Game over, la tag dei videogiochi

Una nuova cartuccia sparata da san Tag Tonio, che stavolta ha ispirato Arcangelo di Omniverso perché ponesse delle domande a tema videoludico.
E visto che la mia risposta tardava ad arrivare (tra le mie paturnie e alcune rotture della vita reale, ho rallentato il ritmo della voliera. Già, ancora di più!) anche Marco Nero de Il mondo di Nero ha deciso di spronarmi a farmi profilare nelle mie perverse abitudini videoludiche!
Prima che venga emesso un manifesto di “ricercato” come nel west, rispondo alla chiamata.

Immagine saccheggiata da Omniverso

Le domande

Qual è stato il tuo primo approccio ai videogiochi?
Ho avuto diversi “primi approcci”, dato che fino alla Playstation non sono stato un videogiocatore regolare (mancanza di soldi).
Il primissimo incontro, in ordine cronologico, è stato la sala giochi, quando avevo, boh, otto anni? Sale giochi e bar sono tornati quando avevo circa quindici anni.
Ci sarebbe poi il mio Atari XE, ma qui si fanno anticipazioni su altre domande…
Infine, strinsi amicizia con un ragazzo che ha avuto varie console, mai due contemporaneamente, che mi introdusse al mondo Nintendo.

Qual è stata la tua prima console? E in seguito?
L’Atari XE di cui sopra è stata la mia prima console. Certo, veniva venduto come un computer domestico, ma era, di fatto, una console con una tastiera da collegare.
In seguito, ho avuto la prima Playstation e da lì ho finito per essere un “sonaro”… ma qui rischiamo un’altra anticipazione.
Questa tag ha domande profondamente interconnesse! :P

I titoli che più hanno definito la tua vita da videogamer?
Dalla sala giochi, Street Fighters II, presto superato dalla saga The King of Fighters.
Su console, Final Fantasy VII e la serie Persona.
Diciamo che i pilastri della mia vita videoludica sono decisamente i JRPG (coi picchiaduro ho perso contatto molto presto, essendo poco coordinato e scarsino di riflessi – e trovandomi in difficoltà a fare quarti di giro e compagnia sul joypad).

Come ti schieri nella console war? Nintendo o Sega? PlayStation o Xbox? O guardi dall’alto verso il basso tutti questi e giochi con il PC?
Per questioni monetarie, Playstation (di solito ha il maggior numero di titoli che mi interessa giocare) ma avendo soldi e spazio in quantità, sarei per avere almeno un esemplare di ogni macchina, dato che qualche esclusiva interessante ce l’hanno tutte.
Qualcuno potrebbe obiettare che il costo di una console non è poi così basso, ma di solito finisco per avere una macchina quando la sua generazione è morta da qualche anno e così, la pago decisamente meno.
Non è un caso se spesso mi ritrovo ad avere un po’ di giochi prima della macchina che li fa girare. XD

Il tuo livello preferito di un gioco? Che sia una boss fight, un livello o un ambientazione in particolare che ti è rimasta impressa.
A questa domanda non so rispondere, perché di solito mi rimane impresso un gioco nel complesso. È più facile che io ricordi come un tormento un livello brutto o frustrante.

Quel gioco che ti ha proprio deluso
Questa è facile ed è recente: Darksiders 2. Il primo capitolo era un po’ ostico in certi passaggi, ma ne sono uscito, mentre il secondo aveva uno scontro boss davvero irritante, di quelli in diverse fasi in cui ogni passaggio andava affrontato in un unico modo.
Ho avuto parecchi problemi a coordinarmi con i comandi, dovevo prima andare a cavallo per tenere la distanza, aspettare che il farabutto alzasse il braccio per sparargli sulle bombe che aveva sotto il tricipite, in questo modo gli cadeva il braccio. Quindi dovevo avvicinarmi prima che si rialzasse, usare un “rampino” per raggiungere una gemma da scassare, rifarlo due volte almeno (perché una non mi bastava)… e questa era solo la prima fase! E schiattando, mi toccava rifarla anche se ero già passato alla seconda, ancora più pallosa.
Per questo motivo, ho deciso di mollare la saga e di non mettermi nemmeno a parlare del primo, che comunque mi è piaciuto: ormai, con Darksiders ho il dente avvelenato e non voglio più saperne nulla!
Ma perché non rincarare un po’ la dose con un altro gioco che mi stava cavando fuori di bocca i porcoyevon? Parliamo di Indivisible: gioco carino, simile a Valkyrie Profile (♥) per certi aspetti del flusso di gioco, ha però una marcata componente platform funestata dalla presenza di certi comandi di movimento.
In sostanza, la protagonista può usare alcune armi per agevolare la propria esplorazione della mappa (per esempio, può conficcare l’ascia sulla parete e darsi una spinta con essa, oppure usare la lancia come un pogo per superare certi terreni pericolosi) e in certi quadri, ma soprattutto nel dungeon finale, questa caratteristica è spinta a un livello tale da farmi bloccare per la rabbia!
A me ha creato problemi già la fase (forse) finale di Guacamelee, figuriamoci quel casino di parti di movimento in cui devo muovermi con la leva sinistra e, al tempo stesso, combinarla col tasto d’attacco per usare una certa arma (basta inclinare male la leva e ti dà l’arma sbagliata, costringendoti a ripetere il passaggio) e poi, già che ci siamo, perché non saltare qua e là?
No, troppo difficile: non toccherò mai più Indivisible ed è un peccato, perché quel gioco ha molte buone qualità.

