecchi di trent’anni.
Da quel momento, ha inizio il suo progetto: riprendere il controllo della propria vita e ottenere una raffinata rivalsa su chi lo ha tradito.

Continua a leggere “La porta sull’estate, di Robert A. Heinlein”

I figli di Saturno, di Charles Stross

Ho finito di leggere questo libro già da un po’, ma ho lasciato passare in cavalleria la consueta gracchiata in zona Urania perché… barrate la risposta che preferite

  • caldo
  • pigrizia
  • altri impegni

Spoiler: sono tutte corrette!
Ora che ho fatto il brillante, possiamo andare avanti, verso Saturno e non oltre – a questo libro ne segue un altro, accompagnato da un racconto, entrambi inediti in Italia. Credo.

I figli di Saturno 101

Alla fine, ce l’ha fatta: l’umanità si è estinta, lasciandosi dietro un principio di civiltà spaziale ereditata dai suoi servi robot/androidi (sulla questione semantica, arriveremo dopo).
Uno di questi servi è un robot femminile di nome Freya Nakamichi-47, una delle ultime della sua serie di cortigiane-geisha-robot di piacere, esternamente simile a un essere umano, ma dotata di alcune funzioni non tipiche della nostra specie.
A causa di un incidente con una aristo (parte della classe dirigente del nuovo ordine) Freya deve spingere le proprie capacità al limite per poter scappare e sopravvivere, accettando di diventare un corriere per conto della Jeeves Corporation e cacciandosi in un ginepraio senza fine, ma arrivando anche a scoprire delle verità insospettabili sulla propria serie di robot, sui suoi datori di lavoro e sui nemici che, volente o nolente, finisce per farsi nel corso delle sue avventure.

Continua a leggere “I figli di Saturno, di Charles Stross”

Specie immortale, di Colin Wilson

Dopo tanti mesi, torniamo in zona Urania con uno dei romanzi fantascientifici (e anche un po’ psichedelici) di Colin Wilson, che ho deciso di rileggere, con tutto comodo, in queste settimane.
Sì, ci ho messo un paio di settimane.
Sì, sto diventando pigro.
Più pigro. :P

Specie immortale 101

Howard Lester, un giovane con un certo talento per la matematica, sembra destinato dal padre a una vita da ingegnere, ma un incontro fortuito con un intellettuale e aristocratico inglese, col quale condivide un’innato interesse per la scienza e l’arte, cambia la sua vita.
Quando l’amico muore, Howard rafforza una sua ossessione circa la caducità della vita umana e, intenzionato a scoprire i segreti della longevità, compie studi durante i quali stringe la conoscenza di Henry Littleway, un altro studioso aristocratico con cui fa esperimenti sulla durata della vita umana.
Dopo alcuni vicoli ciechi, i due arrivano a scoprire un metodo per dare agli esseri umani il controllo sulla loro vita, aprendo all’umanità le porte verso l’eterna giovinezza.
Il nuovo dono all’umanità non è l’unico del pacchetto: l’esperimento porta allo sviluppo di capacità insolite e dalle ampie possibilità di impiego, superando non solo i limiti del corpo, ma soprattutto quelli della mente e della percezione, portando nuove opportunità e antichi nuovi pericoli.

Continua a leggere “Specie immortale, di Colin Wilson”