Scooby-Doo! Mystery Incorporated

Scooby-Doo! Dove sei tu?”
Shaggy, Scooby-Doo! Mystery Incorporated

Da bambino ero un grande fan di Scooby-Doo, dato che nelle sue storie c’erano

  • un cagnone buffo
  • una gang di amici più o meno svitati
  • misteri quasi soprannaturali (peccato per il “quasi”)
  • gag comiche
  • colpi di scena

Crescendo, però, ho notato sempre di più un elemento che non apprezzo all’interno di un ciclo di storie: una prevedibile routine! A causa di ciò, nella prima adolescenza ho iniziato ad allontanarmi dalla serie – e così, Scooby e i suoi sono diventati come quegli amici che vengono retrocessi a conoscenti: li vedi ogni tanto e scopri che a volte, anche loro hanno qualcosa di nuovo da dire, ma meno di quanto ti saresti aspettato dopo aver visto che ora vanno in giro con la Warner Bros dei nuovi amici.

Qualche anno fa, i vecchi amici sono tornati a cercarti: dicono più o meno le stesse cose di prima, ma in modo più spiritoso. Hanno anche nuove battute da sfoggiare, hanno imparato a usare le citazioni, si esibiscono nello humour nero…
Questi vecchi amici hanno scoperto di poter usare il loro passato per dire qualcosa di nuovo e ti raccontano delle storie in cui a volte il mostro è vero, e alcune persone possono morire davvero in modo orribile! O.O

Scooby-Doo-Mystery-Incorporated
Eccoli qua, i nostri impavidi eroi!
(Fonte: qui)

Scooby-Doo! Mystery Incorporated 101

Crystal Cove è il luogo più infestato della Terra, al punto che la sua intera economia è basata sul turismo dell’orrore e del soprannaturale: sin dalla fondazione, la città è stata teatro di eventi misteriosi e catastrofi (in)naturali!
Un gruppo di due ragazze, due ragazzi e un cane parlante decide di raccogliere l’eredità di alcuni studenti investigatori della scorsa generazione: i membri della prima Mystery Incorporated, scomparsa non si sa dove né perché.
Quelli della nuova Mystery Inc. vogliono scoprire cosa ci sia dietro la scomparsa dei loro predecessori e quale sia la natura di un favoloso tesoro nascosto da qualche parte in città; nel farlo, si scontreranno con gli interessi economici della città – che a ogni mistero svelato, potrebbe perdere attrattiva agli occhi dei turisti – imbattendosi in uno schema ricorrente nella storia di Crystal Cove: in passato ci sono state diverse squadre di risolutori di misteri, composte da quattro persone e un animale parlante!
Ma un’amicizia così profonda, può davvero essere stata pilotata da qualcuno? E perché?
E quale segreto è celato nella fondazione di Crystal Cove, legando tra loro molti fatti misteriosi accaduti nei secoli fino ai giorni nostri?

La scheda

Titolo originale: Scooby-Doo! Mystery Incorporated
Creata da: Joe Ruby e Ken Spears
Prodotta da: Warner Bros. Animation (2010-2013)
Stagioni: 2 (26 episodi ciascuna)
Doppiaggio: Studio EMME

Disegni, animazione e doppiaggio

La resa grafica dei personaggi è molto vicina a quella classica, ma il tratto scelto è diverso, più spigoloso e semplice. L’animazione è discreta, per una serie tv, e a differenza del classico cartone Hanna & Barbera, non ci sono troppe operazioni di riciclaggio dei fondali. Aspettatevi molte scene d’azione, specialmente fughe e inseguimenti rocamboleschi!
Il doppiaggio è buono – qualche personaggio è reso in un modo un po’ sopra le righe – e anche senza prestare troppa attenzione, si possono riconoscere alcune voci famose del mondo del doppiaggio italiano.

Una moderata rivoluzione

Le storie delle classiche serie di Scooby-Doo erano funestate dall’uso smodato di formule sempre uguali, che rendevano ogni episodio una fiera del “già visto”

  1. I protagonisti vanno da qualche parte per qualche motivo
  2. Un mostro fa qualcosa seminando degli indizi
  3. La squadra si imbatte nel mostro e scappa dappertutto, ottenendo nuovi indizi e mettendo tutte le tracce in relazione tra loro
  4. Velma perde gli occhiali inciampando su qualcosa o sbattendo contro qualcuno
  5. Il gruppo organizza una trappola e usa Shaggy e Scooby come esca, dopo averli corrotti con qualche “Scooby-snack
  6. Il mostro insegue Shaggy e Scooby – che si travestono almeno una volta da qualcosa di assolutamente fuori contesto, riuscendo a ingannare il mostro per qualche momento
  7. Il mostro cade nella trappola e viene smascherato, rivelandosi una persona comune con qualche trucco che simula poteri mostruosi
  8. PS: il colpevole è un personaggio già visto in precedenza nel corso dell’indagine, rispettando uno dei classici canoni del giallo all’inglese