Quale gioco ritieni sottovalutato e pensi meriterebbe più fama?
GrimGrimoire, per Playstation 2. È uno strategico in tempo reale – con possibilità di pausa, all’interno dei menu di “produzione truppe”. Dal punto di vista della storia – molto carina e meno pucciosa di quanto lasci intendere la grafica – unisce il concetto della scuola di magia a quello del loop temporale, tirandone fuori una trama appassionante e con discrete punte di cattiveria.
Come gameplay, si tratta di affrontare battaglie tra eserciti, messi su evocando truppe di varia natura grazie a dei cerchi magici (le strutture di produzione e ricerca).
E ha delle musiche molto belle!
Aggiungerei anche Koudelka, JRPG per la prima Playstation. Aveva un elemento tattico particolare, con il bonus di una storia molto carina e bella cupa, accompagnata da musiche niente male!

Il genere che proprio non ti piace o non fa per te?
Sparatutto in prima persona, FPS per gli amici angloparlanti. Non amo il militarismo – lo digerisco un po’ quando è mescolato con elementi fantastici marcati (come in Final Fantasy VIII) e non riesco a trovarmi bene con il puntamento, che si tratti di usare il joypad – il peggio, per un FPS – o la più funzionale combinazione di mouse e tastiera.
È un tipo di gioco che non fa proprio per me, mi ci trovo male e in più non mi diverte (ho pure abbandonato Bioshock Infinite per questo, nonostante ambientazione, storia e personaggi mi piacessero molto).

Il titolo che hai rivalutato.
Non me ne viene in mente uno. È più facile che mi faccia schifo un gioco che mi sembrava promettente. :P

Quale gioco secondo te meriterebbe un remake?
Direi due giochi: il già citato GrimGrimoire e poi Final Fantasy VI. Quest’ultimo ho iniziato a rigiocarlo prima dell’estate (la versione per la prima Playstation, ma su PS3) e mi sono reso conto di quanto sia invecchiato male come gameplay: scontri casuali a manetta, certi enigmi pallosi…
Credo che mi sforzerò di riprenderlo perché ci sono affezionato (e perché, intorno al 2003/2004, quando ci ho giocato sulla prima Play, mi si è corrotto il salvataggio all’ingresso del dungeon finale) ma mi richiederà un certo sforzo…
Diciamo che un remake come quello che ha coinvolto Final Fantasy VII ce lo vedrei bene.

Le mie nomine

La tag è finita, giocate in pace

36 pensieri su “Game over, la tag dei videogiochi

    1. Avrei voluto finirlo, Darksiders II, ma il livello della furia (mia) stava superando il livello di guardia, avrei potuto incenerire la play con lo sguardo :P mannaggia a chi a programmato quello scontro e quei controlli!

  1. Denis

    Ha Darksiders bei ricordi, il personaggio di Guerra del primo aveva i movimenti mutuati di Raziel del sommo Legacy of Kain : Soul Reaver ( recentemente ho recuperato il terzo ), una volta finito l’ho venduto, il secondo in cui usavi Morte che portava in spalla il corvo Polvere l’ho presi su Zavvi ( Shop online inglese ) a 13 euro mentre da noi sparavano prezzo pieno 60 cucuzze.
    Di King of Fighter ho il 13, May Shiranui non fa come faccia lottare con quelle bocce e ha non cadere.
    Si i giochi di ruoli li gradisco, più che GrimGrimoire, che non conosco, avevo provato a cercare Dark Cloud, senti che rarità ho trovato il brutto Michigan Report from Hell e Legend of Legaia 2.
    Di Persona ho provato solo il picchiaduro, so che uscito il 5 sottotitolato in italiano ma in pochissime copie.