Inoltre, le serie di Scooby-Doo sono solitamente prive di una trama orizzontale (la mia memoria da pesce rosso ricorda, come unica eccezione, la serie I 13 spettri di Scooby-Doo, in cui Vincent Price doppiava uno stregone buono con il suo stesso aspetto).
Mystery Incorporated fa ancora uso della formula classica di costruzione degli episodi, ma ogni tanto la varia e in più le affianca una trama orizzontale che si sviluppa lungo le due stagioni della serie. Inoltre

  • i rapporti tra i protagonisti sono molto più definiti: i personaggi sono sempre strambi e fuori di testa, ma meno stereotipati; in più, i loro rapporti disfunzionali danno vita ad alcune sotto-trame che scavano nei loro sentimenti
  • alcuni mostri sono veri!
  • talvolta, un comprimario importante muore di morte violenta! Di solito fuori scena, ma sempre morte è…

La storia portata avanti nell’arco delle due stagioni non è perfetta: c’è decisamente troppa carne al fuoco (una continuity complessa, molti intrighi, citazioni a valanghe) ma anche un sacco di elementi frizzanti e divertenti: un gradevole mischione di fantascienza + mitologia + horror + commedia + mystery.
Resta comunque un prodotto per… diciamo l’adolescenza più che l’infanzia (la storia è lievemente complessa e i protagonisti stanno per andare al college, sottintendendo un “rito di passaggio” all’età adulta) ma può essere comunque una serie piacevole da vedere anche con qualche annetto in più.
E in due puntate c’è Harlan Ellison che doppia se stesso. Sì, Harlan Ellison è un personaggio della serie! XD

La forza sta nel gruppo: la Mystery Incorporated

Come ho anticipato, uno dei cambiamenti più importanti della formula classica va a toccare proprio il quintetto dei protagonisti, al punto che persino i personaggi più stereotipati – Fred e Daphne, ma in una certa misura anche Velma – diventano dei potenti motori di trame e situazioni più profonde

  • Fred, il figlio del sindaco di Crystal Cove, è il classico biondino atletico e coraggioso. Ma è anche qualcosa di meno classico, nello stereotipo di “figo” della scuola: è un nerd delle trappole, ossessionato da trabocchetti e meccanismi di difesa del territorio e cattura sia arcaici che moderni! Questa passione per le trappole è tanto grande che non solo Fred non si accorge che Daphne è innamorata di lui, ma non capisce nemmeno di ricambiare i sentimenti della ragazza!
    La passione per le trappole ha una motivazione profonda in un dispiacere del suo passato…
  • Daphne, figlia di genitori ricchissimi, belli e superficiali, è l’ultima di cinque sorelle stupende e dalle carriere sfavillanti. Carina e modaiola, è innamorata di Fred e cerca di farsi notare da lui come ragazza e non solo come investigatrice – senza fare cose folli, a parte collaborare alle indagini della Mystery Inc.
    Coraggiosa e sensibile, è il centro emotivo del gruppo.
  • Velma, estremamente intelligente e analitica, nonostante sia figlia di due appassionati di occulto (che vendono souvenir a tema mostruoso e misterioso) ha una forte impostazione scientifica ma non scientista.
    All’inizio della serie, ha una relazione segreta con Shaggy – segreta perché il ragazzo non vuole destabilizzare Scooby: il classico triangolo “coppia di migliori amici + ragazza di uno dei due”! Come andrà a finire?
  • Shaggy e Scooby-Doo, si fa prima a trattarli assieme. I classici migliori amici delle storie statunitensi, tanto simili tra loro da sembrare l’uno il clone dell’altro, anche se Shaggy è un essere umano e Scooby un cane! Mangioni, codardi e svelti di gambe, i due sono ancora il principale comic relief della storia e questo li rende i personaggi più fedeli alla loro classica caratterizzazione – con l’eccezione della storia segreta tra Shaggy e Velma.
    Il perché Scooby sia in grado di parlare avrà una grande importanza nella storia della serie.

Crystal Cove e i suoi abitanti

Una storia di ampio respiro – come una trama orizzontale, per esempio – richiede una forte continuity fatta di luoghi ricorrenti, ma soprattutto di personaggi dalla caratterizzazione coerente ed eventi passati che non vengano continuamente modificati per la pigrizia degli sceneggiatori.
Le storie di Mystery Inc. si svolgono quasi tutte a Crystal Cove e nei suoi dintorni: molti luoghi sono presenti nella storia per una puntata o poco più – il tempo di ambientarvi la storia del “mostro della settimana” – ma alcuni ricorreranno nel corso della serie, compreso un certo scenario onirico di Scooby…
Alcuni personaggi sono poi talmente ricorrenti da sfiorare il protagonismo, come

  • lo sceriffo Bronson, che all’inizio è sempre intento a cercare di dimostrare che la Mystery Inc. ha torto
  • le famiglie dei protagonisti – una delle quali nasconde un segreto – importantissime nella storia di questo reboot
  • l’ambiguo Mister E., fonte di informazioni e indizi
  • il pappagallo intelligentissimo e pazzo, Mister Pericles, dagli obiettivi misteriosi
  • la geniale Marcy “Hot-Dog Water” (capace di competere con Velma in quanto a capacità tecniche, conoscenza scientifica e acume)…
  • la sfortunata DJ Angel Dynamite

Molti di questi personaggi ricoprono, in certi momenti, il ruolo del mostro, del nemico mortale o dell’alleato dei protagonisti, talvolta cambiando funzione nel corso della storia in virtù dei propri obiettivi.