    1. Darksiders II è ancora una ferita aperta XD
      Mai Shiranui è un personaggio davvero esagerato, chissà che feticcio delle ninja maggiorate aveva chi l’ha inventata.
      Michigan non lo conosco, mentre Legaia 2 l’ho trovato usato a buon prezzo, anni fa…
      Riguardo a Persona, il 5° è già uscito anni fa, ma di recente hanno pubblicato l’edizione Royal, che dovrebbe aggiungere personaggi ed eventi alla trama, oltre ai sottotitoli in italiano (più avanti cercherò di prenderlo, anche se ho già giocato la versione “liscia”).

  2. Brutta faccenda i soldi… ho avuto più fortuna di te solo perché a parte la console (regalo iniziale) e un gioco l’anno (al compleanno), avevo un cugino viziato a cui rubare tanti giochi, così mi sono goduto le generazioni a 8 e 16 bit 😁
    Sul fatto di comprare le console a fine generazione, siamo in sintonia! E comunque non ho accantonato la 3, ho ancora una ventina di titoli da portare a termine, 50 se conto quelli solo da provare (è modificata e non li pago ma comunque volendoli pagare li trovi a 10 euro).
    PS5, noi ci vediamo tra 4 o 5 anni.
    Koudelka me lo ricordo di nomina, più per le recensioni.
    Saluti a presto.

    1. Anche io tendo a tenere macchine e giochi, è sempre utile (almeno i giochi, alla peggio puoi emulare la macchina).
      Riguardo al comprare le console a fine ciclo vitale, eh, si fa di necessità virtù XD appena uscite sono spesso fuori dalle mie tasche…
      Bel commento, saluti a presto ^^

    2. Anche io alterno PS3 e PS4, un po’ perché ho ancora titoli da giocare da zero (FF X-2, XIII e XIII-2, Star Wars il potere della Forza II), altri mi piacerebbe fare i trofei (Infamous sono letteralmente ad un passo da anni) e Metal Gear Rising che mi ero incartato ad un certo punto e non l’ho mai finito.

  3. Denis

    Michigan è un simulatore di found footage, in pratica sei un giornalista che fa riprese alle giornaliste in cerca dello scoop per via di misteriosi mostroni ridicoli, Legaia 2 l’ho trovato nuovo a 3 euro ma l’ho venduto subito a 20 euro perchè era in inglese, comunque sono d’accordo meglio prendere le console a fine ciclo cosi si trovano titoli a minor prezzo, ad esempio ieri ho preso un new nintendo 3ds nuovo edizione limitata

  4. Oddio, Koudelka!! Che cazzo sei andato a ripescare XD
    Comunque, penso che anche l’Amiga alla fine fosse una console spacciata per computer… ahaha!
    The King meglio di Street??? :o

    Moz-

    1. Io ho AMATO i primi King of Fighters ^^
      E ho amato Koudelka, gran gioco, nel suo ambito.
      L’amiga l’ho frequentato poco, da un amico… e in effetti, ci giocavo e basta XD

  5. Certi giochi sanno proprio far uscire il peggio da noi, a volte basta anche solo un glitch, se ti va bene ti fai due risate, se ti va male…
    Tra i tantissimi picchiaduro che ho giocato in vita mia Fatal Fury e KoF non rientrano tra questi, se non qualche sporadica partita in sala giochi, non mi dispiacerebbe recuperare.

    1. A volte penso che giocare senza arrabbiarmi per le inevitabili fregature del gioco mi renderà una specie di illuminato cosmico XD ma sono lontano, ancora :P

      Fatal Fury, nelle sale e nei bar di Cagliari, era moderatamente raro. KoF, invece, lo si trovava quasi ovunque. La saga di Orochi mi era piaciuta anche come storia.
      Occhio, che KoF 96 è bello tosto, specie il boss finale, che para quasi tutto e pesta duro (e c’è di peggio nel 2001, se ricordo bene).

    2. Denis

      Ho fiinito Star Wars il potere della forza 2 ma forse il primo è meglio, Metal Gear Rising l’avevo finito qualche anno fa e difficile capire il tempismo per la parata.
      King of Fighter è più tecnico di Street Fighter, ma le statuine in Giappone in pose osè di May Shiranui vanno a ruba, la Snk fa picchiaduro più tecnici.

    3. Anche Street Fighters non scherza, in quanto a tecnicismi: la concatenabilità delle mosse (se uno non è bradipo come il sottoscritto) è dai tempi dell’alpha che raggiunge livelli spaventosi!
      KoF aveva dalla sua una certa tendenza a sperimentare soluzioni alternative: a partire dalle squadre da tre, i due sistemi di carica delle speciali nel ’97 (caricare l’aura tenendo premuti i tasti o dando botte) e i successivi sistemi di “striker”…
      Diciamo che hanno provato spesso a variare la formula.