Citazioni

La storia è piena zeppa di citazioni, sia interne alla mitologia di Scooby-Doo o di altre serie classiche Hanna & Barbera, sia esterne e inaspettate, provenienti da storie che nessuno metterebbe mai in relazione con Scooby!
Tra le prime – da serie Hanna & Barbera – abbiamo la coppia di supereroi Blue Falcon e Cane Prodigio (in pratica, l’anello di congiunzione tra Batman e Kyashan :P) Vincent Van Ghoul (il personaggio di Vincent Price in I 13 spettri di Scooby-Doo, già citato in precedenza) e il gruppo musicale eco-goth rock delle Hex Girls.

hex girls con daphne
Da sinistra, Daphne in versione gotica e le tre Hex Girls, Dusk, Luna e Thorne.
Purtroppo, non ho trovato un’immagine decente delle ragazze truccate da calavera, pronte ad affrontare gli zombie dello ska!
(Fonte: Fanpop)

Tra le citazioni del secondo tipo – esterne all’universo Hanna & Barbera – troviamo citazioni più o meno estese, provenienti da Twin Peaks, da Hellraiser, da Watchmen e soprattutto dalle opere di Lovecraft: in un episodio della serie compare il professor Hatecraft, una ovvia parodia di Lovecraft; in più, in Mystery Inc. esiste la Miskatonic University e tra i suoi docenti si trova lo scrittore Harlan Ellison, avvezzo a confrontarsi con situazioni particolari grazie alla sua carriera nell’ambito della speculative fiction! XD

Concludendo

Scooby-Doo! Mystery Incorporated dimostra la scarsa validità di un proverbio del mondo anglosassone

You Can’t Teach An Old Dog New Tricks
Non puoi insegnare nuovi trucchi a un vecchio cane

Dopo anni in cui Scooby e la sua gang hanno vivacchiato tra film d’animazione derivativi all’ennesima potenza e film dal vivo… idem, in casa Warner sono riusciti finalmente a portare in quest’icona pop una ventata d’aria fresca, creando un reboot pieno zeppo di elementi inaspettati e la speranza di un futuro migliore per questo cane stralunato e i suoi compagni.
Certo, non tutto va pienamente a segno: ci sono tantissimi elementi di storia e ambientazione, a complicare le due stagioni di questa serie, e questo fa sì che la trama tiri in diverse direzioni nello stesso momento, tra un mostro della settimana e una citazione, tra un intrigo e un mistero del passato, ma la serie si chiude in due stagioni senza languire mai (mi hai sentito, Lost?) e senza dimenticare personaggi e sotto-trame, fino a un finale col botto e una chiusura degna di un Demiurgo gnostico!

Pur avendo una caratterizzazione molto sopra le righe, i personaggi sono costruiti con una profondità insolita – per una serie di Scooby-Doo – permettendo alla storia di toccare in modo leggero anche tematiche come amore, amicizia e fiducia senza diventare troppo melensa.
Chi più, chi meno, tutti i personaggi – soprattutto i cinque protagonisti, ma anche qualche antagonista e comprimario – beneficiano di un arco di trasformazione consistente, che li renderà diversi da come si presentavano nella loro prima apparizione.
Per quanto mi riguarda, l’operazione nostalgia + rinnovamento è riuscita senza traumi: consiglio la serie ai nostalgici del personaggio di Scooby-Doo e alle combo genitori nerd + figli! :D

PS: l’edizione italiana, al momento, viene replicata spesso su Boing.

Fonti consultate (la mia memoria manca i dettagli!)

La sezione dedicata alla serie Mystery Inc. di Scoobypedia
L’immancabile pagina Wikipedia

Link

Un articolo molto acuto, in inglese, letto dopo aver scritto questa piccola recensione.
Questo pezzo, assieme a un altro paio sullo stesso sito, mi ha fatto notare alcuni particolari che mi erano sfuggiti sia su questa serie, sia sulle serie di Scooby più classiche, rivelandomi che questo franchise è ancora migliore di quanto pensassi, e ben più profondo!
Chiariamoci: continuo a trovare noiosa la routine narrativa, ma ora riesco a inquadrare meglio certe scelte di sceneggiatura. ;)

Annunci

3 pensieri su “Scooby-Doo! Mystery Incorporated

    1. Sapevo che quel nome avrebbe attratto la tua attenzione, e avrei voluto vedere la tua faccia mentre leggevi questa mini-reccy ^_^
      A ogni modo sì, anche se in misura marginale, Harlan Ellison è stato coinvolto nel progetto. Mi chiedo se lo sarà anche in futuro – ho letto di voci su un progetto Scooby + Wrestler, ma dovrei ritrovarle per essere sicuro…
      In più, alla fine della serie, Ellison diventa insegnante alla Miskatonic e insiste perché la Mystery Inc. vada a studiare lì: esigo un buon seguito!

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...