  6. Denis

    Se andiamo in Giappone in sala giochi, sicuramenti i ragazzi del posto “ci saccagnano virtualmente” in entrambi i giochi, uno che conoscevo aveva il Neo Geo cd con Art of Fighting, il boss finale richiedeva una mega combo lunghissima, mentre io ho su Wii la Samurai Shodown collection ma non sono riuscito a sconfigger il boss finale in 2, 3 mosse mi seccava…

    1. Sono sempre stato scarsino – non devo viaggiare oltreoceano, per farmi legnare a un rullacartoni XD – ma qualche gioco da sala, a livello medio, sono riuscito a finirlo. Col joypad trovo più difficoltà anche solo contro la CPU. :(

  7. Kuodelka era intrigante, con quell’anima a metà tra rgp con combattimenti a turni e survival horror, ma la realizzazione tecnica scarsa mi ha sempre impedito di giocarci a fondo. Un remake non ci starebbe male…
    Mi rimane ancora da giocare la serie “Shadow Hearts” che ne è il seguito.

    1. Alla fine della fiera, il gameplay di Koudelka era abbastanza godibile e il gioco era pure breve, per un jrpg.
      Comunque sì, in questo tempo di remake e remastered, un suo ritorno sarebbe molto apprezzato.

      Di Shadow Hearts ho giocato i primi due: carucci, storia con un paio di punte di cattiveria (vale per entrambi) e lieto fine non totale – il primo ha due finali – però avevano un’atmosfera meno cupa, rispetto a Koudelka, quasi supereroica.
      Il secondo ha avuto anche dei momenti di commedia cazzona.

  8. Finalmente ti ho letto! Ho pure preparato il mio post, domattina lo pubblico. Mi rendo conto che ho effettivamente tenuto fuori dalle mie risposte le sale giochi al contrario di quanto hai fatto te, però forse va bene così: mi ricordo che guardavo un sacco di gente giocare a Street Fighter, ma io non avevo mai una lira quindi probabilmente c’avrò giocato una o due volte in sala giochi (mentre poi sull’Amiga era un classico con gli amici)!

    E mi dispiace non conoscere i giochi che secondo te andrebbero rivalutati, mi hai incuriosito!

    1. Le sale giochi erano un pozzo mangiasoldi! A ucciderle è stata la generazione di PlayStation e Saturn, capaci di avvicinarsi alla resa dei cabinati (o addirittura di superarla).
      Ovviamente, anche la questione pirateria, ed emulazione su PC, ha influito molto.

      Buona fortuna coi giochi che ho citato, sono fuori commercio da un po’, specialmente Koudelka. GrimGrimoire, magari, potresti recuperarlo con l’usato ^^

    2. Io ricordo che quando giocavo con amici su varie Amiga nemmeno mi rendevo conto che erano tutti giochi piratati quelli che usavamo. Anzi, sembrava quasi un gioco anche il software usato per copiare i vari floppy (come si chiamava? X-qualcosa?)! Forse ero troppo piccolo per capire quanto fosse illegale la cosa!

  9. Pingback: Game over, la tag dei videogiochi

  10. Ecco, entrambi non amiamo gli sparatutto militareschi in prima persona! Comunque, ora che mi ci fai pensare, i giochi in prima persona, in generale, non mi piacciono molto. Devo vedere chi cacchio piloto!

    1. Anche io preferisco vedere il personaggio e non sento come particolarmente immersiva la prima persona – per me, l’immedesimazione viene con un personaggio ben costruito, che vive in un mondo “credibile” persino quando è pesantemente fantastico e può compiere scelte logiche da cui discendono conseguenze sensate ^^

  11. Pingback: Game over, la tag dei videogiochi – Il Blog di Tony

    1. Nella “guerra tra console”, se puoi darti a una sola console, sei sonaro (da Sony) se vai di Playstation, boxaro se vai di Xbox e immagino nintendaro se vai di console Nintendo. ^^
      Chissà cosa si diventava ai tempi in cui la Sega produceva anche console… :P

      Io ci gioco regolarmente, ai videogiochi, ma resto comunque un po’ scarso, non metto mai più dell’impegno minimo per finirlo, sennò (per quanto sono scarso) diventa un lavoro, e proprio non mi ci vedo come videogiocatore agonistico ^^

Vuoi dire qualcosa? Gracchia pure!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.